Varietà di olive

Quando le olive divennero una cosa in Martinis

Quando l'oliva ha raggiunto lo status iconico come segno distintivo di raffinatezza e classe, il compagno perfetto per il suo sporco padrone, il Martini? Pensavamo non lo avresti mai chiesto.

Dicembre 12, 2016
Di Courtney Slusser

Notizie recenti

Per oltre un secolo, l'olivo ha mantenuto il suo status iconico come contorno di raffinatezza e classe, rimanendo il compagno perfetto per il suo mecenate, il Martini. Alcuni dei più famosi amanti del Martini includono John D. Rockefeller, Humphrey Bogart, Franklin D. Roosevelt, Ernest Hemingway e, naturalmente, James Bond.

Un famoso racconto di Frank Sinatra lo descrive mentre offre alla sua data un'oliva del suo Martini come una cartina di tornasole: "Se le voleva bene, era un affare fatto. "
Guarda anche: È quell'olio d'oliva nel tuo cocktail?
Nonostante la sua frequente associazione con New York City, la prima menzione di a "Il cocktail di Martinez è stato scoperto in un manuale di bartending a San Francisco nel 1887. La leggenda narra che un minatore durante la corsa all'oro della California entrò in un bar nella città di Martinez dopo uno sciopero dell'oro riuscito e il barista inventò la libagione, incluso quello che aveva a disposizione: un'oliva Mission.

A Parigi, un dottor Ammar Martini afferma che suo nonno, dopo essersi trasferito dalla Siria alla Francia dove gestiva un bar, usava un'oliva, uno degli oggetti più popolari della sua città di origine, Idlib, diffondendo il contorno nella famosa bevanda .

Mentre l'origine specifica dell'oliva è un po 'sfocata, come nel caso di molte genologie delle bevande, l'oliva resiste alla prova del tempo. Un'aggiunta significativa al canone culinario, l'oliva in un Martini rimane uno degli abbellimenti più affascinanti di una delle bevande più popolari dell'alta società.

L'oliva verde ha goduto della sua presenza di lunga data come l'accessorio Martini più riconoscibile grazie alla sua immensa popolarità tra l'élite di New York City.

pubblicità

Il proibizionismo alimentò la notorietà del Martini, poiché era abbastanza facile produrre gin negli anni '1920. Negli anni '1950, "Martini Lunches ”è diventato un tema popolare dell'era pazza di Mad Men. La celebrazione di questa immagine nella cultura pop ha elevato il ritratto dell'oliva in un bicchiere da Martini al suo iconico status.

Fino ad oggi, le olive verdi siciliane rimpolpate rimangono la prima scelta di olive utilizzate dalla maggior parte dei baristi.

Alcuni baristi infilzeranno (in genere due o tre) olive e le poseranno sul vetro per scopi di presentazione. Un altro metodo utilizzato dai baristi è quello di spremere il succo dalle olive prima di lasciarle cadere nel bicchiere per esaltarne il sapore. Sempre fresca, la salamoia aggiunge un ulteriore elemento di nitidezza alla libagione popolare.

Come accento gastronomico, l'oliva completa i sapori distinti di vermouth e gin, poiché la salsedine dell'oliva crea una deliziosa contrapposizione di sapori croccanti e muscolosi.

I primi cinque tipi di olive verdi includono: Cerignola dalla regione Puglia, con un sapore fresco e burroso; Liguria dalla regione nordoccidentale dell'Italia, tipicamente curata con foglie di alloro, rosmarino e timo; Picholine, olive francesi a forma di siluro dal sapore aspro e ricco di noci; Gordal, chiamato "The Fat One ”in spagnolo con una ricchezza ferma e carnosa; e Manzanilla, un'oliva spagnola spesso ripiena di pimientos e condita con aglio.

E in questi giorni, anche l'olio di olive si sta facendo strada nel Martinis nelle annaffiature di tutto il mondo per aggiungere un aroma fruttato e un pizzico di amarezza al cocktail riverito (per non parlare di alcuni polifenoli sani).



Related News