` Gli esperti si riuniscono in Italia per affrontare il nuovo killer degli ulivi - Olive Oil Times

Gli esperti si riuniscono in Italia per affrontare il nuovo killer degli ulivi

Ottobre 1, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

Gallipoli - l'epicentro della nuova malattia che sta devastando gli ulivi in ​​Italia - riunirà presto esperti di tutto il mondo nel tentativo di gestire al meglio l'epidemia.

Con circa 600,000 ulivi che si dice siano a grave rischio nella più ampia area del Salento - a volte descritto come "tallone "dell'italiano "boot ”- gli scienziati parteciperanno a un simposio * che si terrà dal 21 al 22 ottobre sul patogeno trasmesso dagli insetti Xylella fastidiosa (Xf).
Vedi anche: Copertura completa dell'epidemia di Xylella fastidiosa
Offrendo una panoramica dettagliata di questa minaccia emergente, il programma include sessioni plenarie, visite a boschetti colpiti nella provincia di Lecce e seminari di formazione sul rilevamento all'avanguardia del colpevole.

Secondo il parlamentare italiano Aldo Patriciello, il 'la bruciatura delle foglie causata da Xf si estende già su 23,000 ettari di ulivi secolari in Puglia, con 2,000 alberi malati e 600,000 a rischio.

Aldo Patriciello In una mozione al parlamento a settembre, Patriciello ha invitato la Commissione europea a "istituire un adeguato programma di ricerca e assistenza locale, che dovrebbe includere anche il ripristino delle aree più colpite, che non possono essere salvate, al loro stato naturale ".

La Commissione non ha ancora risposto alla petizione, ma a febbraio ha applicato misure volte a contenere il focolaio, compreso il divieto di spostamento di alcuni stabilimenti fuori da Lecce, provincia della Puglia. Ha inoltre richiesto a tutti gli Stati membri dell'UE di avviare controlli annuali per la presenza di Xf. La scadenza per i loro rapporti sul loro primo sondaggio di questo tipo è imminente: la fine di ottobre.

Anche il ministero dell'Agricoltura italiano ha recentemente annunciato un piano per combattere Xf che include l'applicazione di un cordone sanitario progettato per impedirne la diffusione a nord.

Gli organizzatori del simposio sono: l'Istituto per la Protezione Vegetale Sostenibile (CNR, Bari); Dipartimento di Scienze del suolo, delle piante e degli alimenti dell'Università degli Studi di Bari; Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura "Basile Caramia; ”e Istituto Agronomico Mediterraneo CIHEAM, Bari.


Related News

Feedback / suggerimenti