Produttori di donne tunisine che fanno un segno nel mondo di un uomo

Le donne stanno facendo il loro segno nel settore della produzione di olio d'oliva in rapida crescita in Tunisia, anche se spesso è dietro le quinte.

Zakia Hajabdallah nel suo uliveto. Foto di Isabel Putinja.
Settembre 17, 2018
Di Isabel Putinja
Zakia Hajabdallah nel suo uliveto. Foto di Isabel Putinja.

Notizie recenti

Proprio come la vinificazione, il mondo dell'olio d'oliva è in gran parte un'industria dominata dagli uomini. Questo è vero anche in Tunisia, dove un terzo della terra è coperto da uliveti e 300,000 persone lavorano nella produzione di olio d'oliva.

Ma molte di queste sono donne che stanno lasciando un segno significativo nell'industria dell'olio d'oliva in rapida crescita della Tunisia, anche se spesso proviene da qualche parte dietro le quinte.

I produttori di olive in Tunisia vengono notati ma c'è ancora molto da fare: è solo insieme che possiamo promuovere l'immagine dell'olio d'oliva tunisino.- Afet Ben Hamouda, A&S

Il più grande contributo delle donne a un'industria del valore di 2 miliardi di dinari tunisini (723.7 milioni di dollari) nelle esportazioni è stato come fonte di manodopera a basso costo durante la stagione del raccolto. Il novanta per cento dei lavoratori del raccolto sono donne rurali che lavorano come braccianti agricoli stagionali. Generalmente ricevono una retribuzione giornaliera che spesso è inferiore a quella guadagnata dai lavoratori maschi che svolgono lo stesso lavoro.

Una piccola parte del loro stipendio giornaliero va a pagare per il trasporto dai loro villaggi agli uliveti che di solito è organizzato dai loro datori di lavoro, i proprietari dell'azienda agricola. Impacchettati in più strati di abbigliamento contro il freddo invernale, le donne mietitrici trascorrono la loro giornata lavorativa a cogliere a mano gli ulivi dagli alberi.

All'altra estremità dello spettro sociale ci sono donne altamente istruite coinvolte nella gestione quotidiana delle attività di olio d'oliva delle loro famiglie. Ai Tunisian Olive Oil Awards organizzati dal Ministero dell'Industria lo scorso aprile, diverse donne sono salite sul podio per raccogliere premi in una cerimonia appariscente tenutasi in un hotel di fascia alta.

Semia Salma Belkhira, direttore generale della Medagro a conduzione familiare, ha ricevuto il secondo premio per un fruttato medio Olio di oliva Ruspina; mentre Rawia Ben Ammar, responsabile commerciale dell'azienda agricola biologica Domaine Ben Ammar, ha portato a casa il primo premio per il marchio di famiglia Société Mutuelle de Services Agricoles (SMSA), una cooperativa di agricoltori che riunisce i lavoratori agricoli della città di Fahs e delle zone limitrofe. Indossa anche il cappello di VP dell'Union Régionale de l'Agriculture et de la Pêche, un sindacato di lavoratori agricoli; ed è attiva nella Fédération Nationale des Agricultrices che rappresenta le donne contadine.

Zakia Hajabdallah (Foto di Isabel Putinja)

Hajabdallah indossa un velo e guida un camioncino Toyota bianco. Questa immagine non è incongruente in Tunisia, un paese in cui alle donne piace fare le cose alle proprie condizioni e dove hanno a lungo avuto diritti e libertà che le loro sorelle in altri paesi arabi no.

"Le donne lavorano generalmente con i loro padri e mariti nelle fattorie di famiglia ", ha detto da dietro il volante del suo pick-up. Spiega che uno dei motivi per cui le donne possiedono una terra così piccola è che l'attuale legge sull'eredità funziona contro di loro: le donne possono ereditare solo la metà di ciò che fanno i loro fratelli. L'attuale governo ha proposto di rivedere questa legge, che se approvata renderebbe la Tunisia il primo paese nel mondo arabo a garantire uguali diritti ereditari.

