Siccità, carenza di lavoratori e cinghiali: sfide per gli agricoltori italiani

Migliaia di piccoli agricoltori stanno affrontando carenze stagionali di manodopera, mancanza di pezzi di ricambio per le loro macchine, grave siccità e cinghiali che vagano attraverso campi non lavorati. L'agricoltura italiana sta affrontando sfide da tutte le direzioni nel bel mezzo della pandemia di COVID-19.

Aprile 21, 2020
Di Paolo DeAndreis

Una grave siccità affligge il paese da nord a sud, il blocco nazionale causa carenze di lavoratori e forniture, e i boschi abbandonati ora ospitano migliaia di cinghiali in roaming. Nel mezzo del Emergenza COVID-19 e la peggiore crisi economica dalla seconda guerra mondiale, l'industria agricola italiana si trova ad affrontare una prova di stress senza precedenti.

Se le condizioni non cambiano e si verificano adeguate piogge, molti agricoltori non avranno abbastanza acqua per le loro colture.- Coldiretti.

I climatologi credono alla corrente siccità in Italia a essere il peggior evento del genere negli ultimi 60 anni. Nelle regioni settentrionali, le precipitazioni sono diminuite del 61% da febbraio. Gli ultimi dati del Consiglio Nazionale delle Ricerche mostrano una sostanziale riduzione del livello dell'acqua nei fiumi e nei laghi di tutto il Paese, questa è la stagione più calda mai registrata dal 1800, con temperature di 2.7 gradi (1.52 gradi Celsius) più calde della media.

Sebbene eccezionalmente grave, la siccità non è una novità. L'associazione degli agricoltori Coldiretti calcola che negli ultimi 10 anni gli estremi climatici hanno causato perdite per oltre 15 miliardi di dollari. La siccità è la condizione più costosa per il settore.

Vedi anche: I produttori spagnoli si preparano per la nuova realtà mentre la crisi continua

"Per salvare le colture, gli agricoltori sono costretti a intervenire con l'irrigazione di emergenza per il mais e si incontrano, mentre grano, pomodori, verdure e erba medica sono sotto stress idrico ", ha dichiarato Coldiretti in un comunicato stampa. "Se le condizioni non cambiano e si verificano adeguate piogge, molti agricoltori non avranno abbastanza acqua per le loro colture, con il vero rischio di una forte riduzione dei raccolti nel peggior momento possibile, quando l'emergenza del coronavirus ha già rallentato il commercio ".

Ma le piogge da sole non rivitalizzeranno l'industria. La carenza di manodopera alimentata dal COVID-19 prevista dagli osservatori del settore sta mettendo a dura prova migliaia di piccoli agricoltori. Secondo il ministero dell'Agricoltura italiano, i lavoratori agricoli stagionali provenienti dall'estero di solito rappresentano il 26 per cento del lavoro necessario durante l'alta stagione. La federazione agricoltori Confragricoltura stima una carenza di manodopera di almeno 250mila lavoratori mentre il sindacato dei lavoratori CGIL ne ha parlato apertamente "un rischio reale di crollo del settore ". Sia Confragricoltura che Coldiretti hanno appena lanciato le proprie iniziative web per trovare reclute per l'agricoltura.

pubblicità

Il ministero ha chiesto un'azione rapida.

"Molti migranti invisibili lavorano nei nostri campi, vivono in insediamenti informali, sono sottopagati e sfruttati ”, ha detto al Parlamento il ministro Teresa Bellanova. Lo ha stimato "almeno 600,000 persone lavorano già nei nostri territori senza scartoffie "e hanno chiesto la loro regolarizzazione, una strategia che potrebbe affrontare la questione della carenza di manodopera e accompagnare complessi rischi sanitari e sociali, ma che è stata accolta con scetticismo dall'opposizione parlamentare.

Bellanova ha anche notato le potenziali opportunità per i lavoratori stagionali i cui contratti nel settore del turismo, della ristorazione e in altri settori sono stati risolti a causa della pandemia COVID-19.

La strategia Bellanova è stata accolta con interesse dai sindacati dei lavoratori.

"Questi lavoratori devono inoltre disporre di alloggi temporanei adeguati. L'emergenza COVID-19 non dovrebbe trasformarsi in una catastrofe per l'agricoltura o in un'enorme opportunità per la criminalità organizzata; lo sfruttamento e il lavoro sotterraneo non sono soggetti ad alcun tipo di monitoraggio della salute e dell'igiene ", ha scritto la CGIL in una nota.

Lo racconta il consulente aziendale Enzo Paladio Olive Oil Times quella burocrazia è il più grande ostacolo per l'agroindustria al momento.

"Avremmo potuto già trovare nuovi lavoratori stagionali tra i tanti disoccupati che hanno una qualche forma di sostegno economico pubblico, ma le regole attuali non consentono loro di ricevere quel sostegno se lavorano nei campi ”, ha detto Paladio.

Il sindacato dei lavoratori e gli agricoltori chiedono al governo di fornire buoni che potrebbero consentire ai disoccupati di iscriversi come lavoratori agricoli e accelerare tale processo.

"Questo è solo un esempio dei tanti ostacoli che dobbiamo affrontare ”, ha osservato Paladio.

A peggiorare le cose, le misure di contenimento di COVID-19 hanno colpito le aziende di macchinari per l'industria alimentare, con conseguenze per l'intero settore.

"Lo stop prolungato alla filiera delle macchine agricole sta colpendo gli agricoltori ”, ha avvertito il presidente della Coldiretti Ettore Prandini. "I coltivatori non riescono a trovare abbastanza lavoratori e non hanno un facile accesso alle forniture di macchinari, attrezzature agricole e pezzi di ricambio, tutti [dei quali] sono necessari per lavorare sul campo ".

E mentre i sindacati, le associazioni e il governo lottano per trovare e attuare soluzioni, i cinghiali stanno cogliendo l'opportunità di vagare in campi non lavorati. In diverse aree del paese, gli agricoltori hanno avvertito di grandi branchi di cinghiali e altri animali che vagavano per le terre agricole. La strada per la ripresa per il settore agroalimentare dovrà anche allontanarli dalle colture.



Related News