`In Francia, una "High School of Olive Oil Tasting"

Cibo e cucina

In Francia, una "scuola superiore di degustazione di olio d'oliva"

Giu. 10, 2013
Alice Alech

Notizie recenti

in-france-a-high-school-of-olio d'oliva degustazione-olio d'oliva-volte-Fabienne-rouxs-high-school-of-degustazione

Fabienne Roux è stata coinvolta con olio d'oliva per oltre 22 anni come specialista nei suoi gusti e sapori. Riconosciuto a livello internazionale per la sua esperienza, è spesso invitata a partecipare a concorsi di olio d'oliva, come il Concorso internazionale di olio d'oliva di New York tenutasi nell'aprile di quest'anno, dove ha servito nella sua giuria di elite.

Roux è fermamente convinto che si possa fare molto di più in Francia per migliorare la consapevolezza dell'olio d'oliva, in particolare per quanto riguarda il cibo e la gastronomia. Di recente ha creato il Liceo francese di degustazione di olio d'oliva dove condivide la sua passione, entusiasmo e conoscenza con professionisti e amanti della gastronomia.

Questa élaïologue, o specialista in olio d'oliva, ora forma chef professionisti sugli aspetti culinari dell'olio d'oliva, ma il suo approccio non segue rigorosamente il modello convenzionale.

"Non voglio farlo come un robot, come una macchina ", ha detto Roux Olive Oil Times. "Sto cercando emozioni. Questi chef acquistano spesso buon olio d'olivadai produttori, ma hanno bisogno di conoscere gli aromatici, di essere più emotivi e creativi quando usano l'olio d'oliva ".

pubblicità

Senza discutere le origini degli oli, Roux espone innanzitutto i suoi allievi a diverse varietà, incoraggiandoli a identificare gli aromi per se stessi. E per questo ha la sua tecnica di usare dolci speciali.

"Uso oli concentrati perché gli chef assaggiano costantemente, usando la bocca, voglio che prima usino il naso. Se uno chef pensa che l'olio sia di base, lo rimuovo immediatamente. Ancora più importante, deve chiedersi cosa può fare con questo particolare olio in cucina. Non li influenza. "

"La cosa fantastica è il loro entusiasmo per questo tipo di approccio; diventano così acuti, così eccitati; spesso finiamo in cucina per preparare un piatto. Solo alla fine scoprono l'origine degli oli che hanno scelto; potrebbero provenire dalla Provenza, dalla California, dalla Toscana o altrove. Potrebbe anche essere un olio d'oliva biologico, ma l'importante è il piatto per cui lo useranno ”, ha spiegato.

Ma l'educazione non si ferma con gli chef, in particolare con la stagione turistica in pieno svolgimento nel sud della Francia. Con Roux al timone, Elaïotours organizza tour dell'olio d'oliva con circa 25 partecipanti che si snodano attraverso i migliori frantoi della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

"L'istruzione e il turismo si stanno sviluppando qui nel sud con molti americani, australiani e altri provenienti da navi da crociera. Sono molto interessati a cultura dell'olio d'oliva in Francia. Voglio dare loro le chiavi di base, non influenzarle - per consentire loro di scoprire cosa terroir è tutto ", ha detto.

"Ritengo che questo nuovo approccio nei confronti dell'olio d'oliva sia necessario in Francia. Non miriamo solo a educare i migliori chef, ma anche al grande pubblico perché saranno i futuri clienti, andranno ai ristoranti ”.

Questo educatore all'olio d'oliva ritiene che all'olio d'oliva dovrebbe essere assegnato lo stesso status del vino in Francia. Quando pensi alla diversità delle olive, alle diverse terroire il know-how dei produttori di olio d'oliva in Francia, l'approccio di Roux ha perfettamente senso.

"Huile d'Olive, c'est la petite soeur du Vin", Ha spiegato Roux. L'olio d'oliva è la sorellina del vino.



Related News