Il viaggio da Fahs alla sua fattoria di ulivi si snoda attraverso un paesaggio di colline ondulate punteggiate dalle incombenti montagne del governatorato di Zaghouan, a circa 60 km a sud-ovest della capitale Tunisi. Questa è una regione agricola in cui l'80% degli abitanti si guadagna da vivere con la terra.

Oliveti nella regione di Zaghouan. (Foto di Isabel Putinja)

Hajabdallah è diventata un'olivicoltore quando ha deciso di lasciare il suo lavoro nel settore pubblico come agronomo per lavorare la terra che aveva affittato dal governo come parte di un programma per riabilitare i terreni agricoli e fornire una spinta agli agricoltori locali.

Delimitata da imponenti piante di cactus, il suo appezzamento di terra si estende su 40 ettari ed è per lo più piantato con lunghe file ordinate di ulivi. Nei campi vicini "grano tenero ”è coltivato per la farina, così come il grano duro per la semola utilizzata per fare il cuscus, un alimento base della cucina tunisina.

Indica una pianta verde con fiori delicati. "Ho anche piantato piante leguminose come fave e altre che resistono alle alte temperature e fissano l'azoto nel terreno. Ciò migliora la sua fertilità e alla fine ottimizza la crescita e la resa dei miei ulivi. "

I suoi alberi sono dei Varietà di olive Chetoui che resiste bene al caldo nordafricano ma produce solo ogni due anni. Con la sua fattoria certificata biologica da 2014, Hajabdallah vende le olive che raccoglie alla società locale AGROMED per il loro marchio biologico Oriviera che viene esportato in Nord America.

"La mia più grande sfida è l'irrigazione ”, ha detto, indicando la terra screpolata. "Questa è una regione semi-arida che sta vivendo una siccità negli ultimi tre anni. La falda acquifera qui è bassa e l'acqua salata. Lo stato non offre risarcimenti durante i periodi di siccità. La stagione passata è andata bene, ma l'anno scorso è stato brutto. L'anno prima è stato un anno eccellente per i produttori tunisini ".

"La raccolta inizia all'inizio di novembre e la ricerca di manodopera sta diventando sempre più difficile ogni anno ”, ha affermato in merito alle sfide affrontate dagli olivicoltori locali. "Usare le macchine è fuori discussione perché semplicemente non funzionano per questa varietà. Le olive si attaccano ai rami quindi dobbiamo raccoglierle a mano. Un altro problema che abbiamo alla raccolta è che i piccoli produttori a volte devono aspettare molto tempo per spremere le olive perché i frantoi sono troppo impegnati. Come sapete, le olive devono essere frante il prima possibile, entro 24 ore, per ottenere un olio di qualità ".

Più a nord, in un altro paesaggio rurale vicino a Mateur, 70 km a nord-ovest di Tunisi, situati nel governatorato di Biserta, Afet e Selima Ben Hamouda tendono ai loro uliveti. Il terreno fertile di questa regione agricola è stato utilizzato per coltivare cereali sin dai tempi in cui questo era il cestino del pane dei romani.

Le sorelle Ben Hamouda sono trentenni e fanno parte di una nuova generazione di olivicoltori e produttori il cui obiettivo è produrre olio extravergine di oliva di altissima qualità. Sebbene siano la sesta generazione a prendersi cura della terra della loro famiglia, entrambi hanno lasciato la loro carriera professionale per farlo. Nel 2015, Afet ha lasciato il suo lavoro di marketing turistico mentre Selima ha lasciato la sua carriera in legge per piantare un uliveto e alla fine lanciare il proprio marchio, COME, due anni dopo.

"I nostri genitori sono stati molto incoraggianti e sostenitori della nostra decisione ", ha condiviso Afet. "È stato nostro padre a dirlo 'Perché non piantare ulivi? Ha sottolineato che l'olio d'oliva è un'industria in rapida crescita in Tunisia. Le persone sono molto sorprese e curiose quando sentono che siamo produttori di olive. All'inizio alcuni dei nostri amici hanno riso di noi, ma ora alcuni hanno piantato i propri ulivi ".

