In Italia, gli agricoltori si uniscono per competere con le multinazionali

Una delle più grandi aziende agricole italiane ha accettato di investire $ 200 milioni per fornire più potere contrattuale e un più ampio pool di risorse per gli agricoltori indipendenti.
Giu. 30, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Una delle più grandi operazioni agricole italiane, Bonifiche Ferraresi, ha firmato un nuovo accordo di investimento multimilionario con un'ampia rete di organizzazioni agricole associate ai Consorzi Agrari d'Italia (CAI).

Nell'ambito della partnership, Bonifiche Ferraresi ha accettato di iniettare 170 milioni di euro (200 milioni di dollari) di capitale nel CAI. L'obiettivo è aiutare i piccoli agricoltori e produttori a mantenere il potere contrattuale e l'autonomia produttiva in un ambiente imprenditoriale sempre più controllato dalle grandi multinazionali.

Vedi anche: Notizie economiche sull'olio d'oliva

"Il settantacinque per cento del mercato dei prodotti agrochimici e il 63 per cento del mercato delle sementi sono controllati da sole tre società globali ", ha affermato Ettore Prandini, presidente della principale associazione di agricoltori italiani, Coldiretti. "Ciò significa che l'Italia deve rafforzare la rete dei Consorzi Agricoli, l'unica arma che gli agricoltori hanno per mantenere il loro potere contrattuale ".

L'idea della partnership è quella di finanziare una rete di know-how e servizi, che sarà a disposizione di centinaia di migliaia di agricoltori sparsi in tutta Italia.

"Può migliorare lo sviluppo e la competitività dell'agricoltura italiana in uno scenario dominato dal potere travolgente delle multinazionali ”, ha affermato Coldiretti. "Un potere che mette in pericolo sia la sovranità alimentare che la biodiversità nei diversi paesi. "

I Pandemia di covid-19 ha evidenziato la necessità di una maggiore collaborazione tra i piccoli produttori del settore agricolo italiano.

"L'emergenza globale causata dal coronavirus ha portato una nuova comprensione del valore strategico della filiera alimentare e della sua esigenza di sicurezza e qualità certificata, ma ha anche ha evidenziato le sue fragilità", Ha detto Prandini.

"Abbiamo bisogno di un intero piano nazionale per difendere la catena alimentare e non dipendere dalle importazioni in momenti di tale disagio internazionale ".

Prandini ha aggiunto che la nuova partnership si estenderà a tutti gli angoli del settore agricolo del Paese.

"La nuova realtà estende le sue operazioni, dall'innovazione tecnologica ai contratti di filiera, dall'agroenergia al giardinaggio, dalla fornitura di mezzi tecnici alla protezione delle sementi a rischio di estinzione ", ha affermato.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti