Gli agricoltori greci si aspettano rendimenti inferiori man mano che si avvicina la vendemmia

La mosca olivicola, un'ondata di caldo e una siccità porteranno probabilmente a una riduzione della produzione di 200,000 in 250,000 di tonnellate di olio d'oliva in Grecia quest'anno.

Lisa Radinovsky
Settembre 20, 2016
Di Lisa Radinovsky
Lisa Radinovsky

Notizie recenti

Panayotis Karantonis, membro del comitato consultivo del Consiglio oleicolo internazionale e direttore dell'Associazione ellenica delle industrie e imballatori di olio d'oliva (ESVITE), racconta Olive Oil Times che le recenti stime per l'imminente raccolta delle olive in Grecia richiedono rese inferiori rispetto allo scorso anno. "A causa delle avverse condizioni meteorologiche, principalmente a Creta, e della vasta presenza della mosca dell'olivo, si stima che la nuova produzione sia inferiore a 250,000 tonnellate ”di olio d'oliva.

Nikos Michelakis, consulente scientifico dell'Associazione dei Comuni dell'Oliva Cretese (ACOM o SEDIK), suggerisce anche che la stima del Ministero greco per lo sviluppo rurale e il cibo di 300,000 tonnellate di olio d'oliva è probabilmente troppo alta quest'anno. A causa del danno "da condizioni meteorologiche estreme come un'insolita ondata di calore in primavera, in particolare a Creta, e da pochissime precipitazioni ”, quest'anno la Grecia potrebbe produrre fino a 200,000 tonnellate di olio d'oliva.

Poiché i primi raccolti di olive iniziano nella Calcidica, nel nord della Grecia, la maggior parte dei produttori di 18 che hanno risposto a un Olive Oil Times il questionario sembra aspettarsi da circa 200,000 a 250,000 tonnellate di produzione di olio d'oliva quest'anno. I produttori prevedono un raccolto più piccolo in alcune parti del Peloponneso, la maggior parte di Creta e la Grecia centrale, mentre hanno inviato rapporti contrastanti da Lesbo e risposte indefinite sull'olio d'oliva di Halkidiki.

Karantonis di ESVITE suggerisce che mentre "le esportazioni di olio d'oliva greco durante l'attuale campagna agricola (2015/16) sono stimate nell'area di 140,000 tonnellate, la prima stima per le esportazioni della nuova campagna agricola è di appena 110,000 tonnellate. ”Karantonis aggiunge che in Grecia il restante olio d'oliva "le scorte alla fine della campagna in corso (2015/16) sono stimate a circa 50,000 tonnellate. "

Karantonis lo sottolinea "i prezzi degli oli freschi che sono attesi sul mercato entro la metà di ottobre saranno, come sempre, influenzati in modo decisivo dall'interesse manifestato dai commercianti e dagli importatori italiani. ”Michelakis osserva inoltre che è difficile prevedere i prezzi, dal momento che "dipenderà in gran parte dalla produzione e dai prezzi nei principali paesi produttori di petrolio, la Spagna e l'Italia. ”Se le attuali previsioni sulla produzione sono corrette, dice, i prezzi potrebbero rimanere stabili, almeno fino all'inizio del raccolto.

Peloponneso

Michalis Pachnos di Arbor Beata si aspetta un buon raccolto dal suo boschetto a Corinto (nel Peloponneso nord-orientale) ma dice "il caldo estivo prolungato e le basse precipitazioni hanno provocato 'ha sottolineato "gli oliveti che avranno una produttività limitata nel 2016."

Un po 'a sud-ovest di Micene, anticipa Ioannis Kampouris di E ‑ LA-WON "un buon anno con olio d'oliva di alta qualità ”e quantità simili a quelle dell'anno scorso, visti i pochi problemi meteorologici e un adeguato controllo non governativo della mosca dell'olivo.

Tasos Anestis di Rhizoma Olive Farms a Kranidi (E Peloponnese) prevede che il raccolto nella sua zona "sarà eccezionale, ma la quantità sarà notevolmente inferiore ”a causa delle condizioni estremamente calde e secche in primavera che hanno interessato la varietà Manaki locale, ma non il Koroneiki.

Lisa Radinovsky

Nikos Charamis di KASELL anticipa a "da moderata a buona "quantità in Lakonia (Peloponneso meridionale) a causa dell'irrigazione e dei piccoli danni agli ulivi durante le recenti tempeste.

Maria Guadagno Katsetos della Loutraki Oil Company (S Peloponnese) si aspetta a "buon anno di raccolta ”con qualità eccellente grazie a nessun problema.

