Centrale elettrica spagnola e avvio palestinese

Un nuovo impianto funzionerà per contrastare gli impatti negativi dei sottoprodotti di olive nella regione, sviluppando al contempo un sostituto affidabile del combustibile fossile.

Gennaio 29, 2020
Di Pia Koh

Notizie recenti

La scorsa settimana, una società di energia rinnovabile e operatore di cartiera Ence Energia y Celulosa SA ha annunciato che aprirà una nuova centrale a biomasse da 50 megawatt a Puertollano, Spagna.

Si prevede che la pianta consumerà circa 238,000 tonnellate di biomassa ogni anno, con sansa di oliva, germogli di vite, foglie di olivo e resti agricoli che fungeranno da combustibile principale.

La quantità di calore prodotta da Olive Jifit è superiore alla normale legna da ardere e più economica dei prodotti petroliferi.- Tamer Abo Motlaq, Progetto Olive Jifit

Ence ha stanziato circa 100 milioni di euro (111 milioni di dollari) per il loro nuovo progetto con la speranza di ridurre la combustione non regolamentata delle stoppie agricole in Spagna.

La società stima che, una volta pienamente operativa, la struttura sarà in grado di produrre elettricità sufficiente a garantire il consumo di oltre 60,000 persone ogni anno.

Vedi anche: Articoli sul riciclaggio

I rifiuti prodotti dall'estrazione dell'olio d'oliva sono tutt'altro che trascurabili, non solo in Spagna ma in tutto il mondo.

In uno studio pubblicato il mese scorso su EcoMENA, l'autrice Catherine Hansen discute i due sottoprodotti dell'estrazione dell'olio minacciosi per l'ambiente: la torta di frantoio (i rifiuti solidi) e le acque reflue del frantoio.

Hansen ha scritto che gli effluenti di produzione di olio d'oliva contengono fenoli, un composto cristallino caustico velenoso che, "se non smaltito correttamente, può comportare gravi conseguenze danno ambientale. "

"Non esiste una politica generale per lo smaltimento di questi rifiuti nelle nazioni produttrici di olio d'oliva in tutto il mondo ", ha aggiunto.

Ciò si traduce in un monitoraggio incoerente e linee guida non uniformi in queste regioni. Pertanto, il nuovo impianto di Ence lavorerà per contrastare gli impatti negativi dei sottoprodotti delle olive nella regione, sviluppando al contempo un sostituto affidabile per il combustibile fossile.

Il progetto Olive Jifit

Ence non è l'unica azienda che sta tentando di riutilizzare la sansa come energia pulita negli ultimi mesi.

Una startup palestinese, il Progetto Olive Jifit, converte Olive Jifit (sottoprodotti di rifiuti solidi più comunemente chiamati vinacce) in pellet di combustibile utilizzati per la produzione di energia, l'allevamento di pollame e il riscaldamento domestico.

Il gruppo con sede a Gaza City è stato fondato dai laureati in ingegneria civile Tamer Abo Motlaq, 26 anni, Usama Qudaih, 24, e Khaled Abo Motlaq, 24, dopo che hanno partecipato alla loro idea di avvio in un concorso danese di aiuti alla Chiesa e hanno vinto $ 5,000 in micro-finanziamenti.

Parlando con Olive Oil Times, Motlaq spiega che non c'è scarsità di vinacce nella regione. Solo nella Striscia di Gaza, "ci sono circa 30 frantoi che producono circa 150,000 tonnellate di jifit ogni anno ", ha detto.

Il gruppo si sta attualmente coordinando con la stampa nella municipalità di Absan Alkabira, nel sud-est di Gaza. Motlaq prevede un aumento costante della domanda di jifit nei prossimi anni.

"La quantità di calore prodotta da Olive Jifit è superiore alla normale legna da ardere e più economica dei prodotti petroliferi ”, ha affermato. "Poiché [jifit] è spazzatura, la percentuale di profitti è elevata rispetto ad altri prodotti ".

Motlaq spera di continuare a sviluppare il proprio lavoro nel campo della bioenergia trovando modi più economici, efficienti e pieni di risorse per riutilizzare i prodotti di scarto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti