`Seeing Green: raccogliere un nuovo amore per EVOO in Toscana - Olive Oil Times

Seeing Green: Harvesting a New Love per EVOO in Toscana

Aprile 26, 2011
Jaclyn Einis

Notizie recenti

Ricordo il mio primo viaggio alla Pizzeria Regina di Boston all'età di nove anni. Mentre guardavo alcuni commensali versare olio d'oliva sopra le loro pizze, rimasi perplesso. Volevano la loro pizza più unta? Da adolescente non pensavo molto all'olio d'oliva, a parte il fatto che se cucinavo con troppo olio, "BAM! ”Sembrerei Emeril Lagasse.

Dopo il college, il mio interesse per il cibo è diventato più profondo e con esso è sbocciato il mio apprezzamento per l'olio d'oliva. Per un paio d'anni ho pensato di fare volontariato attraverso l'organizzazione Worldwide Opportunities on Organic Farms (WWOOF), quando sono entrato in un O & Co. nel Grand Central Terminal di Manhattan.

Sono entrato con l'intenzione di assaggiare aceti balsamici dolci e sciropposi, ma il venditore ha insistito perché provassi anche alcuni dei suoi oli preferiti. Mentre svenivo per l'oro liquido fruttato ed erboso, ho imparato che ogni anno il venditore visitava uno dei loro produttori italiani per la raccolta delle olive. Qualcosa è scattato. Conoscevo la mia destinazione! Ci è voluto un altro anno circa per mollare tutto per viaggiare, ma alla fine sono arrivato in Italia per il raccolto 2010.

Dopo un mese di raccolta di uva da vino e castagne nel nord Italia, sono sceso in Toscana. I miei ospiti Enrico e Luisiana, nativi di Milano, hanno lasciato lo smog cittadino per le colline di Riparbella, un paese vicino alla costa ligure di Pisa. Da circa vent'anni la coppia produce olio d'oliva biologico da alcuni ulivi 1,200 che circondano la loro casa e agriturismo, Le Serre.

Ogni novembre, Enrico e Luisiana arruolano una squadra di circa sette volontari WWOOF per aiutare a raccogliere le olive quando sono nel fiore degli anni. Hanno quattordici mani in più sul ponte, mentre i volontari vivono un'autentica esperienza italiana in una campagna mozzafiato, un posto dove dormire in agriturismo e pasti deliziosi e abbondanti. In effetti, i pasti erano così deliziosi, così abbondanti, che non immagino stiano risparmiando un'enorme quantità di denaro come host WWOOF. Sono in gran parte coinvolti per lo stesso motivo dei volontari: scambio culturale ed educativo.

Gran parte di questa educazione si è svolta sul campo. Mentre alternavamo raccolta, raccolta delle olive in cassette e reti mobili, chiacchieravamo, scherzavamo, praticavamo l'italiano e l'inglese e rimanevamo a bocca aperta davanti al paesaggio. Tra una socializzazione e l'altra, troverei momenti di pura serenità raccogliendo le olive difficili da raggiungere sotto un baldacchino di foglie. Mentre raccoglievo a mano e pettinavo (e occasionalmente mietitrebbiatrice elettrica), chiedevo a Enrico e agli altri italiani che lavorano con noi sull'arte, la scienza, gli affari e la politica dell'agricoltura biologica e della produzione di olio d'oliva. Ho imparato l'importanza di spremere le olive entro 24 ore dalla raccolta, cosa "extravergine ”significa davvero e sulle caratteristiche uniche delle innumerevoli cultivar di olive toscane. Ho scoperto il glorioso frantoio, sia l'olivo che l'edificio.

Quando Enrico mi ha lasciato taggare al frantoio, o frantoio, ho assistito al viaggio delle olive da intere, in pasta, a liquido brillante, quasi neon, verde. Sentendomi svenire dall'odore incomprensibilmente ricco dell'olio d'oliva che mi avvolgeva, seguii Enrico fuori dall'edificio. Ha indicato il mucchio crescente di sansa di oliva (i noccioli, i gambi e la polpa che rimangono dopo la pressatura) sul retro. Questo, ha spiegato, sarebbe stato premuto ancora una volta per l'ordinario, "olio extravergine di oliva. "È lì che la gente lancia i mozziconi di sigarette ”, mi disse mentre caricavamo il camion con barili freschi.

Ho avuto l'onore di provare il nuovo vibrante olio - e confrontarlo con l'olio dell'anno scorso - ad ogni pasto. Oltre all'oliveto, la sala da pranzo ha ospitato il nostro scambio culturale, la maggior parte dei quali ruotava intorno al cibo. Ho cotto un pezzo di banana bread al cioccolato con l'altro bostoniano; la coppia israeliana ha preparato una festa mediterranea, piena di pita fatta in casa, cuscus e torta di mele; e la volontaria svedese WWOOF, che per caso era una chef, ha preparato la sua cena di saluto a base di frittelle svedesi con bacche e pancetta. Nella maggior parte dei giorni, tuttavia, la cucina era tutta italiana.

La maggior parte dei piatti veniva fornita con suggerimenti su come gustarli al meglio, e questi suggerimenti riguardavano quasi sempre l'olio d'oliva. Una semplice insalata non richiedeva condimenti con crema o sciroppo di mais per soddisfare, solo un po 'di olio e forse una spruzzata di balsamico e una spolverata di sale. Più sorprendente per me, la zuppa che una volta era deliziosa è spuntata con brillantezza dopo un filo d'olio.

È dubbio che un qualsiasi olio extravergine di oliva possa produrre la stessa magia su una ciotola di zuppa; dopo che tutto il mio assaggio e viaggio era finito, Le Serre 'l'olio è sempre uscito in cima. Cosa ha reso il loro sapore di olio così incredibile? Era il mix di varietà di olive? L'attenta potatura, l'ambiente costiero toscano, le pratiche biologiche o la spremitura a freddo? Direi tutto quanto sopra e il fatto che quelle olive sono state raccolte da mani molto felici.

Foto: Daniel Pintus

Opportunità in tutto il mondo per le fattorie biologiche

Le Serre Azienda Agricola Biologica - Agriturismo
56046 Riparbella (PI)
Tel / Fax: +39 0 586

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti