` Il progetto mira a portare il cambiamento sociale attraverso l'olio d'oliva in Brasile - Olive Oil Times

Il progetto mira a portare il cambiamento sociale attraverso l'olio d'oliva in Brasile

Marzo 17, 2016
Erin Ridley

Notizie recenti

Mentre il Brasile non è ampiamente conosciuto come produttore di olio d'oliva, una nuova iniziativa potrebbe semplicemente cambiarlo, non attraverso la scala della sua produzione di olio d'oliva, ma a seguito di uno sforzo innovativo guidato dalla causa chiamato Alberi sociali.

L'obiettivo dell'iniziativa è sostenere l'educazione dei giovani nelle comunità povere della regione meridionale del Rio Grande do Sul, in Brasile. Per raggiungere questo obiettivo, Social Trees proverà a raccogliere fondi per piantare tra 7,000 e 35,000 ulivi (probabilmente Arbequina, Arbosana, Koroneiki e / o varietà Picual, tutti che sono stati coltivati ​​e coltivati ​​con successo nella regione), da cui l'oliva extra vergine sarà prodotto e venduto olio. Il 100 percento dei profitti sarà quindi destinato a progetti sociali locali e, in teoria, lo farà nel corso di almeno 70 anni (considerato il tempo medio di produzione di un frutteto).

Lo sforzo è guidato da Leonardo Dutra, specializzato in agroalimentare e con esperienza nello sviluppo della gestione e del marketing delle industrie agroalimentari brasiliane. È supportato da un gruppo diversificato, che comprende produttori di olio d'oliva provenienti da Brasile, Italia e Portogallo e il progetto sta cercando donazioni attraverso il sito di crowdfunding, Indiegogo.

L'iniziativa potrebbe potenzialmente giovare più che ai giovani di Rio Grande do Sul impiegando anche gente del posto per aiutare con la produzione, il trasporto, la manutenzione dei frutteti e come consulenti tecnici per la selezione, l'implementazione e la manutenzione della posizione, tra gli altri possibili lavori.

Gli alberi sociali potrebbero essere stimolati dal costante aumento del consumo di olio d'oliva in Brasile, che nasce da una ripresa dell'economia del paese e dal crescente interesse per gli alimenti più sani.

pubblicità

Spiegò Dutra, "Il Brasile ha registrato uno straordinario sviluppo sociale ed economico dal 1995 al 2013. In generale, la popolazione ha acquisito potere d'acquisto ". Ha aggiunto, "il risultato di questo processo è stato l'inclusione di nuove abitudini nel paese, come il consumo di vino e (di) olio d'oliva ".

Infatti, dal momento che 1990 / 1991, consumo di olio d'oliva in Brasile è passato da 13.5 tonnellate all'anno a 66.5 tonnellate nel 2014/2015. Mentre Dutra avverte che i consumi potrebbero rallentare a causa dell'attuale crisi economica del paese, ritiene che continuerà a crescere. Infatti, dato che circa l'85% dell'olio d'oliva brasiliano viene importato dall'Europa, il paese è pronto a contribuire alla propria domanda interna, indipendentemente dalla velocità con cui cresce.

Dutra ritiene inoltre che l'impatto del progetto possa estendersi oltre la regione locale del Rio Grande do Sul e persino oltre il Brasile. "Riteniamo che l'iniziativa abbia il potenziale per aggiungere valore alla produzione di petrolio in Brasile e nel mondo ".

E idealmente non dovranno affrontarlo da soli. "Speriamo che l'industria globale dell'olio d'oliva ci aiuti in questa impresa ", ha aggiunto, aggiungendo che è aperto alla possibilità che possa "avvantaggiare lo sviluppo di questo settore nel suo insieme. "


Related News

Feedback / suggerimenti