Minori risultati in Grecia accusati di clima

Colpito da attacchi prolungati di calore e mosche, la produzione annua di olio d'oliva della Grecia è prevista in calo del xnumx percento, e l'Italia è più del doppio di quella. Tuttavia, la Grecia rimane un paese in eccedenza con una fedele base di clienti e un forte potenziale di esportazione.

Dicembre 6, 2016
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

L'inizio ufficiale della stagione delle olive greche ha trovato il prezzo dell'olio d'oliva a livelli soddisfacenti, ma la produzione in calo ha portato a una riduzione dei consumi.

Le previsioni iniziali sull'olio d'oliva prevedevano che la Grecia, con una produzione annua superiore a 300,000 tonnellate negli ultimi due anni, avrebbe sperimentato una produzione relativamente ridotta quest'anno. Le prime stime parlavano di una produzione compresa tra 240,000 e 250,000 tonnellate.

La produzione ridotta creerà pressioni sia nella qualità che nella quantità.- Giorgos Oikonomou, Sevitel

Gli esperti prevedono ora che la produzione annua di olio d'oliva diminuirà ulteriormente. "Ci aspettiamo una produzione annuale di circa 200,000 tonnellate e una diminuzione dal 20 al 25 percento del consumo medio ", ha affermato Giorgos Oikonomou, direttore generale dell'Associazione greca delle industrie e dei trasformatori di olio d'oliva (Sevitel) e membro del consiglio esecutivo del organizzazione scientifica e senza scopo di lucro Filaios.
Vedi anche: Copertura completa della raccolta delle olive 2016
"Questo è il risultato diretto di vari motivi, il più importante dei quali sono le condizioni climatiche, ovvero il caldo prolungato e l'aumento delle temperature dei mesi precedenti, e le infestazioni di mosca dell'olivo durante la fioritura, in particolare durante il periodo pasquale ", ha detto Oikonomou Olive Oil Times

"D'altra parte, il vicino colosso di olio d'oliva e concorrente in Italia ha subito un attacco di mosca ancora peggiore ", ha dichiarato Oikonomou. Anzi, agenzie internazionali prevede un tuffo del 49% per la produzione annuale italiana di olio d'oliva rispetto a un calo del 17% in quella greca.

In generale, tendenze al ribasso in produzione di olio d'oliva non sono limitati all'Italia o al bacino del Mediterraneo (ad esempio, anche la produzione annuale portoghese dovrebbe diminuire del 4%).

La fornitura di olio d'oliva in Europa, che rappresenta il 78% della fornitura globale di olio d'oliva, si ridurrà del 17% quest'anno e il mondo intero vedrà un calo del 14% nella produzione annuale di Liquid Gold, almeno rispetto agli importi è piaciuto l'anno scorso.

Giorgos Oikonomou

"In Grecia, questa produzione ridotta creerà pressioni sia sulla qualità che sulla quantità di olio d'oliva ", ha affermato Oikonomou. "Tuttavia, la Grecia si classifica come un paese in surplus, quindi i problemi non sono insormontabili ".

"La Grecia si distingue per la sua fedele base di clienti, i suoi fedeli commercianti, come preferisco chiamarli, ma il mercato è in espansione. Per metterti meglio nella foto, prima solo l'omogeneità greca, ad esempio i greci di Astoria, comprerebbe l'olio d'oliva greco esportato. Ora puoi trovare le nostre esportazioni nelle grandi catene di supermercati non collegate alla diaspora greca ".

Il direttore di Sevitel ha sottolineato che il mercato greco dell'olio d'oliva sta costantemente avanzando e ha parlato dei piani dell'associazione per consolidare la standardizzazione dell'olio d'oliva greco. Infine, ha affermato che il settore decollerà se lo stato esaminerà l'aspetto della campagna internazionale dell'olio d'oliva in modo più entusiasta tra gli altri, ma anche se i produttori greci coordineranno le loro azioni, seguendo le orme di paesi come la Spagna.



Related News

Feedback / suggerimenti