`Xylella Fastidiosa continua a diffondersi in Corsica

Nord America

Xylella Fastidiosa continua a diffondersi in Corsica

Febbraio 19, 2016
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

La crescente diffusione del Xylella fastidiosa il batterio sull'isola francese della Corsica ha destato preoccupazione da quando il primo caso è stato rilevato il 22 luglio 22 a Propriano. A gennaio, due nuove zone infette nel comune di Monacia-d'Aullène, situato nel dipartimento Corsica del Sud della Corsica meridionale, erano sottoposte a trattamento per sradicare le piante infette.
Guarda anche: Copertura completa dell'epidemia di Xylella Fastidiosa
Alla fine del 2015, ci sono state 194 infezioni confermate in Corsica e alla fine di gennaio 2016, il numero era salito a 233. La maggior parte di questi sono concentrati nella Corsica meridionale nel dipartimento della Corsica del Sud, dove ci sono 222 casi confermati fino ad oggi, mentre Haute-Corse ne ha 11.

Deve essere mantenuta una zona cuscinetto di un raggio di 10 chilometri (6.2 miglia) attorno a ciascuna zona infetta. Di conseguenza, il 40 percento dell'isola è ora delimitato come zona cuscinetto, un'area di 3,766 chilometri quadrati (1,454 miglia quadrate). Sono state rilevate anche infezioni sulla terraferma francese nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra nel sud della Francia.

Nel frattempo, le autorità governative stanno finalizzando un programma di compensazione per le persone colpite da perdite a seguito della distruzione di piante infette da Xf. I fondi possono essere applicati per coprire i costi di protezione delle piante sensibili che sono state bandite dall'esportazione. È stata inoltre istituita una linea di informazioni e assistenza per le società che richiedono informazioni sulle misure compensative in atto per le società che subiscono perdite.

Xylella fastidiosa è stata incolpato per la devastazione di decine di migliaia di ettari di uliveti nella regione Puglia in Italia. Finora le misure adottate a livello UE per contenere il batterio non sono riuscite a prevenirne la diffusione.


Related News