Nord America

Olive Council elegge un nuovo leader

Dicembre 2, 2015
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

Abdellatif Ghedira sarà il nuovo direttore esecutivo di Consiglio oleicolo internazionale (IOC). L'incarico è stato deciso nel recente 103rd sessione, tenutasi a Madrid dal 23 al 26 novembre.

Il Consiglio dei membri ha deciso di nominare Abdellatif Ghedira, di nazionalità tunisina, che è stato selezionato tra un gruppo di candidati tra cui candidati marocchini e spagnoli.

Ghedira, ora direttore del Ufficio nazionale del petrolio tunisino, succederà all'attuale dirigente del CIO, direttore Jean-Louis Barjol, come capo dell'organizzazione intergovernativa da gennaio 1, 2016 fino a dicembre 31, 2019 in un mandato che durerà quattro anni.

Nato a Monastir nel 1962, laureato in ingegneria agraria e gestione delle risorse idriche e forestali, con un diploma post laurea (DEA) in geografia, Ghedira è un esperto internazionale leader nel settore ed è considerato una persona competente e appropriata per un importante e ruolo centrale nel futuro del settore olivicolo mondiale.

Oltre a rappresentare il suo paese come capo della delegazione tunisina alle sessioni del CIO, ha ricoperto la funzione di capo di stato maggiore dell'ex ministro dell'Agricoltura, Lassaad Lachaal e ha ricoperto diverse posizioni all'interno del ministero, compreso il direttore generale dell'Ufficio delle terre statali e direttore generale dell'APIA, l'Agenzia nazionale per la promozione degli investimenti agricoli.

pubblicità

Secondo il regolamento IOC, Ghedira sarà assistita dall'attuale vicedirettore, Ammar Assabah, fino al 30 aprile 2016, e poi da due nuovi vicedirettori che saranno nominati al 25th sessione straordinaria del CIO, che si terrà presso la sede del CIO dal 7 al 10 marzo 2016.

L'attuale primo ministro tunisino, Habib Essid, ha ricoperto la stessa posizione esecutiva presso il CIO dal 2004 al 2010, contribuendo in modo decisivo al rifinanziamento e dando nuova energia all'organizzazione. Ora, sei anni dopo, un tunisino ritorna per svolgere l'importante funzione.

Dopo l'aggiunta di 35,000 tonnellate all'anno in esportazioni privilegiate all'Unione Europea senza doveri fino a 2017, e diventando per la prima volta il secondo produttore mondiale di olio d'oliva, il paese nordafricano avrà un connazionale al timone dell'International Oil Council.

pubblicità