`Brightland Drops afferma che la maggior parte degli oli d'oliva negli Stati Uniti sono adulterati, rancidi - Olive Oil Times

Brightland Drops afferma che la maggior parte degli oli d'oliva negli Stati Uniti sono adulterati, rancidi

15 dic 2021 7:29 EST
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il commerciante di olio d'oliva con sede in California Brightland ha volontariamente rimosso una dichiarazione dal suo sito Web relativa alla diffusione adulterazione dell'olio d'oliva negli Stati Uniti dopo il Associazione nordamericana dell'olio d'oliva (NAOOA) ha presentato un reclamo a un gruppo di controllo della pubblicità.

La NAOOA ha contestato l'affermazione di Brightland che "la maggior parte dell'olio d'oliva venduto negli Stati Uniti è marcio, rancido o adulterato", causando nausea e dolori di stomaco.

Il nostro obiettivo in tutti questi sforzi è garantire che la disinformazione non venga utilizzata ingiustamente per promuovere o denigrare i prodotti nel nostro settore.- Joseph R Profaci, direttore esecutivo, NAOOA

Le affermazioni sono apparse sul sito Web di Brightland, sulle pagine dei social media e sugli articoli online in altri punti vendita sull'azienda e sul suo fondatore, Aishwarya Iyer.

"Dopo aver scoperto che la maggior parte dell'olio d'oliva consumato dagli americani è marcio, rancido e adulterato ", ha detto Iyer a una rivista online, Confidenziale di Los Angeles, "Volevo creare una soluzione che fosse prodotta negli Stati Uniti, bella e autentica ed è così che è nato Brightland".

Vedi anche: Cinque anni dopo, il rapporto di UC Davis trasmette ancora onde d'urto

Secondo la National Advertising Division (NAD) di BBB National Programs, un'organizzazione senza scopo di lucro, Brightland si è offerta volontaria per rimuovere definitivamente il reclamo dal suo sito web. Di conseguenza, NAD non ha condotto una revisione della veridicità delle affermazioni.

pubblicità

Tuttavia, il NAD ha stabilito che le affermazioni di Brightland non erano supportate e ha denigrato altri oli d'oliva sul mercato, raccomandando che le affermazioni vengano rimosse.

Brightland ha detto che non era d'accordo con la conclusione di NAD ma "in ossequio al processo di autoregolamentazione, Brightland ha modificato il linguaggio del Nota del fondatore e terrà conto dei commenti di NAD.”

Non si è parlato di modificare o rimuovere la miriade di dichiarazioni denigratorie attribuite a Iyer in altri media.

L'affermazione originale di Brightland probabilmente deriva da a Relazione 2011 dell'Università della California-Davis che ha rilevato il 73 percento dei cinque prodotti importati più venduti "i marchi di olio extra vergine di oliva negli Stati Uniti venduti in California non soddisfacevano i Gli standard del Consiglio oleicolo internazionale per l'olio extra vergine di oliva.

"I difetti sensoriali sono indicatori che questi campioni sono ossidati, di scarsa qualità e/o adulterati con oli raffinati più economici", hanno scritto i sette autori.

Il rapporto era un seguito al controverso di UC Davis Relazione 2010 che ha rilevato che il 69 percento dei campioni di olio d'oliva importato e il 10 percento dei campioni di olio d'oliva californiano etichettati come olio extra vergine di oliva non sono riusciti a soddisfare gli standard del CIO.

Ampia copertura mediatica del rapporto in due parti, finanziato in parte dalla California olive oil producers, hanno in gran parte ignorato la dimensione limitata del campione - 186 oli d'oliva da 20 marchi - e hanno invece dedotto che i risultati dello studio UC Davis si applicavano all'intero mercato nordamericano.

Da allora UC Davis ha chiarito che i risultati dello studio "non dovrebbe essere usato per caratterizzare la qualità o l'autenticità dell'olio d'oliva attualmente disponibile in California o altrove. "

Sebbene stimare la quantità effettiva di adulterazione e di etichettatura errata dell'olio d'oliva in qualsiasi mercato sia molto difficile e imprecisa, piccoli studi condotti in altre parti del paese hanno prodotto risultati molto diversi.

Ad esempio, a uno studio del 2015 dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha scoperto che solo tre degli 88 campioni di olio extra vergine di oliva prelevati dai supermercati di Washington, DC "non è riuscito a soddisfare i criteri di purezza, indicando una possibile adulterazione con olio di base e/o olio di oliva estratto con solvente.

Joseph R. Profaci, direttore esecutivo della NAOOA, ha detto Olive Oil Times che era soddisfatto della decisione di Brightland di rimuovere le affermazioni dal loro sito Web dopo anni di sforzi per confutarle.

"Siamo lieti che Brightland abbia accettato volontariamente e permanentemente di cessare di fare affermazioni false e non supportate sul presunto 'qualità marcia, rancida o adulterata dell'olio d'oliva venduto ai consumatori statunitensi ", ha affermato.

"Per noi, questa è un'ammissione che i rapporti dell'UC Davis del 2010/11 non supportano le affermazioni di Brightland e che non esiste altro supporto credibile che potrebbero offrire per affermazioni così sensazionali", ha aggiunto Profaci.

Profaci spera che la decisione possa fungere da precedente per impedire ad altre società di trarre profitto dalla disinformazione sull'olio d'oliva.

"Brightland non è l'unica azienda che fa tali affermazioni", ha detto. "Il nostro obiettivo in tutti questi sforzi è garantire che la disinformazione non venga utilizzata ingiustamente per promuovere o denigrare i prodotti nel nostro settore".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti