Come lotta per gli agrumi, alcuni olivicoltori prendono radice in Florida

Le olive non sono nuove per il Sunshine State, ma la loro vitalità economica sta venendo al centro dell'attenzione mentre lotta con gli agrumi.

Ottobre 19, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Su una piccola isola di 35 acri a Groveland, in Florida, Keith Keogh prevede di coltivare olive dove un tempo gli alberi di agrumi dominavano il paesaggio.

Non possiamo supportare uno stato pieno di asfalto e cemento, dobbiamo preservare alcune di queste bellissime colline di sabbia zuccherina che sono qui fuori.- Keith Keogh, Olave

"Inizieremo inizialmente coltivando olive da tavola ", ha detto Keogh, ex chef aziendale di Disney e Red Lobster Olive Oil Times. "Poi ne avrai di quelli che non sono della qualità e dell'aspetto delle olive da tavola che andranno all'olio d'oliva e faremo una pressa singola su quelle olive ".

A seconda della qualità di quelle olive, l'olio d'oliva verrà quindi messo in barattoli o destinato all'uso nei cosmetici. "Non vogliamo mettere il nostro timbro su qualcosa che non sia di altissima qualità ", ha detto Keogh.

La coltivazione delle olive in Florida non è nuova. Gli spagnoli introdussero per la prima volta gli ulivi nello stato nel 1700 e, secondo il Florida Farm Bureau, ora ci sono più di 400 acri di ulivi nello stato del Sunshine, che vanno dai coltivatori commerciali con più di 20 acri agli hobbisti del cortile.

Lo sforzo di Keogh funge da modello per scoprire come potrebbero giocare gli ulivi nel futuro agricolo della Florida. Prima di poter piantare i suoi ulivi su Hunt Island, Keogh sta ripulendo gli alberi di agrumi vecchi e morenti, molti dei quali sono stati devastati da una malattia nota come inverdimento degli agrumi.

L'inverdimento degli agrumi è una malattia trasmessa dagli insetti che ha sconvolto l'industria in Florida da quando è emersa a metà degli 2000.

Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, la produzione di agrumi è diminuita di oltre il 75 per cento in Florida negli ultimi due decenni; un netto calo per lo stato che è quasi sinonimo di succo d'arancia.

"C'è bisogno di un altro raccolto ", ha detto Keogh. "Quando si guarda davvero al Nord Africa e ad altre parti del Mediterraneo dove vengono coltivate le olive, si tratta di un tipo di terreno sabbioso e alto limo e il suolo dell'isola me lo ricorda ".

Keogh non è il solo a credere che le olive abbiano il potenziale per crescere bene in Florida. Diversi ricercatori all'interno del sistema dell'Università della Florida hanno trascorso l'ultimo mezzo decennio a esaminare questa domanda e anche a sperimentare.

"Finora, le olive sono state relativamente libere da parassiti e sembrano essere una coltura sostenibile per questa regione ", Peter Andersen, dell'Università della Florida, Centro di ricerca e formazione della Florida del nord, Ha detto.

Proprietà di Keogh su Hunt Island

In 2006, l'università ha piantato cinque diversi tipi di varietà di olivo: Arbequina, Arbosana, Koroneiki, Manzanillo e Mission.

"Nel 2015 è stato notato un raccolto molto piccolo per Arbequina e Koreneiki ”, ha affermato Andersen. "La prima resa sostanziale si è verificata per Arbequina nel 2016, con il 38% di un raccolto completo. Koroneiki e Arbosana hanno avuto un raccolto molto piccolo, rispettivamente con il 12% e il -% di un raccolto completo, e Manzanillo e Mission non hanno prodotto alcun raccolto ".

Ricerche simili condotte all'Università della Florida a Gainesville hanno ampiamente supportato le scoperte di Andersen. UN Relazione 2015 ha descritto i terreni sabbiosi della Florida come un luogo adatto per la coltivazione di ulivi.

"Le olive possono essere stabilite in molte aree della Florida in terreni ben drenati ", afferma il rapporto.

Sulla sua isola sabbiosa, Keogh ha intenzione di crescere soprattutto Olive Arbequina. Sperimenterà anche Manzanilla e Mission, ma in quantità molto più piccole.

La Florida non è il clima ideale per la coltivazione delle olive. La temperatura raramente si raffredda abbastanza a lungo da consentire agli alberi di diventare dormienti, il che consente loro di produrre frutti. Tuttavia, Keogh ha affermato che per problemi come questo, gli olivicoltori dovranno essere innovativi.

"Si tratta solo di capire cosa serve per ottenere la migliore qualità ", ha detto. "Non saranno una copia o un'imitazione di ciò che è già presente perché questo è un luogo diverso e un clima diverso, una composizione del suolo diversa. "

pubblicità

A sostegno della sua tesi, indica la nascente industria vinicola della Florida, che ha escogitato un modo innovativo per far sì che le sue viti diventino dormienti.

"Quando guardi alcune di queste cantine che stanno coltivando grandi uve, devono avere un periodo di congelamento da 60 a 80 giorni per diventare dormienti e non lo ottieni in Florida ", ha detto. "Vengono in diversi modi, come iniettare CO2 liquida nel terreno e creare dormienza in quel modo, il che assicura che queste grandi uve escano ”.

Tuttavia, far crescere le olive è solo metà della battaglia. Renderli economicamente validi sia per gli agricoltori che per lo stato si rivelerà molto più impegnativo. Da nessuna parte questo è meglio illustrato che nel Dipartimento dell'Agricoltura della Florida sito web, che è dominato dagli agrumi.

Ogni anno rapporti meticolosamente dettagliati mostrano quante arance, pompelmi e mandarini vengono coltivati, raccolti e venduti. Ci sono anche tabelle che mostrano le quantità esatte di esportazioni verso più di una dozzina di paesi diversi da almeno cinque porti della Florida negli ultimi dieci anni.

Il sito Web non contiene né contiene collegamenti a statistiche sulla coltivazione o la produzione dell'olivo.

Veduta aerea dell'isola di Hunt

"In questo momento siamo ancora nella fase di ricerca in Florida ", Michael Garcia, presidente della Consiglio oleicolo della Florida, disse all'Orlando Sentinel. "Puoi coltivare olive qui, ma non ancora abbastanza per essere una grande industria ".

Garcia non ha risposto a diverse richieste di commento su questo articolo, ma ha detto alla pubblicazione commerciale del settore, My Farm Life, che il Consiglio oleicolo della Florida sta sperimentando sia con metodi di coltivazione tradizionali sia con un'agricoltura super-intensiva. Ha detto che i risultati preliminari sono finora promettenti, ma ci vorrà più tempo per vedere quale metodo funzionerà meglio in futuro.

"Possiamo produrre olio d'oliva ", ha detto Garcia. "È solo questione di capire se si tratterà di piccole fattorie con olive di alta qualità o di grande densità ".

I produttori di olio d'oliva nella Florida meridionale e centrale di solito producono circa poche centinaia di galloni di olio ogni anno, che viene per lo più venduto direttamente ai consumatori. Garcia ha detto al Palm Beach Post che i produttori dello stato avrebbero dovuto aspettare e vedere quanto velocemente questo modesto totale potrebbe diventare qualcosa di più grande.

"Dobbiamo vedere se funziona ", ha detto. "Non sappiamo anno dopo anno se riesci a far fiorire le olive e dare frutti in quantità sufficienti per poterci guadagnare. Se produci olio d'oliva, puoi venderlo, non c'è problema. La domanda è: puoi fare abbastanza per trarne profitto? "

Keogh fa eco a questa preoccupazione. Ha detto che molti agricoltori della Contea di Lake hanno rinunciato all'agricoltura e hanno venduto i loro terreni per lo sviluppo. Un'alternativa che non gli è piaciuta necessariamente, ma che è considerata economicamente più valida.

"La redditività economica è, ovviamente, un'altra domanda ", ha detto. "Molti di questi proprietari di aranceti hanno perso molti dei loro boschi a causa di malattie e stanno scoprendo che forse vendere la terra per case o appartamenti è più economico per loro ".

"Ma te lo dico ", ha aggiunto. "Non possiamo supportare uno stato pieno di asfalto e cemento, dobbiamo preservare alcune di queste bellissime colline di sabbia zuccherina che si trovano qui ".

Richard Williams corre Florida Olive Systems, che fornisce talee e consulenza a numerosi olivicoltori in tutto lo stato, tra cui Keogh. Williams ha affermato che gli olivicoltori e i gruppi commerciali dovrebbero applicare parte dell'innovazione che usano per coltivare le olive nella ricerca di nuovi prodotti per i quali utilizzare le olive.

"Le eccezionali condizioni di crescita geografica della Florida e il suo impatto sull'insieme degli alberi composto fenolico la produzione sta convalidando la mia ipotesi iniziale ", ha detto Olive Oil Times.

"Detto questo, alla fine potremmo non essere in grado di produrre la necessaria libbra di frutta per acro per essere una valida sede commerciale di olio extravergine di oliva, ma da un potenziale aspetto medicinale e ciò che alla fine può essere estratto da varie parti dell'albero, noi potrebbe essere un luogo in forte crescita ".





Related News

Feedback / suggerimenti