Selima e Afet Ben Hamouda

"Abbiamo fatto le nostre ricerche e sin dall'inizio sapevamo che volevamo concentrarci sulla qualità ", ha aggiunto Selima, parlando del loro approccio alla produzione di olive. Le sorelle si sono recate a sud, a Sfax, per partecipare a un programma di formazione della camera di commercio che copre tutti gli aspetti della produzione di olive. "Circa la metà dei partecipanti erano altre donne ", ha detto dell'esperienza. "Abbiamo ricevuto molte informazioni e consigli eccellenti, ma anche incoraggiamento e supporto, che continuano ancora oggi. ”Volendo espandere ulteriormente le loro conoscenze, hanno viaggiato in Australia per un ulteriore addestramento.

"Abbiamo continuato il lavoro che nostro padre aveva iniziato su un terreno di prova basato sui principi dell'agricoltura di conservazione ", ha spiegato Afet. "L'obiettivo è quello di preservare la ricchezza del suolo in modo da ruotare grano e legumi ogni due anni, evitare di coltivare il terreno e conservare la copertura delle piante per ridurre al minimo l'erosione e l'evaporazione. Dobbiamo cercare di mantenere l'umidità il più possibile perché non c'è molta pioggia. "

Boschetti ad A&S vicino a Mateur, Tunisia

Con 900 ulivi di Chetoui già sulla loro terra, hanno deciso di piantare 12,000 alberi delle varietà spagnole Arbosana e Arbquina che producono rapidamente frutti. Si trova anche nei loro boschetti la varietà greca Koroneiki, un impollinatore. "Ovviamente dobbiamo difendere anche le nostre varietà tunisine ”, ha detto Afet. "Quindi due anni fa abbiamo piantato altri nove ettari del nostro Chetoui nativo. "

La loro ossessione per la qualità si estende a tutte le fasi del processo di produzione. Per poter spremere le olive il più rapidamente possibile ed evitare ritardi nei frantoi, hanno investito nella propria fresa bifase.

Mill presso A&S

"Questo è l'unico modo per garantire la qualità, avendo il nostro stabilimento ”, ha detto Selima della loro decisione. "I frantoi di questa regione utilizzano un sistema trifase che introduce l'acqua nel processo e di conseguenza la qualità non è eccezionale. Inoltre, gli operatori del frantoio spesso non separano le tue olive da quelle di altri produttori, quindi tutto viene pressato e mescolato insieme. Quindi avere il nostro mulino era assolutamente essenziale. "

"Quel primo assaggio di olio nuovo è un momento molto emozionante ", ha detto Afet, esprimendo l'alchimia magica che si verifica quando mesi di duro lavoro vengono sintetizzati in un liquido verde-oro. "Non pensavamo davvero di avere la nostra etichetta, è successo e basta. È stato il passo logico successivo. "

I premi sono arrivati ​​rapidamente per il loro marchio A&S. L'anno scorso, il loro olio extravergine di oliva Chetoui medio ha vinto il primo premio a un concorso nazionale organizzato dall'Office National de l'Huile, mentre il loro intenso fruttato ha ricevuto un quarto premio. Il 2018 ha portato più riconoscimenti, con premi in importanti concorsi internazionali come BIOL Italia, e NYIOOC, dove hanno vinto a Premio d'Oro.

Queste due giovani donne che stanno lasciando un segno nell'industria dell'olio d'oliva in via di sviluppo della Tunisia ora hanno un occhio al futuro. Stanno lavorando alla costruzione di un nuovo edificio con spazio per una sala degustazione e credono che l'industria locale debba svilupparsi ulteriormente.

"I produttori di olive in Tunisia vengono notati ma c'è ancora molto da fare ", ci ha detto Afet. "Dovremmo insegnare ai cuochi come usare l'olio d'oliva e c'è anche la possibilità di creare e sviluppare boutique di olio d'oliva specializzate progetti nel turismo dell'olio d'oliva. Inoltre, i produttori devono parlare di più e comunicare. Dobbiamo creare un gruppo di produttori che lavorino insieme sulla produzione di qualità. È solo insieme che possiamo promuovere l'immagine dell'olio d'oliva tunisino ".


Related News

Feedback / suggerimenti