Alberi di ulivo monumentali a Cipro distrutti da incendi

Gli incendi hanno devastato la parte settentrionale di Cipro lo scorso fine settimana, distruggendo decine di migliaia di acri di raccolti e foreste. Gli olivicoltori ei produttori di olio, già in difficoltà a causa della pandemia di Covid-19, stanno affrontando ulteriori sfide all'indomani dell'incendio.

Hakan Temizyurek,
Può. 20, 2020
Di Julie Al-Zoubi
Hakan Temizyurek,

Notizie recenti

Circa 5,000 ettari (12,400 acri) di terreni agricoli e foreste sono stati distrutti da incendi, che hanno spazzato tutta la parte settentrionale di Cipro domenica scorsa, spazzando via circa il 90% delle regioni 2,000 ulivi monumentali.

I monumentali ulivi di Kalkanli, nel nord-ovest di Cipro, avevano lo status di protezione dell'Unione europea e lo erano rinomato per le sue dimensioni e statura. Gli alberi più vecchi hanno punteggiato il paesaggio per più di 800 anni e altri 400 alberi avevano una storia di 500 anni.

Dobbiamo agire molto rapidamente per trovare il modo migliore per proteggere la nostra foresta e la nostra natura con nuove tecnologie.- Hakan Temizyurek, direttore di Templos Olive Oil

"Come cipriota e olivicoltore, sono rimasto devastato nel vedere questi ulivi secolari bruciati ", ha detto Hakan Temizyurek, il direttore di Templos Olive Oil, un pluripremiato produttore della regione Olive Oil Times.

I sentimenti di Temizyurek sono stati ripresi dal vice leader della comunità di Kormacit, Valentinos Koumettou, che ha detto alla radio CyBC: "l'entità della distruzione è incredibile "e ha aggiunto, "la situazione è deprimente, il più tragico. "

Vedi anche: Aggiornamenti di emergenza naturali
Circa 12,400 acri di raccolti e foreste sono stati bruciati negli incendi. (Foto Haken Temizyurek)

Temizyurek ha detto Olive Oil Times che la priorità immediata era creare un piano per la pulizia della zona carbonizzata e iniziare a piantare nuovi alberi, compresi gli olivi.

pubblicità

"Dobbiamo agire molto rapidamente per trovare il modo migliore per proteggere la nostra foresta e la nostra natura nuova tecnologia, "Ha detto. "Inoltre, dobbiamo organizzare il noleggio di un elicottero antincendio o di un aereo durante i caldi mesi estivi ".

Gli incendi del fine settimana hanno inferto un ulteriore colpo agli agricoltori della regione, molti dei quali non erano stati in grado di accedere alla loro terra o di raccogliere i raccolti da quando a marzo sono state imposte restrizioni agli attraversamenti nella zona cuscinetto dell'isola.

Questo tentativo di prevenire la diffusione di Covid-19 ha costretto molti agricoltori a pagare i lavoratori per raccogliere i raccolti maturati.

La polizia e il dipartimento forestale hanno avviato un'indagine sulla causa dei due incendi separati, che hanno attraversato simultaneamente il paesaggio. Inizialmente, un mozzicone di sigaretta scartato è stato accusato di aver acceso uno degli incendi, mentre si credeva che il secondo incendio, iniziato nella zona militare di Diorios, fosse stato causato da un guasto elettrico.

Un uomo è stato successivamente arrestato per aver tentato di appiccare un terzo incendio ed è sospettato di aver appiccato i primi incendi.

Sebbene l'esercito turco e quello greco abbiano messo da parte le ostilità del passato e si siano mobilitati per combattere le fiamme che avvolgevano il villaggio maronita di Kormacit, i loro sforzi non sono riusciti in gran parte a salvare i raccolti o gli ulivi. Tuttavia, il presidente di Cipro, Nicos Anastasiades, è stato accolto favorevolmente per la sua rapida risposta alla richiesta di aiuto dei turco-ciprioti.

Il quotidiano turco, Hurriyet Daily News segnalati che tre elicotteri militari sono stati inviati da Ankara per assistere due aeromobili greco-ciprioti nell'affrontare gli incendi e le autorità turche si sono impegnate a sostenere il ministero dell'Agricoltura e delle foreste turco-cipriota.

Gli oliveti e i produttori di olio di entrambi i lati dell'isola divisa sono stati colpiti dagli incendi.

I leader della comunità maronita hanno chiesto l'assistenza statale per gli agricoltori di Kormacit che devono affrontare difficoltà finanziarie dopo aver perso le loro case, i raccolti e gli ulivi ereditati. I 200 residenti del villaggio sono prevalentemente contadini e la comunità è composta da 56 residenti che sono rimasti nel villaggio dal 1974 (quando il de facto divisione di Cipro avvenuta dopo l'invasione turca), più 150 coloni più recenti.

Ad alcuni degli ulivi monumentali erano stati dati nomi come Atena (regina) e Afrodit (re). Sfortunatamente, Afrodit fu distrutto dall'incendio, ma Atena sopravvisse alle fiamme.

Nel 2014, Olive Oil Times riferito su un'iniziativa in cui speravano i produttori di olio d'oliva greci e turco-ciprioti riunire l'isola divisa con la loro comune passione per l'olio d'oliva. Entrambe le parti hanno collaborato a un festival dell'olio d'oliva chiamato "Cresciamo insieme ”.

Questo mirava a riunire le comunità e aiutarle a risolvere i problemi comuni. Affrontare le conseguenze degli incendi è la nuova sfida che deve affrontare entrambi i lati della divisione.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti