`Lo standard proposto esporrebbe le esportazioni greche, avverte il gruppo commerciale

Affari

Lo standard proposto esporrebbe le esportazioni greche, avverte il gruppo commerciale

Giu. 19, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti prenderà in considerazione un nuovo standard di identità per l'olio d'oliva importato dopo a petizione del cittadino presentato dalla North American Olive Oil Association e dal colosso spagnolo Deoleo il mese scorso.

Tra i regolamenti proposti vi è un massimo dello 0.5 percento di acidità grassa (FFA) per l'olio extra vergine di oliva, inferiore all'attuale limite dello 0.8 percento stabilito dalle norme internazionali.

La modifica proposta è stata considerata in Grecia come un tentativo illegittimo da parte dei conglomerati spagnoli di olio d'oliva e dei loro partner americani di aggirare la concorrenza della Grecia e dell'Italia sulla scia di Tariffe statunitensi.

La Spagna è stata colpita con una tariffa del 25% per l'olio d'oliva in bottiglia negli Stati Uniti lo scorso ottobre, che impattato quasi la metà delle sue esportazioni annuali sono dirette al mercato americano.

Da allora, molti produttori spagnoli hanno iniziato per imbottigliare il loro olio d'oliva in Portogallo o in Tunisia per eludere le tariffe, pur lasciando meno spazio ai profitti, ha dichiarato l'Ufficio degli Affari finanziari e commerciali dell'Ambasciata greca a Madrid in un'analisi di ricerche di mercato.

pubblicità

In una recente riunione, l'EDOE, l'Organizzazione interprofessionale greca dell'olio d'oliva, ha informato il ministro dell'agricoltura, Makis Vorides, della petizione presentata alla FDA e ha chiesto il suo intervento per proteggere la produzione di olio d'oliva del paese da ciò che considerano "pratiche illecite ", ha riferito Agro24.

Il comunicato stampa del ministero della riunione non conteneva alcun riferimento alla richiesta.

EDOE ha dichiarato in una dichiarazione a Olive Oil Times che i cambiamenti previsti potrebbero causare turbolenze e danneggiare ulteriormente gli esportatori di olio d'oliva greci.

"Tali misure non sono a favore dei produttori greci ", hanno affermato. "Sarebbe totalmente diverso creare una nuova categoria di olio d'oliva di alta qualità con un livello di acidità inferiore rispetto a quello extra vergine extrissimo classificazione una volta proposta. "

"Abbassare la massima acidità di extra vergine allo 0.5 per cento dallo 0.8 per cento degraderà diversi oli di oliva di qualità e creerà squilibri di mercato e concorrenza sleale tra i fornitori del mercato statunitense con un effetto negativo sui prezzi e sui volumi esportati di olio extra vergine di oliva greco ”, Ha scritto EDOE.





pubblicità

Related News