` Centrale elettrica in Spagna alimentata da rifiuti di olio d'oliva - Olive Oil Times

Centrale elettrica in Spagna alimentata da rifiuti di olio d'oliva

Febbraio 9, 2015
Sukhsatej Batra

Notizie recenti

Sebbene nella sua fase iniziale, la nuova centrale elettrica in Andalusia, Spagna stia generando elettricità, salvando l'ambiente da tossine nocive e preservando lo spazio delle discariche utilizzando i rifiuti della produzione di olio d'oliva come combustibile.

Finanziato dall'Unione Europea con partner del Regno Unito, Svezia, Spagna e Grecia, il prototipo di centrale elettrica o progetto Biogas2PEM- FC, è il prodotto della ricerca condotta presso il KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, Svezia in collaborazione con PowerCell , una società nordica cleantech leader nella tecnologia delle celle a combustibile.

Lo sviluppo del progetto Biogas2PEM-FC ha richiesto due anni per essere completato. Il primo prototipo di centrale elettrica, installato in un impianto di produzione di olio d'oliva gestito dalla cooperativa di San Isidro de Loja, Granada, raggiunge l'obiettivo di produrre energia dai rifiuti creati durante produzione di olio d'oliva.

Carina Lagergren, ricercatrice principale del progetto presso il KTH Royal Institute of Technology, ha sottolineato che "la cosa più importante è stata trovare una soluzione per tutti i rifiuti tossici rimasti dalla produzione di olio d'oliva ".

I rifiuti di olio d'oliva sono tossici per l'ambiente; è acido, altamente salino e contiene pesticidi, composti organici tossici e altri contaminanti pericolosi. L'attuale metodo di smaltimento dei rifiuti di olive nelle fosse dei fanghi è potenzialmente dannoso per l'ambiente poiché le tossine possono filtrare nell'ambiente circostante.

Invece di scaricare i rifiuti di olio d'oliva nelle fosse dei fanghi, i 30 milioni di metri cubi stimati di acque reflue prodotte ogni anno dai frantoi potrebbero essere utilizzati per la produzione di biogas, secondo Per Ekdunge, coordinatore del progetto e vicepresidente di PowerCell.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Carina Lagergren ha spiegato il progetto dell'olio d'oliva al presidente Barack Obama nel 2013. (Foto: David Callahan)

La nuova centrale elettrica utilizza rifiuti di olio d'oliva per produrre "energia pulita in un processo in tre fasi.

I rifiuti di olio d'oliva vengono prima sottoposti a digestione da parte di batteri anaerobici per produrre biogas, costituito da metano, anidride carbonica e composti di zolfo. Nella seconda fase, un reformer converte il biogas in anidride carbonica e idrogeno, che nella terza e ultima fase, vengono convertiti dalle celle a combustibile in calore ed elettricità con l'aggiunta di ossigeno.

Il sottoprodotto finale è un rifiuto tossico che può essere smaltito in modo sicuro in discarica senza preoccuparsi della lisciviazione delle tossine.

Sebbene costoso, tutt'altro che perfetto e ancora nelle sue prove iniziali, l'impianto produce 1 kW di potenza. Ci sono piani per produrre fino a 200 kW di potenza in grado di fornire il 50 percento del fabbisogno energetico dell'impianto di lavorazione, ha spiegato Lagergren.

Altri piani per questo progetto includono modi per ridurre i costi e aumentare l'efficienza del prototipo.

Secondo Ekdunge è possibile anche l'uso della tecnologia per produrre energia pulita da altri rifiuti agricoli. Questo concetto ha interessato molto il presidente degli Stati Uniti Barack Obama quando ha visitato il KTH Royal Institute of Technology nel 2013 mentre il progetto era ancora in fase di ricerca.


Related News

Feedback / suggerimenti