Giovanni Bianchi di Argali (Peloponneso SW) prevede comunque un buon raccolto "il tempo ha favorito notevolmente la proliferazione della mosca dell'olivo ”e forti temporali hanno danneggiato altre colture (non di oliva) nella sua zona.

George Mathiopoulos della Greek Olive Estate prevede un raccolto di ottima qualità, forse il 10% in meno rispetto allo scorso anno, in Gortynia (Peloponneso centrale).

Creta

Nikos Michelakis di SEDIK lo spiega "a Creta, dove la produzione media è vicina a 100,000 tonnellate, il raccolto in arrivo è stimato essere inferiore a 60,000 tonnellate, e anche inferiore se la lotta contro la mosca dell'olivo iniziata molto tardi quest'anno non ha un buon risultato ". Alcune parti di Creta sono state più colpite di altre dai venti caldi, dal caldo e dalla siccità di quest'anno. Ad esempio, Eftychios Androulakis di Pamako teme il raccolto più piccolo in un decennio nella montuosa Selino, a sud-ovest di Creta, con una qualità media a causa dei danni della mosca dell'olivo.

Emmanouil Karpadakis di Terra Creta prevede un raccolto leggermente inferiore rispetto allo scorso anno nell'area di Kolymvari, a nord-ovest di Creta. Giorgos Papadakis, proprietario di Creta Earth, riferisce che l'area di Plakias, nella parte centro-meridionale di Creta, ha avuto pochi problemi con i venti caldi o la siccità, poiché è irrigata da sorgenti di montagna, quindi si aspetta un raccolto abbastanza buono, anche se inferiore all'anno scorso.

Lesvos

A Lesbo, riferisce Agrocapital, "il clima ha favorito lo sviluppo della mosca dell'olivo e questo avrà un impatto negativo sia sulla quantità che sulla qualità della produzione di olio d'oliva quest'anno ”.

Ellie Tragakes di Hellenic Agricultural Enterprises ha notato alcuni problemi di mosca dell'olivo, ma prevede un raccolto simile agli anni precedenti nei suoi boschetti.

D'altra parte, Stratis Camatsos di stime evo3 "una stagione super-raccolta, quella che non abbiamo visto negli ultimi 4 - 5 anni ", con lo stesso "bassa acidità e sapori aromatici come al solito. ”Anche se l'estate era secca e in parte "i forti venti hanno spezzato alcuni rami ... la più grande minaccia in questo momento è la mosca della frutta dell'olivo ”, che sono "monitoraggio molto da vicino "al fine di decidere se iniziare la raccolta in anticipo per evitare danni alle olive.

Calcidica e Grecia centrale

Argyris Bouras di Eleones Hellenic Olive Products prevede il raccolto in Calcidica "più piccolo dell'anno scorso ", ma con qualità simile. Le piogge recenti hanno ampiamente compensato una siccità precedente. "La siccità lascerà le olive un po 'più piccole rispetto agli altri anni, il che è una buona notizia per l'olio d'oliva perché le olive più piccole sono usate per fare l'olio d'oliva ”piuttosto che per le olive da tavola.

Per gentile concessione di E ‑ LA-WON: Olive a Micene, Peloponneso

Evi Psounou Prodromou di Yanni's Olive Grove concorda sul fatto che Halkidiki avrà olive di ottima qualità ma più piccole, aggiungendo che il prezzo delle olive da tavola determinerà in gran parte quante olive vengono conservate per la spremitura e quante vendute come olive da tavola. Se le olive da tavola vengono vendute a un prezzo elevato, saranno disponibili meno olive per la spremitura e viceversa.

Il consulente per lo sviluppo aziendale Stamatis Alamaniotis spiega che alcune delle più grandi varietà di olive greche, come le olive Amfissa (Amphissis) e Halkidiki, sono utilizzate per la coltivazione a doppia direzione (sia come olive da tavola che per olio), a differenza di olive più piccole come Koroneiki e Manaki.

Nella Grecia centrale, Alamaniotis si aspetta un raccolto di olive di altissima qualità con circa il 70% in meno di quantità rispetto alla media. Ci sono stati alcuni danni dalla mosca dell'olivo e dalla falena dell'olivo, ma finora non troppo, vista la siccità.

Come menziona Tasos Anestis, "il consumo globale di vero olio extra vergine di oliva è in costante aumento e questa non può che essere una buona notizia ” "rappresenta una tendenza da parte dei consumatori verso una dieta più sana e ricca di cibi antiossidanti e antinfiammatori. Ciò suggerisce che un numero crescente di consumatori spererà in un buon raccolto.



Related News

Feedback / suggerimenti