`Nuove leggi sull'etichettatura dell'UE giusto in tempo per `` l'anno nero '' dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Nuove leggi UE sull'etichettatura appena in tempo per l '"Anno nero" dell'olio d'oliva

Dicembre 9, 2014
Sarah Parker

Notizie recenti

Il 2014 SARÀ CONOSCIUTO dai produttori italiani di olio d'oliva come il 'anno nero '- particolarmente brutto per una serie di ragioni - tra cui il fatto che il tempo è stato fantastico se sei una mosca della frutta dell'olivo, e una piaga batterica che sembrava provenire dal nulla ha portato alla distruzione di centinaia di migliaia di alberi in Puglia. Per non parlare della Spagna che produrrà quasi un milione di tonnellate in meno rispetto all'anno scorso.

Leggi bene l'etichetta, in particolare la piccola stampa- Roberto Moncalvo, Coldiretti

La produzione mondiale di olio d'oliva dovrebbe diminuire del 27%, mettendo in difficoltà un intero settore agricolo. 

Nel frattempo, come al solito, i prezzi dell'olio d'oliva italiano stanno imponendo un premio salutare, aumentando del 50 percento solo nell'ultimo mese a quasi € 6 al litro.

Tutto ciò contribuisce anche a una situazione difficile per i consumatori di olio d'oliva poiché i prezzi al dettaglio aumentano e il clima, per quanto ostile come lo è stato per le olive, è giusto per la frode dell'olio d'oliva.

L'Associazione Agraria Italiana Coldiretti ha lanciato l'allarme su un "invasione di oli di oliva stranieri ", sulla base dei dati Istat per i primi sette mesi del 2014. "Se la tendenza sarà mantenuta ”, ha detto il presidente dell'associazione, Roberto Moncalvo, "l'arrivo in Italia di olio d'oliva estero raggiungerà un massimo storico nel 2014 ”, e così le pressioni per impegnarsi frodi di olio d'oliva. Ben due bottiglie su tre riempite in Italia conterranno olio d'oliva straniero. "Leggi bene l'etichetta, soprattutto la piccola stampa ", ha consigliato.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Appena in tempo, si ricorda ai consumatori che, dal 13 dicembre, entreranno in vigore nuove leggi sulle leggi sull'etichettatura dell'UE che impongono informazioni sull'etichetta più trasparenti.

Il recentemente modificato Norme di commercializzazione dell'UE per l'olio d'oliva (regolamento 29/2012) richiedono quanto segue:

  • Le informazioni che devono comparire sulla confezione dell'olio d'oliva devono essere nel campo visivo principale in un corpo di testo uniforme. L'UE spera che ciò fermerà una pratica fuorviante a volte osservata per cui alcune informazioni, come la qualità del petrolio o il paese di origine, appaiono in un carattere più piccolo;
  • L'etichetta posteriore delle bottiglie di olio d'oliva deve indicare che devono essere conservate in un luogo fresco e buio. Questo mira ad aiutare i consumatori a mantenere più a lungo la qualità del loro olio;
  • L'anno di raccolta può essere indicato sull'etichetta solo se tutto l'olio d'oliva proviene da quel raccolto. Si dice che ciò consenta ai consumatori di garantire la freschezza del prodotto;
  • Gli Stati membri dell'UE devono rafforzare i controlli di conformità, basati sull'analisi dei rischi, nonché le sanzioni, e inviare alla Commissione relazioni annuali più dettagliate su questi controlli e sui risultati.

L'industria dell'olio d'oliva ha accolto con favore la notizia: "Senza dubbio l'obbligo di inserire l'indicazione di origine sulla parte anteriore delle bottiglie di olio extravergine di oliva, che in precedenza era previsto solo sul retro dell'etichetta, è un passo avanti per la piena trasparenza e una corretta informazione per il consumatore ", ha affermato Assitol Federolio.

L'etichettatura più chiara è vista come un passo nella giusta direzione per i consumatori e un modo per aggiungere valore in questo momento nero per i produttori.

Nel frattempo, l'applicazione gli sforzi vengono rafforzati per combattere la prevista ondata di oli d'oliva falsamente etichettati, compresi quelli che dichiarano di essere prodotti in Italia e gli oli di qualità inferiore etichettati extra vergini.


Related News

Feedback / suggerimenti