I produttori laziali raggiungono la grandezza

Profondi legami con il territorio, gestione sostenibile del territorio e tecniche di estrazione all'avanguardia sono tra le chiavi della formula vincente del Lazio.

Fabrizia Cusani e Giampaolo Sodano presso il mulino Tuscus
Giu. 19, 2020
Di Ylenia Granitto
Fabrizia Cusani e Giampaolo Sodano presso il mulino Tuscus

Notizie recenti

Parte della nostra copertura continua del 2020 NYIOOC World Olive Oil Competition.

I risultati dell'ottavo NYIOOC World Olive Oil Competition ha dimostrato ancora una volta l'impegno e l'aderenza ai più alti standard qualitativi dei produttori italiani, che hanno presentato il maggior numero di candidature e raccolto più riconoscimenti di qualsiasi altro Paese.

Un totale di 139 premi sono andati agli agricoltori italiani tra i più prestigiosi al mondo concorso per la qualità dell'olio d'oliva. Tra i produttori vincitori del paese, alcuni provengono dalla regione centrale del Lazio.

È meraviglioso ottenere il riconoscimento in un così grande concorso internazionale. I premi che abbiamo vinto nel corso degli anni sono la conferma di un trend di qualità che ci sforziamo di mantenere e consolidare.- Giampaolo Sodano, mastro mugnaio di Tuscus

Tre dei vincitori di quest'anno provengono dalla Tuscia, nel Lazio settentrionale, e vantano una storia di successi al NYIOOC.

Tra questi c'era Tamia, che ha vinto due Gold Awards, per il loro monovarietale caninese biologico e una miscela biologica.

pubblicità

"Siamo felici di questi riconoscimenti! Ogni volta che li riceviamo, è una bella sensazione ", ha dichiarato Pietro Re, il manager dell'azienda, che si è impegnato per la qualità sin dalla sua fondazione nel 1928.

Il marchio Tamia nasce da un uliveto di circa 10,000 piante, tra le varietà Canino, Moraiolo, Frantoio, Maurino e Leccino.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva italiani

"Questi ori arrivano alla fine di un periodo che, all'inizio, sembrava difficile ", ha detto Re. "Ma alla fine, ci ha dato l'opportunità di ripensare completamente il nostro lavoro e le scelte che abbiamo fatto si sono rivelate assolutamente vincenti. "

"Abbiamo concentrato tutto sulla soddisfazione dei consumatori, poiché credo che l'olio di alta qualità non sia più riservato a un'élite ”, ha aggiunto. "Più qualità significa di più salute e benessere. Ecco perché deve essere disponibile per tutti. "

Sempre alla ricerca di nuove sfide e modi per migliorare tecniche e metodi di produzione, Re ha iniziato a collaborare con una rete di produttori qualificati in tutta Italia negli ultimi anni al fine di espandere le sue linee di produzione.

Foto per gentile concessione di Pietro Re.

Contando sul supporto di uno staff altamente professionale, Re ha affermato che la missione di Tamia è quella di perseguire i più alti livelli di qualità possibili, garantendo la piena tracciabilità e sostenibilità.

La terra che un tempo era abitata dagli Etruschi è anche sede Fattoria Traldi ei suoi oli extravergine di oliva: il monovarietale caninese, Eximius, e il blend, Athos.

"È una grande soddisfazione per noi essere tra i vincitori del NYIOOC ancora una volta ”, ha detto Francesca Boni, che gestisce l'azienda creata dal nonno Angelo, subito dopo la seconda guerra mondiale.

"Da quella dura esperienza, ha imparato l'importanza di essere in grado di produrre cibo per il sostentamento delle comunità e ha acquistato un pezzo di terra ", ha detto. "Dal momento che voleva essere d'aiuto in quel momento difficile, ha pagato più di quanto richiesto per la trama dal precedente proprietario. "

Quell'atto di generosità segnò l'inizio di una storia di qualità e ospitalità portata avanti oggi con successo da Boni e dalla madre Elisabetta Traldi.

La loro azienda agricola, che comprende un resort ecologico, ha al centro 3,000 alberi di Canino, Frantoio, Moraiolo, Pendolino e Leccino, tutti coltivati ​​in modo sostenibile.

"Gli ulivi più vecchi si trovano a una distanza di otto o 11 metri (26 o 36 piedi) l'uno dall'altro ”, ha detto Boni, spiegando che il boschetto conserva ancora la pianta originale. "Aggiungeremo altri 3,000 alberi di diverse varietà, secondo uno schema più razionalizzato, con lo scopo di arricchire la gamma di sapori dei nostri prodotti. ”

Il costante miglioramento del processo produttivo combinato con una grande cura per la terra sono gli ingredienti chiave della qualità duratura dell'azienda agricola Traldi, ha affermato Boni.

lazio-produttori-raggiungere-grandezza--frantoio a volte

Francesca Boni ed Elisabetta Traldi

La città di Vetralla è anche la sede di Tusco, che ha ottenuto un Silver Award per Re Laris Grand Cru.

"È meraviglioso ottenere riconoscimenti in un concorso così grande e internazionale ”, ha detto il mastro mugnaio Giampaolo Sodano, che gestisce l'azienda con la moglie Fabrizia Cusani. "I premi che abbiamo vinto nel corso degli anni sono la conferma di un trend di qualità che ci impegniamo a mantenere e consolidare ”.

Tre anni fa, dopo aver effettuato alcune sperimentazioni sulle varietà, i due hanno assemblato il loro Canino, coltivato nella zona di Nepi, con olive Peranzana prodotte da un amico contadino di Foggia, in Puglia.

"Abbiamo selezionato i nostri migliori frutti per ottenere quello che abbiamo chiamato Grand Cru, certificato secondo il disciplinare del Consorzio Mulini Artigiani FAPI. Mi piace chiamarlo l'amicizia olio d'oliva ", ha detto Sodano. "Le nostre altre sei linee di prodotto sono ottenute da 7,000 ulivi coltivati ​​a L'Olivaia, dove gli autoctoni Canino e Bolzone sono affiancati da alberi di Leccino, Frantoio e Maurino ".

Coprendo circa 18 ettari (44.5 acri) di terreno fertile e vulcanico, il boschetto è diviso in settori, separati da cespugli di rose piantati a capo dei filari per emanare profumi e segnare le diverse varietà.

Tuttavia, non è solo una questione di estetica: sin dalla sua fondazione nel 1992, Tuscus ha adottato un codice etico, con al centro la responsabilità sociale e ambientale.

Nel sud del Lazio, Sonnino guadagnato un Gold Award per l'Itrana monovarietale biologico, prodotto da Lucia Iannotta.

"È bello ricevere un tale riconoscimento ”, ha detto Iannotta Olive Oil Times. "Era la prima volta che partecipavamo al NYIOOC e l'impatto emotivo è stato rafforzato dalla presentazione quotidiana dei vincitori ".

Iannotta gestisce l'azienda agricola, fondata dal nonno nel 1952 e poi gestita dal padre.

"È normale ora, ma quando ho iniziato non era così facile per una donna essere a capo di un'azienda in quello che è stato tradizionalmente un mondo maschile ", ha detto Iannotta. "Contro ogni previsione, ho preso le redini e con l'aiuto di mia madre e le mie sorelle, ho raggiunto livelli di alta qualità nella produzione dei nostri oli extra vergine di oliva, nonché in una vasta gamma di prodotti a base di olio d'oliva, tra cui sottaceti e condimenti “.

Gli uliveti di Iannotta sono antichissimi, composti da 5,000 piante coltivate biologicamente su terrazzamenti sorretti da muretti a secco. Mentre la maggior parte degli alberi è di varietà Itrana, ci sono anche alcuni alberi di Leccino, utilizzati per l'impollinazione.

Questi antichi e incantevoli manufatti aggiungono bellezza al paesaggio e si affacciano sulla costa, dove secondo il mito Ulisse incontrò l'incantatrice Circe.

"Quando guardo il mare dal nostro frutteto, vedo il suo profilo scolpito sulla sommità del monte Circeo ”, ha detto Iannotta. "E sembra che stia sorvegliando i nostri ulivi. "


Related News