` Consiglio che esamina più da vicino i sigilli di qualità dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Il Consiglio esamina attentamente i sigilli di qualità dell'olio d'oliva

Ottobre 17, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

consiglio-imprese-che-osservano-più-da-vicino-olio-d'oliva-sigilli-di-qualità-olio-d'oliva-consiglio-d'oliva-che-osservano-da-vicino-olio-d'oliva-sigilli-e-altra-qualità- programmi

I produttori di olio d'oliva della California e dell'Australia sono tra quelli invitati a un incontro del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) la prossima settimana incentrato sui sigilli di qualità e su altre strategie utilizzate dai paesi per promuovere la qualità dell'olio d'oliva.

Rappresentanti di QVExtra e Extra Virgin Alliance (EVA) associazioni - ha affermato il CIO "sembrano essere i più avanzati in questo settore ”- si prevede inoltre che parteciperanno alla riunione del comitato consultivo per l'olio d'oliva e le olive da tavola.

Mercoledì, in una dichiarazione, il CIO ha affermato che la questione delle varie strategie di qualità (inclusi gli schemi di auto-monitoraggio della qualità) e dei sigilli di qualità che spuntano sul mercato è stata sollevata durante l'ultima riunione del comitato, a Marsiglia a luglio, e l'esecutivo del CIO segreteria aveva "li ha invitati a riflettere più a fondo ”.

"Pertanto, tutti i rappresentanti delle commissioni che lo desiderino sono stati invitati a presentare le loro iniziative e progetti in questo campo alla prossima riunione della commissione che si terrà il 25 ottobre ”.

L'incontro si terrà a Madrid, dove la scorsa settimana si sono incontrati anche i ministri dell'agricoltura del governo centrale spagnolo e dei governi regionali andalusi che hanno concordato di iniziare a lavorare su un marchio di qualità proposto rafforzare l'immagine dell'olio d'oliva spagnolo e andaluso nei mercati esteri.

Dibattito sul futuro del CIO

Il comitato consultivo sarà inoltre invitato a fornire contributi nel dibattito sul futuro del CIO in vista del rinnovo dell'accordo di governo. L'attuale accordo 2005 scade alla fine del prossimo anno.

All'ordine del giorno anche un esame del mercato mondiale dell'olio d'oliva e delle olive da tavola e una consultazione sui cambiamenti previsti nelle classificazioni doganali dell'olio d'oliva dei paesi membri del COI.

Il segretariato esecutivo del CIO riferirà anche sui suoi recenti e futuri lavori in materia di indagini economiche, standardizzazione e promozione.

Il comitato prende visione del settore

Il comitato consultivo per l'olio d'oliva e le olive da tavola comprende rappresentanti di tutte le parti del settore oleicolo - produzione, trasformazione, commercializzazione e consumo - nei paesi membri del CIO.

"È stato istituito per esprimere le opinioni dei circoli aziendali e attingere alle loro conoscenze pratiche per aiutare il Segretariato esecutivo a trovare soluzioni efficaci ai problemi e tenere il polso del settore ”, ha affermato il CIO.

Funzionari del comitato consultivo

Il presidente del comitato consultivo è Ali Ben Hadj M'Barek, direttore generale del National Olive Oil Board di Sousse, Tunisia. È stato vicepresidente di 1992 - 1995, quindi presidente di 1997 - 2000 e di nuovo di 2010.

Panayotis Karantonis, direttore dell'Associazione greca dei trasformatori e confezionatori di olio d'oliva di Atene (ESVITE), è stato vicepresidente della sezione dell'olio d'oliva del comitato consultivo sin da 2006.

Marino Melissano, vice presidente del gruppo di consumatori italiano Altroconsumo, è stato vice presidente della sezione olive da tavola anche da 2006.

Tutti e tre sono stati membri del comitato da quando è stato istituito in 1991.



Related News

Feedback / suggerimenti