Yale ospiterà la conferenza sull'olio d'oliva, piani per istituire un centro di ricerca

La conferenza riunirà i membri del settore da una serie di discipline per pianificare la formazione di un think tank per l'olio d'oliva.

Università di Yale
Settembre 17, 2018
Di Daniel Dawson
Università di Yale

Notizie recenti

La School of Public Health della Yale University ospiterà la sua prima conferenza sull'olio d'oliva il mese prossimo. 

Il evento di due giorni riunirà persone di diverse discipline per discutere una varietà di argomenti, tra cui la chimica e la salute dell'olio d'oliva, i metodi di prova, gli impatti dei cambiamenti climatici e delle malattie sulla sua coltivazione, nonché il potenziale di innovazione nel settore. 

Tassos Kyriakides ha dichiarato di aver avuto l'idea della conferenza dopo aver completato il Programma di certificazione del sommelier dell'olio d'oliva alla International Culinary Center, che è prodotto do olive oil Times Education Lab. 

Kyriakides e il presidente del dipartimento della School of Public Health di Yale, Vasilis Vasiliou, immaginano la conferenza come un evento annuale che porterà alla formazione di un centro a Yale dedicato all'aggregazione e alla diffusione della conoscenza dell'olio d'oliva, nonché al supporto di progetti e studi.

"Sapevo che qualcosa doveva nascere dalla [mia partecipazione al corso] ", ha detto Kyriakides Olive Oil Times. "Quello che penso abbia guidato l'idea di questo centro nella mia mente era che ci sono tutte queste informazioni là fuori da tutte queste persone e le loro prospettive che lavorano su queste cose ". 

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Tra i partecipanti alla conferenza ci saranno accademici, professionisti del settore e gruppi commerciali provenienti da Grecia, Italia, Spagna e Stati Uniti. Kyriakides prevede tra le 80 e le 100 persone. Ha detto che le risposte degli invitati a partecipare sono state straordinariamente positive. 

"Ci sono molte persone diverse che provengono dalla loro prospettiva e l'idea è che un centro, come questo, funzionerà come un facilitatore di attività che si svolgono in tutto il mondo ", ha detto.

"Riteniamo che tutti trarranno beneficio da qualcosa del genere ", ha detto. "Vediamo questo come un tentativo per le persone di contribuire e restituire ad altri centri e organizzazioni in base a ciò che fanno nella loro zona ".

Come funzionerà esattamente il centro deve ancora essere determinato. Kyriakides intende lasciare che la conferenza di due giorni faccia il suo corso e tenendo conto di ciò che pensano tutti i presenti prima di tracciare un percorso da seguire.

Il primo giorno della conferenza sarà dedicato alle presentazioni di una vasta gamma di individui e settori, ognuno dei quali discuterà di ciò che sta facendo nel settore dell'olio d'oliva. Il secondo giorno sarà più un dialogo aperto con le persone che si dividono in gruppi più piccoli. Alla fine della giornata, tutti torneranno insieme e condivideranno ciò di cui hanno discusso.

"Alla fine, rivedremo l'output di questo e redigeremo linee guida o un progetto di come funzionerà questo centro ", ha detto Kyriakides, aggiungendo che ha già il sostegno del decano della School of Public Health. 

Joseph R Profaci, direttore esecutivo della North American Olive Oil Association (NAOOA), ha affermato che sarà tra i rappresentanti del gruppo industriale che parteciperanno alla conferenza. 

Profaci detto Olive Oil Times che la NAOOA ha cercato un partner accademico con cui istituire un centro multidisciplinare per l'olio d'oliva incentrato sulla salute e l'alimentazione. Il gruppo commerciale aveva contattato diverse altre università con la proposta, ma è rimasto piacevolmente sorpreso di sentire questa notizia proveniente da Yale. 

"Ero molto entusiasta di vedere questa idea scaturire da Kyriakides e Vasiliou, apparentemente senza spingere l'industria ", ha detto Profaci. "Chiaramente, la sfida principale per il centro di Yale proposto, o qualsiasi altro centro simile, sarà trovare fonti di finanziamento sostanziali e sostenibili ".

Tuttavia, Kyriakides non sembra preoccupato per il finanziamento del progetto. 

"Iniziando qualcosa del genere, la nostra idea è quella di trarre sostegno da fondazioni e agenzie che sosterranno progetti orientati allo studio dell'olio d'oliva e di qualsiasi area di interesse ", ha affermato. "[Ciò] consentirà a individui e organizzazioni di poter richiedere alcuni finanziamenti, alcune risorse in modo che possano continuare a fare il loro lavoro". 

Se dipendesse solo da Kyriakides, il centro si concentrerebbe principalmente sulla salute pubblica e sulla nutrizione, che è ciò che lo ha coinvolto in primo luogo con l'olio d'oliva e la dieta mediterranea. Considera i consumatori americani come poco istruiti riguardo al benefici per la salute dell'olio d'oliva e crede che questo centro potrebbe essere un passo per aiutare a cambiare la situazione.

"Penso che con la mia propensione alla salute pubblica e alla nutrizione, [dovremmo concentrarci su] come massimizzare la capacità di questo prodotto ", ha detto. "Negli Stati Uniti siamo indietro nell'educazione e nel riconoscimento che questo è un prodotto che dovrebbe essere utilizzato, non solo per le qualità culinarie che ha, ma anche per i benefici per la salute che ha ".

"Avere un centro che raccoglierà e diffonderà queste informazioni in un'istituzione accademica come una scuola della Ivy League aiuta sicuramente a promuovere quell'idea e darle peso ”, ha aggiunto.

La conferenza sull'olio d'oliva e sulla salute si terrà il 3 e 4 ottobre presso la Yale School of Public Health di New Haven, nel Connecticut.





Related News

Feedback / suggerimenti