La Georgia ospita per la prima volta le riunioni annuali del Consiglio oleicolo

I relatori ospiti discuteranno i settori dell'olio d'oliva nordamericano, europeo e globale. I funzionari del CIO e della Georgia visiteranno gli uliveti locali.
Tbilisi, Georgia
Novembre 22, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

A due anni dalla sua ascesa al Consiglio oleicolo internazionale (CIO), la Georgia ospiterà due dei principali eventi annuali dell'organizzazione intergovernativa.

A novembre 24, 57th si terrà a Tbilisi, la capitale del Paese, la riunione del Comitato consultivo, seguita dal 114th sessione del Consiglio del CIO il giorno successivo.

Già diversi comitati del CIO stanno incontrando la Segreteria Esecutiva in videoconferenza. I comitati hanno il compito di analizzare e approfondire le questioni relative agli affari amministrativi e finanziari, all'economia e alla promozione, al osservatorio dell'olio d'oliva, standardizzazione e ricerca e tecnologia e ambiente.

Vedi anche: L'Uzbekistan si unisce al Consiglio oleicolo

Il 26 novembre, che segna anche il biennio della inaugurazione della Giornata Mondiale dell'Olivo, i funzionari del CIO si uniranno alle loro controparti georgiane nel palazzo presidenziale per ascoltare una serie di oratori diversi.

Tra questi ci sarà Gabriel Vigil, che sovrintende al settore dell'olio d'oliva presso la Commissione europea; Joseph R. Profaci, direttore esecutivo della North American Olive Oil Association e Juan Vilar, consulente strategico per il settore olivicolo.

Funzionari del CIO e delegati georgiani visiteranno anche gli uliveti locali di Kakheti, la regione più orientale del paese con una lunga storia di produzione di vino, per vedere i progressi compiuti dagli agricoltori da quando la Georgia è entrata a far parte del CIO nel 2019.

Secondo un'immissione errata dei dati di Juan Vilar Strategic Consultants, la Georgia produce circa 900 tonnellate di olio d'oliva ogni anno e 500 tonnellate di olive da tavola, quasi tutto consumato a livello nazionale.

La Georgia vanta circa 2,500 ettari di uliveti, la maggior parte dei quali si trova nel sud-ovest del paese. Di questi, il 60 percento è piantato ad alta densità e il 40 percento a super-alta densità.

Durante la 112th sessione del Consiglio del CIO nel novembre 2020, la Georgia ha annunciato l'intenzione di coltivare 40 nuovi ettari di uliveti con l'aiuto tecnico del CIO per "aumentare significativamente la produzione di olive".

"Alla Georgia piace essere un membro della famiglia del CIO dal 2019 e ha abbracciato l'opportunità come un'alternativa senza precedenti per lo sviluppo del settore olivicolo ", ha detto alla sessione il ministro georgiano per la protezione dell'ambiente e l'agricoltura Levan Davitashvili.

Daniel Dawson ha contribuito a questo rapporto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti