`Basandosi sul "successo comprovato", il CIO pianifica il lancio estivo della campagna statunitense - Olive Oil Times

Basandosi sul "Proven Success" IOC progetta il lancio estivo della campagna statunitense

Aprile 8, 2011
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Il direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale ha detto al Olive Oil Times questa settimana che la sua agenzia prevede di spendere 1.2 milioni di euro (1.7 milioni di dollari) per promuovere l'uso dell'olio d'oliva negli Stati Uniti e in Canada, basandosi su ciò che l'ultimo rapporto sul mercato IOC definisce "comprovato successo ”nel più grande mercato del mondo.

Il consumo di olio d'oliva negli Stati Uniti è aumentato del 15%, secondo il rapporto, per il periodo di cinque anni fino al 2009. Dal 2010 al 2013, il consumo dovrebbe aumentare di un altro 10%. Il rapporto del CIO include un grafico che indica un forte aumento dell'uso di olio d'oliva che ha coinciso con l'inizio delle attività promozionali da parte di quello che allora era chiamato Consiglio oleicolo internazionale. Altri fattori che potrebbero aver determinato la tendenza non sono stati esaminati nella sintesi. Nel frattempo, il consumo di tutti gli oli vegetali durante lo stesso periodo era solo del 4% circa (PDF).

Il CIO pubblicherà nelle prossime settimane un bando di gara, o richiesta di proposte, per la campagna promozionale che l'agenzia vuole lanciare durante l'Associazione Nazionale del Commercio di Specialità Alimentari Fancy Food Show che si terrà a Washington quest'estate. Si prevede che le iniziative promozionali si concentreranno sul livello di vendita al dettaglio in cui la ricerca dell'agenzia ha indicato che è più facile influenzare le decisioni di acquisto.

Altre scoperte nel riepilogo del mercato del CIO di marzo includevano dati a sostegno della nota preferenza americana per l'olio d'oliva italiano, che rappresentava più della metà delle importazioni statunitensi negli ultimi due anni - più del doppio delle importazioni dalla Spagna, la più grande del mondo produttore di olio d'oliva. Poi di nuovo, durante lo stesso periodo le indagini hanno dimostrato che le spedizioni di olio d'oliva di varie origini sono state regolarmente etichettate come italiane, quindi sarebbe difficile determinare se gli americani consumassero effettivamente più olio d'oliva prodotto in Italia rispetto ad altre regioni durante il periodo.

Clicca qui per visualizzare il PDF.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti