Africa / Medio Oriente

La grande eredità di Shimon Lavee

Lavee ha aiutato a piantare e coltivare innumerevoli ulivi in ​​tutto il mondo per più di quattro decenni. I suoi contributi importanti e lo spirito generoso vivranno nelle loro radici e rami per le generazioni a venire.

Shimon Lavee
Può. 2, 2016
Di Alexis Kerner
Shimon Lavee

Notizie recenti

Negli insegnamenti ebraici (Midrash) si dice: "Che nessuno smetta mai di piantare. I campi pieni di alberi ci hanno accolto alla nascita e dovremmo aggiungere al loro numero anche in età avanzata. "

Shimon Lavee, morto pacificamente il 24 aprileth ha contribuito a piantare e coltivare innumerevoli ulivi in ​​tutto il mondo per oltre quattro decenni. Il suo importante contributo e il suo generoso spirito sopravviveranno nelle loro radici e rami per le generazioni a venire.

Gli ulivi si vestono di nero, Shimon Lavee, professore emirato dell'Università di Gerusalemme e grande amico della Spagna ci ha lasciato.- Associazione Spagnola per i Comuni dell'Olivo (AEMO)

Il prof. Shimon Lavee è nato nel 1931 a Berlino ed è emigrato in Israele nel 1938, poco prima dell'inizio della seconda guerra mondiale. Nella sua nuova patria, ha prosperato. Lavee era uno dei fondatori del Kibbutz Tel Katzir, situato nel sud del Mare di Galilea, ed era il direttore dell'azienda agricola della comunità. Nel 1955, ha conseguito la laurea presso l'Università Ebraica di Gerusalemme e ha iniziato a lavorare come ricercatore presso l'Organizzazione per la ricerca agricola (Istituto Volcani). Solo cinque anni dopo, ha completato il suo dottorato di ricerca.

Shimon Lavee ad un evento Terra Olivo, Jerusalem, 2011

Lavee ha continuato a stabilire un programma di allevamento presso l'Istituto Volcani. È durante i suoi anni all'istituto che ha scoperto come ridurre la fase giovanile dell'oliva accelerando il processo di allevamento, ha contribuito a rivoluzionare l'irrigazione a goccia e ha sviluppato nuove varietà di olive come il noto "Barnea.â €

La varietà Barnea è diventata sempre più importante a livello globale grazie alla sua capacità di adattarsi alla coltivazione intensiva, producendo rese quattro volte medie e mantenendo oli di qualità.

pubblicità

La sua influenza non si fermò al confine di Israele. Nel corso degli anni Lavee ha ricoperto ruoli importanti per il Consiglio oleicolo internazionale, tra cui quello di presidente (2000, 2008). È stato anche strumentalmente attivo nella International Society of Horticultural Sciences. Inoltre, ha ricevuto premi ed è stato eletto membro di molte organizzazioni internazionali. In Spagna, a Shimon è stato assegnato il premio onorario per la ricerca sulle olive, in Italia è stato eletto membro dell'Accademia italiana per le olive e in Israele ha ricevuto il premio per i migliori allevatori dal Ministero dell'agricoltura.

Il prof. Lavee riceve una medaglia di apprezzamento da Facundo Vita Serman, un rappresentante dell'ISHS, in qualità di co-convocatore del Simposio internazionale sull'irrigazione e la qualità dell'olio di oliva, Nazareth, Israele, 2009

Lavee era un filantropo. I suoi straordinari contributi con il supporto USAID e la gestione della Near East Foundation Olio Di Oliva Senza Frontiere progetto lo ha portato a ricevere un certificato di apprezzamento. Credeva che l'uguaglianza fosse la vera strada per la pace. Il progetto lavora per costruire una cooperazione economica tra agricoltori palestinesi e israeliani.

quando Olive Oil Times cominciò a chiedere ad amici e colleghi internazionali di commentare la vita di Lavee, divenne ancora più evidente che non era solo un stimato esperto di olive, ma serviva anche come mentore mondiale, ispirava gli altri ed era un eccezionale assaggiatore di olio d'oliva .
Guarda anche: Incontro con Shimon Lavee e The About About the Holy Tree
Tutti potevano concordare sul fatto che fosse un amico umile, generoso. Sapeva come riunire persone di ogni ceto sociale imparando a conoscere ulivi e olio d'oliva.

Dan Flynn, dell'UC Davis Olive Center, ha ricordato quando "Shimon era in California e disse al pubblico che Israele e la California hanno rivoluzionato l'industria olivicola decenni fa, con l'introduzione dell'irrigazione. I frutteti irrigati producono molto di più delle olive coltivate a secco. Shimon aveva continuato quel grande legame tra Israele, California e olive. ”

L'Associazione spagnola per i comuni delle olive (AEMO) ha scritto al suo passaggio, "gli ulivi si vestono di nero, Shimon Lavee, professore di emirato dell'Università di Gerusalemme e grande amico della Spagna ci ha lasciato ”.

Ehud Soriano, capo del gruppo israeliano per l'olio d'oliva e consulente per le olive, stava lavorando per programmare il corso di Analisi sensoriale in Israele. Quando incontrò Lavee, gli raccontò del corso. Il professore gli disse che sarebbe stato felice di insegnare in classe. Ehud fu preso alla sprovvista che un uomo così distinto sarebbe disposto a dedicare del tempo per insegnare per il suo corso. Ricorda Shimon che rideva e diceva: "insegnare ai produttori e agli agricoltori non è meno importante degli studenti dell'Università. ”Fu allora che Ehud vide il carattere modesto e generoso di Lavee.

Arnon Dag del Gilat Research Center racconta di aver incontrato Shimon 13 anni fa presso l'Istituto Volcani. Descrisse Lavee come una persona umile con enormi conoscenze in fisiologia dell'olivo e suo mentore. Dag ha adorato le loro discussioni sulla scienza della biologia dell'olivo e sui modi migliori per avvantaggiare i coltivatori.

"Anche dopo essersi ammalato ", ha spiegato Arnon, "Shimon ha insistito per essere coinvolto negli studi e ha continuato a uscire sul campo. Sfortunatamente, non abbiamo più professori che escono sul campo con cesoie da potatura. "Ha continuato, "Mi sento fortunato di aver avuto l'opportunità di lavorare così a stretto contatto con quest'uomo per così tanti anni. Io e i miei colleghi ci impegniamo a fare del nostro meglio per continuare l'eredità di Shimon Lavee e mantenere Israele come centro produttivo e creativo per la ricerca e lo sviluppo della scienza delle olive ”.

Il ramo di un ulivo rappresenta la pace, l'albero stesso è generoso e può prosperare anche in condizioni difficili, il suo frutto fornisce olio che dà luce ed è un simbolo di saggezza. Tutto ciò, anche Shimon Lavee ha mostrato per tutta la vita.


Related News