`Olivicoltori e produttori supportano i compatrioti in Italia - Olive Oil Times

Olivicoltori e produttori supportano i compatrioti in Italia

Marzo 30, 2020
Ylenia Granitto

Notizie recenti

As Il bilancio delle vittime del coronavirus italiano supera i 10,000 marchi con oltre 94,000 casi confermati, molti dei quali del paese le imprese si sono fermate con l'agricoltura tra le eccezioni.

Di fronte "la crisi più difficile dalla seconda guerra mondiale ”, ha sottolineato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, è ora che il governo e il popolo italiano si assumano le responsabilità e affrontino insieme le sfide economiche, sanitarie e sociali in corso.

In questo momento difficile, ogni singola azione ha un valore.- Carmen Bonfante, manager di Evo Sicily

"Questo è il momento della responsabilità ", ha detto. "Il governo garantisce il massimo impegno, ma tutti sono coinvolti. "

Pochi giorni prima era stato firmato un decreto per imporre la chiusura degli stabilimenti non essenziali e misure di allontanamento sociale in tutte le regioni del Paese. In precedenza, questo tipo di misure esistevano solo nelle province settentrionali dell'Italia.

Vedi anche: Notizie sul covid19

"L'emergenza sanitaria, adesso, è al primo posto nei nostri pensieri ”, racconta Nicolangelo Marsicani, produttore e mugnaio Olive Oil Times. "In questo momento di instabilità e sgomento, ho sentito il dovere di trasmettere calore e vicinanza alle persone con cui condivido la stessa passione, nonché un percorso professionale e formativo, organizzando in modo nuovo il nostro lavoro abituale ”.

Marsicani ha invitato gli assaggiatori a unirsi a un gruppo Facebook e ha inviato sei monovarietali di Coratina secondo le procedure igienico-sanitarie consigliate.

Quando tutti gli assaggiatori hanno ricevuto gli oli d'oliva, li hanno assaggiati e hanno completato una scheda del profilo online. Successivamente, hanno condiviso le loro valutazioni tramite live streaming su Facebook. Hanno poi discusso degli oli d'oliva, scambiando esperienze e opinioni.

"Questo è anche un modo per darci coraggio a vicenda ”, ha detto Marsicani. "Si spera, grazie a medici, infermieri e tutti gli altri operatori sanitari, con la collaborazione di noi cittadini, che questo finisca presto, e inizieremo ad assaggiare di nuovo i nostri oli extravergine di oliva tutti insieme ".

Poiché i servizi di base, comprese le attività agricole, continuano a funzionare, gli olivicoltori italiani sono sul campo.

"Continuiamo a lavorare, nonostante il situazione difficile, al fine di garantire ai consumatori le nostre produzioni di alta qualità ”, Federico Di Benedetto, del Fattoria Gagliardi detto Olive Oil Times.

L'azienda agricola Gagliardi produce oli monovarietali insieme a un blend di Gentile di Chieti, Dritta, Cipressino e Leccino nella regione centrale dell'Abruzzo, utilizzando metodi di coltivazione sostenibili e a basso impatto.

"Stiamo proseguendo con le consuete pratiche di prenderci cura della nostra terra, seguendo da vicino le misure adottate dalle autorità e, soprattutto, cercando di aiutare coloro che sono in prima linea nei centri sanitari ”, ha dichiarato Di Benedetto.

Insieme ai suoi compiti quotidiani nell'oliveto, anche Di Benedetto sta lavorando raccogliere fondi costruire un'unità di terapia intensiva in una città vicina, che servirebbe i residenti di oltre 40 piccoli villaggi rurali e di montagna.

"Questo è il nostro modo di mostrare gratitudine al nostro meraviglioso territorio, dove nascono i nostri oli extra vergini di oliva ”, ha dichiarato Di Benedetto.

Le sue parole fanno eco alla chiamata all'azione di Antonio G. Lauro, a NYIOOC World Olive Oil Competition membro del panel, che sta anche aiutando raccogliere fondi per nuove apparecchiature mediche per quattro diversi ospedali della provincia meridionale di Reggio Calabria.

"Le aree agricole hanno spesso più bisogno di attrezzature mediche ”, ha detto Lauro. "Ecco perché questo tipo di iniziativa merita attenzione. In questo momento difficile, cerchiamo anche di fornire supporto a tutti coloro che lavorano negli ospedali. "

"Questa azione è molto importante per la mia città natale, a cui devo la mia prima introduzione al mondo dell'olio extravergine di oliva ”, ha aggiunto Lauro. "L'unità è la forza e ora è necessario l'aiuto di tutti per farci superare questa emergenza nel migliore dei modi. ”

Oltre a cercare di raccogliere fondi tramite campagne di raccolta fondi, altri produttori italiani stanno cercando di fare la loro parte per aiutare gli italiani a combattere il Covid-19 donando i proventi delle loro vendite in beneficenza.

"In questo momento difficile, ogni singola azione ha un valore ”, ha detto Carmen Bonfante, manager di Evo Sicily. "Per questo motivo, vogliamo fare la nostra parte e per ogni bottiglia del nostro monovarietale 'Embrace 'ceduto, doneremo una parte del ricavato (3.00 € o 3.30 $) al Protezione Civile che supportano le strutture sanitarie nazionali ".

A Campobello di Mazara, nella Sicilia occidentale, Bonfante e il suo socio in affari, Giusy Gambini, si dedicano completamente a mille piante di Nocellara del Belice e cento di Biancolilla, in preparazione per la loro seconda annata di produzione.

"Soprattutto in questo momento storico, sentiamo il nostro dovere di fare tutto il possibile per essere degni figli di questa terra straordinaria, l'Italia ”, ha detto Bonfante. "Crediamo che la solidarietà sia un investimento che non fallisce mai; crediamo che tante piccole gocce di olio d'oliva possano creare un nuovo oceano di umanità ".





Related News

Feedback / suggerimenti