`Calo del consumo di olio d'oliva in Europa incolpato dei problemi del raccolto, prezzi più alti - Olive Oil Times

Calo del consumo di olio d'oliva in Europa, incolpato di ricchezze, prezzi più alti

Marzo 9, 2016
Erin Ridley

Notizie recenti

Secondo l' ultimo rapporto dal Consiglio oleicolo internazionale (CIO), il consumo mondiale di olio d'oliva è aumentato di 1.8 volte dal 1990/1991 e i numeri provvisori rivelano un aumento del 4.6 per cento nel corso dell'ultimo anno.

Questo aumento dei consumi è in gran parte dovuto ai paesi non membri del CIO, la cui quota di consumo di olio d'oliva è passato da 11 percento a 24 percento durante lo stesso periodo di tempo 25.

A registrare il maggior aumento all'interno di quel gruppo sono gli Stati Uniti, dove il consumo è passato da 88,000 tonnellate nel 1990/1991 a oltre 300,000 nel 2015/2016. Il consumo pro capite degli Stati Uniti, tuttavia, rimane ancora relativamente basso a 9 kg nel 2014, una quantità alla pari con paesi come Canada e Norvegia, ha riferito il CIO.

Nello stesso periodo, il consumo complessivo dell'UE - che è dominato dai paesi produttori Spagna, Italia e Grecia - è salito leggermente raggiungendo i massimi nel 2004/2005 prima di ridursi costantemente.

La Grecia è ancora in testa al consumo annuo pro capite di 12.8 kg nel 2014 (seguita dalla Spagna a 11.4 kg e dall'Italia 10.5 kg) ma consuma circa il 50 percento in meno in volume ora rispetto al 2004/2005.

Sebbene alcune delle tendenze dell'UE siano in parte dovute ad altri fattori (nel caso della Grecia, la crisi economica), un probabile contributo al recente calo del consumo dei paesi produttori è la minore produzione nei raccolti recenti e il conseguente prezzi più alti.

Ad esempio, nel 2005/2006 e nel 2014/2015, i dati mostrano che la produzione dell'UE è diminuita e i prezzi sono aumentati. L'ultima di queste due stagioni di raccolta è correlata a un anno di siccità in Spagna e agli effetti di Xyllela fastidiosa in Italia, entrambi con evidente impatto sulla produzione complessiva.

Anche i paesi non produttori all'interno dell'UE stanno consumando un po 'più complessivamente, anche se la maggior parte di queste nazioni non consuma più di 1 kg pro capite all'anno.

Nel frattempo, la crescita tra gli altri membri del CIO, come la Turchia, il Marocco e l'Algeria, è stata notevole (oltre nove volte in Algeria), con un consumo pro capite per ogni paese situato a meno di 4 kg all'anno.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti