Europa

Il cane da guardia della concorrenza spagnola sostiene che l'accordo di Deoleo-Hojiblanca potrebbe danneggiare la concorrenza

Gennaio 10, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

La commissione spagnola per la concorrenza vede potenziali problemi con un accordo proposto che consente al colosso alimentare spagnolo Deoleo di controllare il Hojiblanca extra virgin olio d'oliva marchio e l'enorme gruppo cooperativo Hojiblanca una quota 9.63 per cento in Deoleo.

In un comunicato stampa del 9 gennaio la National Competition Commission (CNC) ha dichiarato di aver deciso che era necessaria un'analisi approfondita della concentrazione “alla luce delle possibili barriere alla concorrenza effettiva in vari mercati collegati al settore dell'olio d'oliva, in particolare con il supplemento - settore dell'olio d'oliva vergine. "

In ciò che potrebbe produrre spunti interessanti nel Settore dell'olio d'oliva spagnolo, il CNC chiede osservazioni da parte di coloro che sono potenzialmente interessati dalla fusione mentre si prepara a sondare lo stato della concorrenza sul mercato nazionale.

In un documento in spagnolo indicato come una breve nota, il CNC ha dichiarato che, dopo la sua analisi iniziale, aveva concluso che l'accordo avrebbe “avuto effetti sulla concorrenza in vari mercati legati all'olio d'oliva vergine e extra virgin in tutto il mercato spagnolo. "

pubblicità

Rafforzerebbe la leadership di Deoleo - che vende olio d'oliva in Spagna principalmente con i marchi Carbonell e Koipe e nei mercati internazionali come Bertolli, Carapelli e Sasso - nel mercato del marchio vergine e extra virgin olio d'oliva dandogli una quota di mercato complessiva ampiamente superiore al suo concorrente più vicino.

L'acquisizione del marchio Hojiblanca eliminerebbe anche una delle fonti di concorrenza di Deoleo (precedentemente SOS).

E nonostante il peso del mercato delle catene di supermercati spagnole, Deoleo potrebbe avere un'influenza su queste perché la sua gamma di prodotti potrebbe essere considerata "must have" sugli scaffali dei supermercati, ha affermato il CNC.

pubblicità

Esiste anche il rischio che, data la tendenza dei grandi supermercati a limitare le scorte di prodotti di marca, l'accordo potrebbe vedere la scomparsa di concorrenti più piccoli.

Il CNC ha affermato altri possibili effetti dell'aumento dei collegamenti tra Deoleo e Hojiblanca, la maggior parte del mondo extra virgin produttore di olio d'oliva e l'ombrello per 95 cooperative di olio d'oliva - potrebbe includere la chiusura o complicare l'accesso di altri operatori al settore delle rinfuse.

pubblicità

Inoltre, la presenza di Hojiblanca nel consiglio di amministrazione di Deoleo potrebbe portare allo scambio di informazioni sensibili tra i due rivali, facilitando il coordinamento delle loro attività e riducendo così la reciproca pressione concorrenziale.

Esiste anche il rischio di una minore concorrenza tra prodotti a marchio bianco e con etichetta bianca, noti anche come marchi di negozi, che rappresentano la stragrande maggioranza delle vendite al dettaglio di olio d'oliva in Spagna.

Infine, l'accordo potrebbe favorire un'azione coordinata per il possibile allineamento di Deoleo con le grandi catene di supermercati.

Per questi motivi il CNC ha dichiarato di aver deciso di passare alla seconda fase del suo processo di controllo delle concentrazioni, durante il quale cercherà di presentare osservazioni nei prossimi dieci giorni, tra cui la demarcazione del prodotto e geografica sul mercato, il livello di concorrenza attuale e potenziale da altri operatori all'interno o al di fuori della Spagna, il potenziale impatto della fusione proposta su questa concorrenza e l'esistenza di eventuali ostacoli all'accesso al mercato.

Quando essi ha annunciato il loro accordo in ottobre 18, Deoleo ha affermato che il trasferimento di attività migliorerebbe la gamma e la qualità dei suoi marchi leader, mentre Hojiblanca ha affermato che rafforzerebbe il dominio globale dell'olio d'oliva spagnolo.