Produzione di olio d'oliva italiana stimata ad essere giù per circa la metà, i prezzi in gran parte non sono interessati

Nonostante le precedenti previsioni di un forte raccolto, i produttori di olio d'oliva in Italia e gran parte dell'Europa hanno rivisto le loro previsioni per la stagione 2016 in forte ribasso, mentre le scorte dello scorso anno mantengono i prezzi stabili.

Settembre 28, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'anno scorso l'Italia ha prodotto tonnellate 470,000 di olio d'oliva, raddoppiando l'enorme produzione 2015 di tonnellate 220,000, per diventare di nuovo il secondo produttore mondiale dopo la Spagna. Non solo la resa 2015 è stata più che soddisfacente, ma anche la qualità è stata eccezionale, grazie alle perfette condizioni climatiche.

Quest'anno, una buona fioritura ha fatto la maggior parte dei produttori ottimista in un primo momento che il trend positivo sarebbe continuato, ma una serie di fattori meteorologici sfavorevoli nell'ultimo periodo ha peggiorato le cose e, in queste condizioni, si stima che la produzione non supererà le tonnellate 250,000.
Vedi anche: Copertura completa della raccolta delle olive 2016
Alcuni agricoltori hanno iniziato a raccogliere a metà settembre per far fronte alla situazione critica e prevenire le perdite, dal momento che mosca di frutta d'oliva e altri agenti patogeni avevano già colpito gli oliveti in molte aree di produzione.

Le prossime settimane saranno cruciali per coloro che stanno aspettando l'inizio del momento giusto.

Queste sfide sono in parte dovute al fatto che non vi era praticamente inverno in tutta Italia, specialmente nelle aree del centro e del sud.

Temperature e umidità superiori alla media hanno aiutato lo sviluppo di agenti patogeni, anche nei periodi in cui lo sviluppo biologico sarebbe normalmente sospeso. Nonostante altre sporadiche condizioni meteorologiche avverse come la grandine, c'era grande fiducia tra la maggior parte dei produttori fino al periodo dell'allegagione, quando dovettero affrontare parassiti secondari come l'Antracnosi, e l'insorgenza della Lytta Vescicatoria (o mosca spagnola). Inoltre, l'antracnosi è diventato un grave problema quando la mosca dell'olivo, durante la deposizione delle uova, ha diffuso funghi ai frutti.

Alcune aree hanno subito una grave siccità mentre in altre regioni forti piogge hanno causato umidità e temperature inferiori a 30 ° C (86 ° F), condizioni ideali per lo sviluppo della mosca che in alcuni casi hanno lasciato tracce di 10 su un'oliva, come riportato da alcuni agricoltori.

Per coloro che hanno dovuto affrontare queste sfide, il trattamento ha avuto pochi effetti, soprattutto nell'agricoltura biodinamica e biologica. Nel caso di trattamenti convenzionali e l'uso di prodotti con intervallo pre-raccolta di 28-30 giorni, l'efficacia è diminuita quando ha piovuto.

In particolare, gli agricoltori biologici hanno iniziato a raccogliere precocemente al fine di prevenire ulteriori attacchi al volo, ma tutti i produttori del 'Lo stivale è attento, anche quelli che finora non hanno avuto problemi a causa della posizione dei loro oliveti o della prontezza ed efficacia nell'applicazione dei trattamenti.

Il monitoraggio tempestivo e costante è essenziale. Gli agricoltori che hanno iniziato a supervisionare le loro piante dall'inizio della primavera, osservando l'insorgenza di malattie secondarie e applicando i giusti trattamenti in tempo, sono in grado di ottenere risultati migliori.

Secondo un studio condotta da GEA Iberia a luglio, la previsione indicava un calo dell'8% della produzione mondiale di olio d'oliva per il 2016 e si stima che tutta l'Europa subirà un calo della produzione.

Analogamente all'Italia, in Spagna le buone aspettative sono state sovvertite a causa del caldo e della siccità estiva con la produzione ora stimata circa 1.3 milioni di tonnellate.

È anche una crisi previsto per la Grecia, mentre il Portogallo dovrebbe raggiungere una produzione media.

Altrove nel bacino del Mediterraneo è previsto un calo della produzione in Tunisia, ma la Turchia sembra essere l'unico luogo che registrerà un aumento. Tuttavia, secondo gli operatori del settore, i prezzi non aumenteranno in modo significativo grazie alle scorte rimanenti della scorsa stagione.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti