Lo studio in Spagna conferma l'olivo come coltura strategica per il recupero della biodiversità

Gli uliveti hanno perso molta della loro biodiversità, ma secondo le nuove scoperte di uno studio in Andalusia, ci sono ancora opportunità di recupero.

La Olivilla
Ottobre 16, 2018
Di Rosa Gonzalez-Lamas
La Olivilla

Notizie recenti

La scoperta di una nuova specie botanica durante uno studio di ricerca condotto in Andalusia attesta che, sebbene gli uliveti abbiano perso molta della loro biodiversità negli ultimi decenni, rimangono una solida base di flora e fauna che li rende una piattaforma ideale per il recupero. biodiversità, un valore aggiunto della produzione di olio d'oliva e di oliva.

I risultati facevano parte del progetto LIFE di Olive Alive, un'iniziativa coordinata da SEO / BirdLife e condotto dall'Università di Jaén e dal Consiglio superiore spagnolo per la ricerca scientifica (CSIC) attraverso gli uliveti 40 nelle località andaluse di 20.

Lo studio, i cui risultati sono stati svelati questo mese, è stato concepito per quantificare la diversità come base per future valutazioni dell'impatto delle azioni messe in atto per recuperare la biodiversità. Ha dimostrato che la biodiversità può essere un buon investimento che può contribuire a una maggiore redditività nella coltivazione dell'olivo e nella produzione di olio e deve quindi essere presa in considerazione nello sviluppo di nuove politiche e pratiche agricole.

Linaria qartobensis era la specie botanica scoperta in un uliveto di Cordova. Mostra tratti diversi rispetto ad altri Specie Linaria, come forma, colore e semi, ed è stato ora incluso nei registri spagnoli e globali. Lo studio ha registrato un totale di 549 specie erbacee e 137 specie legnose.

Grove a La Olivilla

Sul lato animale, durante lo studio sono state identificate le specie di uccelli 165 dei generi 199. Gli oliveti fungono da habitat per nidificazione, letargo o transito durante la migrazione. Ventisei specie avevano una sorta di status minaccioso, tra cui due in via di estinzione: alzacola rossa e grande otarda (Otis tarda.) Sono state registrate anche centodiciannove insetti impollinatori e 58 specie di formiche, una delle quali sembra essere una specie considerata estinta dal 1960, Aphaenogaster gemella.

Le cifre rappresentano una media tra tutti gli oliveti studiati in quanto la biodiversità non è omogenea in tutti loro, variando a seconda della gestione del suolo, dell'applicazione di pratiche di agricoltura convenzionale o biologica, delle dimensioni delle trame e della complessità del paesaggio.

I paesaggi semplici erano quelli in cui predominavano gli ulivi con una limitata presenza di altre colture; paesaggi di complessità intermedia erano quelli in cui gli ulivi si intrecciano con altre colture e altri elementi vegetativi; e paesaggi complessi erano luoghi in cui gli uliveti non erano necessariamente dominanti, coesistendo con una vasta gamma di altri elementi vegetali.

Gli oliveti sono stati campionati e indicizzati in termini di estensione, metodi di coltivazione, diversità funzionale, eterogeneità, rapporto con il paesaggio e valore per la conservazione. Per ogni boschetto campionato è stato creato un elenco di specie, generi e famiglie di ciascun gruppo di organismi utilizzati come indicatori di biodiversità e sono state inoltre predisposte mappe che delineano gli usi di ogni territorio. Il campione aggregato rappresentava poco meno di 10,000 ettari su una superficie totale di oliveto di 1.5 milioni di ettari in Andalusia. I campioni sono stati ottenuti da aprile 2016 a maggio 2017.

La perdita di biodiversità in Spagna è iniziata alla fine degli anni '1980, quando sono state adottate pratiche agricole di produzione di massa a causa dell'incorporazione del paese nella politica agraria comune dell'Unione europea. Questa coltivazione semplificata ha eliminato tutti gli elementi non strettamente legati agli ulivi, una distruzione compiuta soprattutto con pesticidi ed erbicidi. Ciò non solo ha contribuito a una significativa perdita di biodiversità, ma nel tempo ha portato a esporre le colture a patogeni in evoluzione.

La biodiversità contribuisce alla fertilità del suolo e al controllo dell'erosione, delle piaghe e delle malattie. Olive Alive cerca di reintrodurre la biodiversità negli oliveti per aumentarne la redditività elaborando modelli in crescita che aiutano a migliorare la qualità degli oli d'oliva e sono compatibili con la conservazione degli ecosistemi.

Alcune azioni proposte a tal fine includono la gestione di coperture erbacee e il ripristino di zone improduttive attraverso la piantagione di alberi, cespugli ed erbe specifici, insieme alla creazione di elementi funzionali per proteggere gli animali favorevoli alla biodiversità.

All'inizio di questo 2018, SEO / BirdLife ha iniziato la sua partecipazione a un progetto di collaborazione biennale che studierà coperture erbacee di specie autoctone negli uliveti, nel tentativo di trasferire conoscenze sulle pratiche sostenibili attraverso prove dimostrative negli oliveti, consolidando anche strumenti agronomici per gestione del suolo che può aiutare a controllare l'erosione, mantenere la fertilità e preservare la biodiversità.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti