` Gli ex rivali creano il "gigante globale dell'olio d'oliva"

Affari

Gli ex rivali creano il "gigante globale dell'olio d'oliva"

Ottobre 18, 2012
Di Julie Butler

Notizie recenti

Un accordo tra i titani spagnoli di olio d'oliva Deoleo - il leader del mercato globale con marchi tra cui Carbonell, Carapelli e Bertolli - e la cooperativa Hojiblanca - la più grande del mondo olio extravergine d'oliva produttore - è stato annunciato oggi dopo settimane di voci.

Hojiblanca prenderà una quota del 9.63% in Deoleo (precedentemente Grupo SOS) in cambio del trasferimento della proprietà del suo marchio e dell'impianto di imbottigliamento di Malaga al suo concorrente, formando quello che il quotidiano nazionale Il Paese descritto come a "gigante mondiale dell'olio d'oliva. "

Per i produttori e le cooperative del Gruppo Hojiblanca significa far parte della migliore compagnia mondiale di olio d'oliva.- Dichiarazione di Hojiblanca

Deoleo ha affermato che il trasferimento di attività migliorerebbe la gamma e la qualità dei suoi marchi leader, mentre Hojiblanca ha affermato che rafforzerebbe il dominio globale di Olio d'oliva spagnolo.

"Per i produttori e le cooperative del Gruppo Hojiblanca significa far parte della migliore azienda di olio d'oliva del mondo, con marchi dominanti come Carbonell (leader nel segmento dell'olio d'oliva spagnolo), Koipe, Carapelli (marchio leader italiano) e Bertolli (olio d'oliva più riconosciuto marchio internazionale e in paesi come gli Stati Uniti), che sarà ora accompagnato dal marchio Hojiblanca, leader del mercato extra vergine spagnolo ”, ha affermato oggi una dichiarazione di Hojiblanca.

L'accordo dovrebbe essere ratificato in riunioni separate degli azionisti di Deoleo e dell'Assemblea generale di Hojiblanca - che include rappresentanti delle sue oltre 90 cooperative di produttori in Andalusia - nelle prossime settimane.

pubblicità

L'accordo, che si dice da molto tempo, è stato oggetto di accesi dibattiti nel settore dell'olio d'oliva in Spagna di recente con alcuni temendo una concentrazione anticoncorrenziale nel settore vergine - in particolare poiché Hojiblanca era stato incaricato di acquisire una quota del 30% - e altri ritengono che possa rafforzare il posizione dell'olio d'oliva spagnolo all'estero.

In un dichiarazione oggi al regolatore spagnolo del mercato azionario, l'amministratore delegato di Deoleo Jaime Carbó ha dichiarato che l'accordo - che prevede l'emissione di nuove azioni a Hojiblanca per un valore nominale di 0.50 € - aumenterebbe il fatturato annuo della sua società di circa 40 milioni di € (52 milioni di $).

Lo scorso anno il fatturato di Deoleo con sede a Madrid è stato di € 960.8 milioni ($ 1.26 miliardi) e il gruppo Hojiblanca con sede a Málaga è stato di 535.9 milioni ($ 702 milioni).

In una dichiarazione di fine luglio, Deoleo ha dichiarato che le sue vendite per la prima metà di 2012, valutate a € 399.3 milioni, sono diminuite dello 14 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma aveva ridotto il suo debito a € 639 milioni.

El País ha dichiarato il presidente di Hojiblanca José Moreno e l'amministratore delegato Antonio Luque erano sicuri di prendere posto sulla tavola di Deoleo.


Related News