`Il New York Times rivede l'infografica da frodi di olio d'oliva

Mondo

Il New York Times rivede l'infografica da frodi di olio d'oliva

Gennaio 29, 2014
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Il New York Times ha fatto delle revisioni ad un infografica sulla frode dell'olio d'oliva che i critici hanno detto che era sensazionale e impreciso in alcune parti.

Le modifiche sono state apportate sul sito Web del New York Times oggi, subito dopo le 8:00 Eastern Standard Time, o circa quattro giorni dopo la pubblicazione del pezzo originale.
Guarda anche: Cronologia di Infographic di frode dell'olio d'oliva di NY Times
Tra i cambiamenti, Tom Mueller, autore del libro Extra Vergine, è stato rimosso come fonte dell'articolo dopo Mueller insistito non era responsabile della disinformazione.

La diapositiva che ha attirato più attenzione è stata quella che ha affermato "Il 69 percento dell'olio d'oliva in vendita (negli Stati Uniti) è sotto controllo. "Il Times lo ha cambiato "69 per cento di olio d'oliva importato etichettato 'extra vergine "non ha soddisfatto, in una prova del gusto, lo standard per quell'etichetta".

Un'altra diapositiva inizialmente letta "Le bottiglie sono etichettate 'Extra Vergine "e marchiato con 'Made in Italy '(Stranamente questo è legale anche se l'olio non viene dall'Italia). ”

È stato modificato in: "Le bottiglie sono etichettate 'Extra Vergine "ed etichettato 'Imballato in Italia 'o 'Importato dall'Italia. " (Stranamente, questo è legale, anche se il petrolio non proviene dall'Italia, anche se i paesi di origine dovrebbero essere elencati sull'etichetta.) "

pubblicità

Un'altra diapositiva letta, "L'olio d'oliva viene tagliato con olio più economico. ”È stato cambiato in: "At alcune raffinerie l'olio d'oliva viene tagliato con un olio più economico. "

In precedenza, l'illustratore dell'articolo si è lamentato in a Aggiornamento di Twitter che era "ricevere lettere sulla risonanza magnetica nucleare dell'olio d'oliva dai chimici italiani ”, eppure lo era "solo un illustratore. ”Con Mueller rimosso come fonte dell'articolo, non è chiaro chi abbia scritto il pezzo.

Una spiegazione delle correzioni non era ancora apparsa sul Pagina Correzioni orari.

Le correzioni potrebbero portare un po 'di sollievo a coloro che pensavano che le generalizzazioni dell'articolo rafforzassero gli stereotipi e le legioni incriminate di onesti produttori italiani di olio d'oliva. Ma quando le notizie viaggiano alla velocità della luce, quattro giorni sono un'eternità e le dichiarazioni che il Times ha ritirato oggi erano già state trasmesse e condivise in tutto il mondo.

AGGIORNAMENTO (febbraio 25, 2014):

Il New York Times ha aggiunto l'articolo con questa spiegazione:

"Una versione precedente di questo grafico conteneva numerosi errori.

Le olive che vengono utilizzate in olio scadente vengono generalmente portate in frantoi giorni, settimane o addirittura mesi dopo essere state raccolte - no "entro poche ore."

Il grafico combinava due pratiche dubbie che possono essere trovate in alcune parti dell'industria dell'olio d'oliva. Alcuni produttori mescolano olio d'oliva con soia o altri oli economici, mentre altri mescolano oli vegetali con beta carotene e clorofilla per produrre olio d'oliva falso; le due pratiche non sono generalmente combinate.

L'olio d'oliva imbottigliato in Italia e venduto negli Stati Uniti può essere etichettato "confezionato in Italia "o "importato dall'Italia ”- no "prodotto in Italia ”- anche se l'olio non viene dall'Italia. (Tuttavia, i paesi di origine dovrebbero essere elencati sull'etichetta.)

Uno studio del 2010 condotto da ricercatori dell'Università della California, Davis, ha rilevato che il 69 percento dell'olio d'oliva importato era etichettato "extra vergine ”non ha soddisfatto, in una prova esperta di gusto e olfatto, lo standard per quell'etichetta. Lo studio ha suggerito che i campioni scadenti erano stati ossidati; era stato adulterato con olio d'oliva raffinato più economico; o erano di scarsa qualità perché erano fatti da olive danneggiate o troppo mature, o olive che erano state conservate o trasformate in modo improprio - o una combinazione di questi difetti. Non ha concluso che il 69% dell'olio d'oliva in vendita negli Stati Uniti è stato oggetto di prescrizione medica.

Infine, la grafica ha citato erroneamente Tom Mueller, che gestisce il blog Truth in Olive Oil, come fonte delle informazioni. Mentre il blog del signor Mueller e altri scritti sono stati consultati in preparazione della grafica, molte delle sue scoperte sono state male interpretate. "

Related News