Affari

Produzione di olio d'oliva in più rispetto alla percentuale 25, più elevati i margini di consumo

Nella sua newsletter mensile, il Consiglio oleicolo internazionale ha pubblicato i dati preliminari relativi alla stagione del raccolto 2017 / 18, che indica aumenti di produzione, consumo e importazioni.

Ottobre 8, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

I dati provvisori analizzati dall'International Olive Council (IOC) prevedono un aumento percentuale di 28 di produzione di olio d'oliva quest'anno rispetto allo scorso.

La produzione globale ha raggiunto 3,315,000 tonnellate nella campagna agricola 2017/2018, sebbene i dati siano solo provvisori.- Consiglio oleicolo internazionale

I dati, forniti sia dai paesi membri che da quelli non membri, indicano che la produzione globale raggiungerà le 3,315,000 tonnellate per la campagna agricola 2017/18, con un aumento di 723,500 tonnellate rispetto allo scorso anno.

La Tunisia ha registrato il maggiore aumento, producendo 280,000 tonnellate, con un aumento del 180% rispetto allo scorso anno. Anche l'Italia ha avuto una stagione forte, producendo 428,900 tonnellate, con un incremento del 135 percento.

Anche Portogallo, Argentina e Grecia hanno registrato grandi aumenti, producendo un ulteriore 94 percento, 81 percento e 77 percento, rispetto allo scorso anno, rispettivamente.

Nel frattempo, Turchia e Marocco hanno registrato aumenti più moderati, producendo rispettivamente 48 percento e 27 percentuale di olio d'oliva in più rispetto allo scorso anno. Complessivamente, l'Unione Europea (UE) ha aumentato la produzione di olio d'oliva del 25 percento rispetto allo scorso anno.

pubblicità

Le notevoli eccezioni agli aumenti della produzione sono state in Algeria e Spagna, che hanno registrato una riduzione rispettivamente del 31 percento e del 2.7 percento, rispetto allo scorso anno. Tuttavia, la Spagna rimane il singolo maggiore produttore mondiale con una produzione di 1,256,200 tonnellate, pari a circa il 38 percento del totale mondiale.

Secondo il CIO, consumo di olio d'oliva anche aumentato del 9% nella stagione del raccolto 2017/18, raggiungendo le 2,958,000 tonnellate.

Oltre al consumo, anche le importazioni sono aumentate in sette degli otto mercati di riferimento del CIO. Questi mercati sono generalmente caratterizzati come paesi che consumano più olio d'oliva di quanto producano, ad eccezione dell'UE

pubblicità

© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


Le importazioni in Brasile nella stagione delle colture 2017/18 sono cresciute maggiormente al 29 percento, seguite dal Canada al 12 percento, dagli Stati Uniti al quattro percento, dalla Russia al due percento e dall'Australia e dal Giappone all'un percento.

La Cina è stato l'unico paese a non sperimentare una crescita, con le importazioni in calo dell'2018% rispetto all'anno precedente. Tuttavia, il governo cinese non ha diffuso dati dall'aprile XNUMX, quindi questa cifra potrebbe cambiare.

pubblicità

Nell'UE, le importazioni da paesi terzi sono aumentate del 91% in questa stagione del raccolto. Le esportazioni dalla Tunisia hanno contribuito maggiormente a questo aumento. Nel frattempo, le importazioni intra-UE sono diminuite del sei percento rispetto allo scorso anno.

Globale extra virgin I prezzi dell'olio d'oliva nei quattro maggiori paesi produttori sono rimasti "abbastanza stabili" durante tutto l'anno, ma a settembre hanno registrato alcune diminuzioni.

Sulla base sia dei dati ufficiali del paese sia delle stime del Segretariato esecutivo del CIO, la produzione mondiale di olio d'oliva nel 2018/19 dovrebbe diminuire del 7.6% a 3,064,000 tonnellate. Il consumo di olio d'oliva dovrebbe rimanere a un livello simile.

Anche così, l'UE dovrebbe aumentare la produzione dell'1.1 per cento, con la maggior parte della crescita guidata dalla Spagna. Si prevede che l'Italia, la Grecia e il Portogallo subiranno riduzioni. Al di fuori dell'UE, si prevede che anche Algeria, Argentina, Egitto, Tunisia e Turchia subiranno riduzioni.

Tuttavia, queste cifre si basano su stime preliminari. Il Consiglio dei membri del CIO condurrà un'indagine più ampia a novembre per aggiornare queste cifre.