Olive Branch si estende fino a Rio

Il Brasile è uno dei principali consumatori di olio d'oliva con profondi legami culturali con il Portogallo e il simbolismo dell'olivo scorre attraverso la storia olimpica. E così accade anche agli atleti olimpici.

La parte anteriore di ogni medaglia delle Olimpiadi di Rio è caratterizzata da foglie di ulivo come elemento di design importante.
Agosto 10, 2016
Di Wendy Logan
La parte anteriore di ogni medaglia delle Olimpiadi di Rio è caratterizzata da foglie di ulivo come elemento di design importante.

Notizie recenti

Gli olimpionici di Rio potrebbero non rivestire tutto il loro corpo con le cose come i loro predecessori nel 776 aC lo fece, ma l'olio d'oliva avrà ancora un ruolo in questi Giochi estivi. 

Dai regimi nutrizionali seguiti dagli atleti al significato simbolico del ramo d'ulivo, al ruolo crescente del Brasile come principale destinazione di esportazione per l'EVO, l'olivo, i suoi frutti e il suo olio sono presenti all'evento e in tutto il paese ospitante .

Gli stretti legami storici del Brasile con il Portogallo e la cucina portoghese formano l'amore della nazione per l'olio d'oliva. Un post sul blog Sapori del Brasile osserva che nei piatti brasiliani di influenza portoghese, "L'olio d'oliva è quasi sempre l'unico olio vegetale utilizzato. Baccalà (bacalhau) senza una generosa spolverata di olio d'oliva è impensabile, e le zuppe e gli stufati di ispirazione portoghese impiegano invariabilmente l'olio d'oliva. Ma anche piatti che non possono essere ricondotti a radici europee, come i piatti afro-brasiliani tipici della cucina bahiana, spesso richiedono olio d'oliva ”

È una buona scommessa che molti degli atleti del mondo includano grassi buoni come l'olio d'oliva nelle loro diete di allenamento. Le stelle americane di atletica leggera, i corridori di lunga distanza Amy Cragg e Shalane Flanagan lo fanno sicuramente. Flanagan ha scritto un libro sull'argomento. Corri veloce, mangia lentamente, esalta le virtù dei grassi come quelli che si trovano nelle noci e nell'olio d'oliva come fondamentali per ottenere prestazioni ottimali. 

Il Brasile è il quarto più grande importatore di olio d'oliva nel mondo. Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, a partire dal 2015, è stato stimato che le importazioni del paese si avvicinassero a 80,000 tonnellate, con la maggior parte proveniente dal Mediterraneo e la maggior parte di qualità vergine.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

In un 2014 Olive Oil Times articolo, Charlie Higgins ha descritto l'emergere del Brasile anche come produttore di olio d'oliva, citando il clima e la produttività del suolo simili ai paesi europei. "Sebbene sia ancora agli inizi, la produzione nazionale è decollata negli ultimi anni. La maggior parte di questa crescita si sta verificando nello stato del Rio Grande do Sul, che gode di un clima e di un tipo di suolo simili al vicino Uruguay, un altro paese con un enorme potenziale come produttore ed esportatore di olio d'oliva ". 

Più di recente, Lisa Radinovsky segnalati su un dono presentato al Brasile dalla Grecia, come ramoscello d'ulivo del "Monumental Olive Tree ”a Vouve, Creta, è stato tagliato e offerto come un gesto simbolico di pace. 

Considerato da alcuni l'olivo più antico del mondo, forse risalente a migliaia di anni fa, i rami dell'albero sono stati utilizzati nelle cerimonie sin dai Giochi di Atene del 2004. Sin dai tempi antichi, i rami di ulivo dei boschi sacri sono stati usati per coronare il capi dei vincitori olimpici.


Related News

Feedback / suggerimenti