In aumento gli oli d'oliva cileni, ma le sfide attendono

La produzione ha toccato un livello record e il consumo interno sta lentamente crescendo, ma alcuni coinvolti nel settore ritengono che alcune delle maggiori sfide del Paese continueranno a verificarsi.

Carola Dümmer Medina
Novembre 7, 2018
Di Daniel Dawson
Carola Dümmer Medina

Notizie recenti

La produzione di olio d'oliva cilena è terminata con una produzione record di 22,000 tonnellate nel 2018, secondo i dati di ChileOliva.

L'olio extravergine di oliva è un prodotto che devi capire. Non è qualcosa di facile da acquistare, come il riso o la pasta, devi davvero conoscere il prodotto.- Carola Dümmer Medina

Per Carola Dümmer Medina, giudice del NYIOOC World Olive Oil Competition, giornalista per la rivista wine club Revista Placeres E il fondatore di Olivalovers, questa resa record sembra essere un plateau per il terzo produttore di olio d'oliva dell'emisfero meridionale.

"Non credo che avremo molti più ettari o molti più litri di petrolio ", ha detto Olive Oil Times. "Penso che ora siamo in uno stato di consolidamento, più che di crescita. "

Sebbene Dümmer Medina non si sia occupata personalmente della parte produttiva del settore cileno negli ultimi anni - ora si concentra principalmente sull'istruzione e la promozione con la sua nuova iniziativa - un sentimento simile riecheggia in tutto il resto del settore.

"Aumentare la produzione di olio d'oliva è una delle principali sfide dell'industria cilena ", Gabriela Moglia, direttore generale di ChileOliva, Ha detto Olive Oil Times. "ChileOliva sta sviluppando un progetto di ricerca che mira a generare un modello predittivo che consentirà ai produttori di identificare i principali fattori che influenzano la produzione ".

Parte di ciò che questo modello aiuterà i produttori cileni ad affrontare è il clima, che può essere imprevedibile e che in precedenza ha devastato i raccolti di olive. Le stagioni precedenti della raccolta, che hanno visto la produzione di olio d'oliva tra le tonnellate 15,000 e 19,000, sono state afflitte da siccità, gelate precoci, incendi e frane.

"Quest'anno ci sono state condizioni migliori per la coltivazione dell'olivo a livello nazionale, in particolare la maggiore disponibilità di acqua presente in settori che sono stati colpiti da gravi siccità negli ultimi anni ”, ha detto Moglia.




Claudio Lovazzano è responsabile marketing presso Olisur, produttore ed esportatore cileno di olio d'oliva. Concorda sul fatto che il clima migliore quest'anno ha aiutato il raccolto e si aspetta che la produzione complessiva potrebbe aumentare se il tempo rimane un alleato benevolo.

"Nel nostro caso, prevediamo che la produzione aumenterà, anche se sappiamo che sarà solo leggermente ", ha detto Olive Oil Times. "Nel resto del paese, è probabile che il Cile aumenti la sua produzione. Abbiamo visto buone condizioni meteorologiche che incidono positivamente su tutti i produttori di olio d'oliva ".

Tuttavia, questi fenomeni naturali sono fuori dal controllo dei produttori e Dümmer Medina preferisce concentrare i suoi sforzi su fattori che possono essere controllati, motivo per cui ha avviato la sua nuova iniziativa, Olivalovers.

"Quello che voglio fare di più è educare i consumatori ", ha detto. "L'olio extravergine di oliva è un prodotto che devi capire. Non è qualcosa di facile da acquistare, come il riso o la pasta, devi davvero conoscere il prodotto ".

Parte di ciò che fa a Olivalovers è andare in giro e ospitare pannelli di degustazione, insegnare ai consumatori e, a volte ai rivenditori, come differenziare l'olio extravergine di oliva di alta qualità dai gradi inferiori.

Per Dümmer Medina, che è anche istruttrice al Olive Oil Times Education Lab Sommelier Certification Program, due delle maggiori sfide che il settore sta attualmente affrontando sono l'aumento del consumo interno e internazionale di petrolio cileno e la repressione delle frodi.

Carola Dümmer Medina

È stata coinvolta nell'industria sin dal suo inizio, organizzando la prima conferenza stampa di Chile Oliva durante la stagione del raccolto 2003/04.

"La quantità di consumo era quindi di 250 ml pro capite ", ha detto. "Era molto basso. Ora stiamo arrivando a 750 ml pro capite, il che è migliore ma ancora piuttosto basso. ”

"Ci sono molti produttori che stanno sistemando le cose ", ha aggiunto. "Ma dobbiamo ancora passare al livello successivo ed essere in grado di vendere olio extra vergine di oliva di alta qualità agli stessi prezzi che le aziende spagnole o italiane stanno vendendo in mercati come gli Stati Uniti o l'Asia. ”

L'istruzione, ripete Dümmer Medina, è la migliore via da seguire. Come giornalista presso Revista Placeres, scrive una rubrica mensile che discute di diversi aspetti dell'olio extravergine di oliva e termina con un suggerimento di abbinamento cibo e vino per uno specifico marchio cileno.
Vedi anche: Oli di oliva premiati dal Cile

Ognuna delle sue colonne è pubblicata sul suo blog su Olivalovers e utilizza anche piattaforme di social media, come Instagram (@olivalovers), per raggiungere anche il pubblico.

"[Questo sforzo è] molto di più per creare nuovi assaggiatori perché devi avere questo obiettivo molto specifico per allenare il gusto", ha detto. "Per far capire loro cos'è un extravergine e come riconoscere un buon olio nei supermercati ”.

In Cile non vengono mantenute statistiche ufficiali sulla frode all'olio d'oliva, ma Dümmer Medina ritiene che sia abbastanza diffusa, soprattutto con oli importati.

"In realtà abbiamo un sacco di frodi qui ", ha detto. "Se non educiamo i consumatori, queste pratiche commerciali continueranno a svilupparsi ".

"Uno dei problemi che abbiamo è che nessuno controlla se gli oli del supermercato sono realmente ciò che sono etichettati come ", ha aggiunto. "In alcuni casi, è solo un errore commesso da produttori che non capiscono che un difetto rendeva quegli oli vergini anziché extravergine. In altri casi, specialmente con oli importati, è perché otteniamo tutti quei terribili lampante oli etichettati come extra vergini da aziende industriali ".

Tuttavia, Dümmer Medina ritiene che gli sforzi per educare i consumatori e i rivenditori stiano già iniziando ad avere un certo successo e che la sua iniziativa educativa continuerà ad aiutare in futuro.

"Dieci o 15 anni fa la maggior parte dell'olio d'oliva nei supermercati proveniva dalla Spagna e dall'Italia ", ha detto. "Dopo tutto il lavoro svolto dall'industria cilena negli ultimi anni, questo ha iniziato a cambiare. Ora ciò che viene venduto principalmente nei supermercati è l'olio d'oliva cileno. "

"L'obiettivo è convincere [consumatori e rivenditori] a rivolgersi a un produttore per acquistare il vero olio extravergine di oliva ", ha aggiunto.

Il suo ottimismo per il futuro è rispecchiato anche da produttori e funzionari del Cile Oliva.

"L'alta qualità dell'olio d'oliva cileno è già riconosciuta in Cile e nel mondo ”, ha affermato Moglia, direttore generale di Chile Oliva. "Questo ci consente di pensare a un futuro propizio e continuare a far crescere il settore ".

Lovazzano, dell'azienda di produzione ed esportazione di olio d'oliva, condivide questo ottimismo e vede il futuro nella crescente domanda in Brasile e in Asia di prodotti alimentari più sani.

"Siamo molto ottimisti, a causa del crescente consumo di olio d'oliva nel mondo, dell'apertura di nuovi mercati e, in generale, della domanda dei consumatori di alimenti sani ", ha affermato.


Related News

Feedback / suggerimenti