` Olio d'oliva dell'Unione europea, una realtà legislativa - Olive Oil Times

Olio d'oliva dell'Unione europea, una realtà legislativa

Settembre 5, 2012
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti


Quando il primo Programma d'azione dell'UE per l'olio d'oliva esce alla fine di settembre, è improbabile derogare alle bozze che circolano da metà estate. Questi progetti indicano che il piano si concentrerà su qualità e controllo, ristrutturazione del settore, promozione e concorrenza con i paesi terzi.

Sigillerà anche il fatto che l'olio d'oliva sta diventando un "Prodotto UE ”sostenuto da Bruxelles non solo attraverso il sistema di sostegno ai produttori (in particolare pagamenti agli agricoltori e sovvenzioni per lo stoccaggio delle eccedenze) ma anche attraverso regole ferree riguardanti standard, etichettatura, marketing, indicazioni nutrizionali e sulla salute e regole ambientali.

L'UE parla attraverso la legge e, come tale, il testimone è passato dagli stati membri del Mediterraneo a Bruxelles. L'impulso a Bruxelles di far propria l'olio d'oliva deriva non solo dal danno arrecato alle industrie locali (soprattutto italiane e spagnole) dagli scandali, ma anche dall'aumento della concorrenza sotto forma di presunta aggressività 'nuovi concorrenti mondiali basati sulla scienza e il crescente divario di reddito mondiale che ha creato olio d'oliva i 'grasso per l'uno per cento e per i suoi aspiranti. Probabilmente, è anche un modo per Bruxelles 'fare bella figura con una regione sempre più alienata dalle minacce e dagli insulti dei suoi vicini settentrionali.

A differenza degli Stati pienamente sovrani, l'UE può agire solo attraverso atti legislativi la cui legittimità deve essere basata sui trattati dell'UE. Quindi è nella legge che vediamo il futuro dell'olio d'oliva dell'UE. Mentre la prima legislazione CE / UE in genere calpestava la sovranità nazionale basandosi principalmente su 'Direttive '(che' indirizzano 'gli Stati membri a modificare le proprie leggi per raggiungere un obiettivo dichiarato), oggi agisce quasi esclusivamente attraverso 'Regolamenti '(forme di legislazione più pesanti che entrano immediatamente in vigore così come sono state scritte senza ulteriori azioni nazionali necessarie o possibili). Praticamente tutti i nuovi regolamenti abrogano le direttive precedenti che erano progettate per dare agli Stati membri la sensazione di avere ancora il controllo.

La recente legislazione sull'olio d'oliva ne è un ottimo esempio, il primo di tale regolamento risalente al 1991 (Reg. 2568/1991 come modificato più recentemente nel 2011), quando Bruxelles ha stabilito le categorie di olio d'oliva e i mezzi legali per distinguerle tra loro . Nel gennaio di quest'anno è entrato in vigore un regolamento di attuazione sulla commercializzazione e l'etichettatura dell'olio d'oliva (Regolamento 29/2012), che consolida un decennio di modifiche alla legge originale del 2002. Questa stabilisce requisiti speciali applicabili all'olio d'oliva, complementari a quelli stabiliti nel Regolamento del 2011 (Reg. 1169) sulla fornitura di informazioni alimentari ai consumatori. L'UE ha anche un programma legislativo in corso per stabilire indicazioni sanitarie e nutrizionali ammissibili ed è coinvolta nelle misure ambientali necessarie per regolare i rifiuti e soddisfare gli interessi di un nuovo mondo di 'turismo dell'olio d'oliva ”.

Nonostante le sue origini in Medio Oriente, l'Europa meridionale è sempre stata la patria dell'olio d'oliva e sinonimo di qualità e gusto. I fattori sopra menzionati, vale a dire gli scandali nei paesi produttori, la volontà di consolidamento da parte dell'UE e la seria concorrenza, soprattutto per il benestante mercato dei consumatori americano, stanno facendo sorgere la necessità di un approccio più ferreo da parte di Bruxelles per preservare la posizione dell'olio d'oliva europeo nel mercato mondiale.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Virginia Brown Keyder è iscritta al New York Bar (in pensione) e insegna diritto dell'UE in Turchia e diritto internazionale e diritto della proprietà intellettuale alla State University di New York a Binghamton. Sta lavorando a un libro sulla legge e l'olio d'oliva.

Related News

Feedback / suggerimenti