Gli agricoltori italiani vogliono fare qualcosa sui cinghiali

Con il numero di cinghiali in Italia che negli ultimi dieci anni è raddoppiato a due milioni, i gruppi di agricoltori chiedono nuovamente un piano globale per affrontare un problema vecchio e crescente.

Ottobre 27, 2020
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

La maggior parte degli italiani afferma che è giunto il momento di porre fine alla rapida crescita della popolazione di cinghiali le cui abitudini alimentari devastano le campagne e invadono città e villaggi. 

Non possiamo più aspettare, abbiamo bisogno di un intervento immediato per combattere la diffusione della peste suina attraverso una forte riduzione dei cinghiali.- Mirco Carloni, Segretario all'Agricoltura della Regione Marche

Da un'indagine condotta per conto dell'associazione di agricoltori Coldiretti è emerso che quasi 7 su 10 ritengono che ci siano troppi cinghiali che vagano per il paese, minacciando la proprietà e causando caos.

"Questi cinghiali ", ha evidenziato una nota Coldiretti, "possono essere più lunghe di 70 pollici, pesare fino a 440 libbre e avere zanne che possono raggiungere i 12 pollici, essendo quindi paragonabili ad armi vere, capaci di infliggere ferite mortali sia all'uomo che agli animali, pur essendo anche strumenti di devastazione attraverso colture e frutteti. "

Vedi anche: Siccità, carenza di lavoratori e cinghiali: sfide per gli agricoltori italiani

Gli olivicoltori e altri agricoltori denunciano da tempo i danni causati dagli animali in roaming alle colture e alle infrastrutture agricole. Molti hanno sostenuto costi elevati mentre cercavano di impedire la distruzione da parte di uno dei mammiferi più diffusi al mondo. 

Le stazioni di notizie locali da nord a sud riportano regolarmente branchi di animali che sono noti per lasciare i loro segni, come buchi profondi, nelle vicinanze degli ulivi. Percorrono miglia ogni notte per raggiungere le aree di alimentazione, occupano strade e attraversano binari ad alta velocità, spesso causando incidenti.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

"Ho assistito nella mia fattoria a come i cinghiali si muovono lungo i fiumi e le rive per raggiungere i nostri raccolti. Mi sono abituato alla metà delle rese ”, ha detto Filippo Gasparini, presidente della filiale di Piacenza dell'associazione dei coltivatori Confagricoltura. 

"Durante la stagione venatoria 2019/2020 ", ha osservato Gasparini, "nella nostra provincia sono stati uccisi più di 2,000 cinghiali e altri 26,000 sono stati uccisi in tutta la regione. Anche con questi numeri, la situazione attuale è fuori controllo, quindi le autorità regionali stanno includendo nuove operazioni di monitoraggio all'interno del piano regionale per la fauna selvatica ".

Secondo i dati diffusi dalla Coldiretti, negli ultimi dieci anni il numero dei cinghiali in Italia è raddoppiato a 2 milioni. "Sono sempre più coinvolti in un'escalation di incidenti, aggressioni, intrusioni all'interno delle aree urbane dove si diffondono alla ricerca di cibo nella spazzatura che trovano ", ha osservato l'associazione.

Gli agricoltori temono che i cinghiali possano diffondere la peste suina africana ai loro maiali. "Non si può più aspettare, occorre un intervento immediato per contrastare la diffusione della peste suina attraverso una forte riduzione del numero dei cinghiali ”, ha detto il segretario all'agricoltura delle Marche, Mirco Carloni, che si unisce ai colleghi di altri Regioni italiane nel chiedere al Ministro dell'Agricoltura italiano un piano di contenimento coordinato a livello nazionale. 

europa-mondo-gli-agricoltori-italiani-vogliono-fare-qualcosa-per-i-cinghiali-olio-d'oliva

Una statua di cinghiale sulla Piazza del Mercato Nuovo a Firenze, Italia

"La peste suina africana ", ha sottolineato Carloni, "infetta animali selvatici e domestici e li uccide tutti. Dobbiamo agire per ridurre sia il rischio sanitario che i rischi economici che l'epidemia potrebbe portare a tutto il settore dell'allevamento suino ”.

In un editoriale pubblicato dal quotidiano la Repubblica, Piero Genovesi, ricercatore e dirigente dell'Istituto italiano per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA), ha sostenuto un approccio globale. "Questi dovrebbero includere recinzioni migliori per le autostrade, segnali di avvertimento per i conducenti in aree selezionate, rinforzare le recinzioni attorno alle colture più preziose ed evitare di lasciare cibo all'interno delle città ", ha scritto. 

Tali misure potrebbero aiutare a mitigare l'impatto delle attività dei cinghiali, ha scritto Genovesi, se combinate con altre azioni, come la sterilizzazione di massa. 

L'esperto italiano ha osservato, tuttavia, che le ultime ricerche scientifiche hanno dimostrato che anche le operazioni di sterilizzazione condotte sui cinghiali non saranno sufficienti a ridurre notevolmente la loro popolazione. "Invece ", ha scritto Genovesi, "se potessimo rimuovere ogni anno l'80 per cento di tutti i cinghiali, potremmo ottenere un drastico calo del loro numero ".

Nel sondaggio Coldiretti, sei intervistati su dieci hanno dichiarato di temere i cinghiali e quasi la metà ha dichiarato che non prenderebbe in considerazione l'acquisto di una casa in una zona con un'alta popolazione di cinghiali. L'ottanta per cento degli intervistati ha affermato che avere personale specializzato che uccide gli animali è la strategia migliore per ridurre il numero.

"La peste suina sta facendo breccia anche nei paesi europei precedentemente non toccati dalla malattia ed è diffusa dalla popolazione di cinghiali infetti che si sta progressivamente spostando verso l'Europa occidentale. Ha già colpito la Germania con diversi focolai ”, ha osservato Gasparini.

"Stiamo affrontando un tale problema, che il Ministero dell'Agricoltura e il Ministero della Salute si stanno coordinando con diverse altre amministrazioni per elaborare un piano completo per il monitoraggio e la gestione della popolazione di cinghiali ".





Related News

Feedback / suggerimenti