Bioplastiche ecocompatibili create da semi di olivo

L'idea di creare plastiche a base di olive è stata scatenata quando Duygu Yilmaz ha deciso di indagare se l'abitudine del padre di mangiare semi di oliva fosse dannosa per la sua salute.

Foto per gentile concessione di Biolive
Febbraio 27, 2019
Di Julie Al-Zoubi
Foto per gentile concessione di Biolive

Notizie recenti

I giovani imprenditori di Istanbul hanno escogitato un modo per trasformare i semi di olivo in bioplastiche rispettose dell'ambiente.

La loro missione è colmare una lacuna nel settore delle bioplastiche riciclando i prodotti di scarto da produzione di olio d'oliva in un'alternativa ecologica alla plastica derivata dal petrolio.

I granuli di plastica che produciamo possono essere utilizzati nell'industria, negli imballaggi (e) nei giocattoli.- Duygu Yilmaz, co-fondatore e CFO di Biolive

L'idea è nata quando il co-fondatore e CFO, Duygu Yilmaz, si è preoccupato dell'abitudine di suo padre di mangiare semi d'oliva. Decise di svolgere alcune ricerche per determinare se i semi di oliva fossero dannosi per la sua salute.

Durante la sua ricerca, Yilmaz ha scoperto delle somiglianze nella composizione chimica delle pietre di oliva e della plastica. Questa scoperta l'ha portata a fare squadra con altri due giovani turchi, Ahmet Fatih Ayas e Mehmet Emin Öz e lanciare Biolive in 2016.

Vedi anche: L'olio d'oliva e l'ambiente

Biolive ha iniziato a trasformare l'agente cellulosico proveniente dai noccioli di oliva, che vengono scartati durante il processo di produzione dell'olio d'oliva, in prodotti di plastica biodegradabili. Questi lasciano un'impronta di carbonio molto inferiore e offrono un sostituto sostenibile per gli imballaggi in plastica.

"I granuli di plastica che produciamo possono essere utilizzati nell'industria, negli imballaggi [e] nei giocattoli ", ha dichiarato Yilmaz a Energy News Live.  "Stabiliremo un impianto di produzione e venderemo all'industria in base alle richieste del settore ".

Il trio afferma di poter trasformare cinque tonnellate di semi di olivo in 3.5 tonnellate di bioplastica che si decompone entro un anno e viene assorbita nella terra come fertilizzante. Ciò sarebbe in netto contrasto con le plastiche derivate dal petrolio, dannose per l'ambiente, che producono alti livelli di emissioni di carbonio e impiegano circa 450 anni per decomporsi.

In 2018, Biolive ha vinto la categoria di materiali avanzati per la valorizzazione dei rifiuti nel concorso Global Ideas di Cleantech National Accelerator. Ciò è seguito al finanziamento di Vestel Ventures in 2017, che ha permesso a Biolive di iniziare a progettare, sviluppare e produrre plastiche e granuli a base biologica.

Yilmaz, che è appassionato di ispirare altre giovani donne Turchia e la creazione di posti di lavoro è stata riconosciuta per la sua innovazione nell'oliveto e nel 2017 è stata nominata Turchia "Imprenditrice promettente. "

La Turchia è stata lenta nell'affrontare i danni causati dalla plastica scartata ed è stata classificata male per le prestazioni ambientali dal Yale Center for Environmental Law and Policy.

Circa 30 a 35 sono stati utilizzati ogni anno miliardi di sacchetti di plastica e solo quest'anno è stato vietato ai supermercati turchi di distribuire sacchetti di plastica. Il consumatore medio turco utilizzava circa 440 all'anno rispetto a 15 a 25 calcolato in media dai consumatori europei.

Questa non è la prima volta che i semi di oliva hanno estromesso la plastica derivata dal petrolio. Nel 2017 un'azienda britannica ha sviluppato micro-perle di sansa di oliva e ha continuato a creare un lavaggio a mano ecologico a base di semi di oliva macinati invece di micro-perline di plastica che distruggono l'oceano.

"Produciamo microperle a base di olive su ordinazione, principalmente per l'industria cosmetica, e abbiamo un accordo con un partner norvegese per portarle nel mercato dei cosmetici ", ha detto il co-fondatore Steve Taylor Olive Oil Times, "Abbiamo visto un crescente interesse quando la rimozione di perline a base di plastica sta accelerando ”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti