` Petizioni del gruppo commerciale FDA per lo standard di identità dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Petizioni del gruppo commerciale FDA per lo standard di identità dell'olio d'oliva

Può. 27, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Lo Associazione nordamericana dell'olio d'oliva (NAOOA), un gruppo commerciale, ha ha presentato una petizione per cittadini con la Food and Drug Administration degli Stati Uniti che chiede all'agenzia di creare uno standard di identità (SOI) per l'olio d'oliva e gli oli di sansa di oliva.

La NAOOA sostiene che gli standard sono necessari per proteggere e promuovere i consumatori americani "onesto ed equo ”nel settore.

Nella misura in cui un SOI creerà un unico standard uniforme che definisca l'olio di oliva e gli oli di sansa di oliva, questo allevierà la confusione su tipi e qualità e darà maggiore fiducia ai consumatori.- Joseph R. Profaci, direttore esecutivo della NAOOA

"Uno standard di identità creerebbe uno standard nazionale uniforme per l'olio d'oliva ", ha detto Joseph R. Profaci, direttore esecutivo della NAOOA Olive Oil Times. "Riteniamo che questo aiuterebbe a rimuovere le barriere di vecchia data agli americani che consumano più olio d'oliva ".

"L'adozione della nostra petizione porterebbe chiarezza a etichette di olio d'oliva, limitare l'uso di termini potenzialmente fuorvianti come 'puro 'e 'luce extra, "garantire l'autenticità dell'olio d'oliva utilizzando gli standard e le metodologie supportate scientificamente più recenti e fornire un nuovo modo di aggiornare lo standard in futuro con l'evoluzione della scienza e della tecnologia", ha aggiunto.

Vedi anche: Norme sull'olio d'oliva

Nel 1979, la FDA ha stabilito che non era necessario uno standard per l'olio d'oliva, citando la mancanza di dati a favore di averne uno. Tuttavia, l'agenzia ha lasciato la porta aperta per riconsiderare la questione.

pubblicità

Il NAOOA ha presentato una petizione senza esito alla FDA aggiornare norme sull'olio d'oliva in 1990 e 2012.

Tuttavia, nel 2018, il Annunciato dalla FDA che inizierebbe a esaminare l'adozione di standard di identità per vari settori agroalimentari come strumento per "autorizzare i consumatori a prendere decisioni migliori e più informate sulla loro dieta e salute. "

"Sembra che la FDA avesse in mente l'olio d'oliva con questo annuncio ", ha detto Profaci. "E questa volta abbiamo supportato la nostra petizione con i dati di ricerca dei consumatori, che la FDA ha indicato è fondamentale per stabilire un 'bisogno di uno standard di identità ".

Joseph R. Profaci (file OOT)

Nella petizione, la NAOOA sostiene che un nuovo standard di olio d'oliva aiuterà gli americani a prendere decisioni informate e sane sui prodotti che acquistano e che le politiche sanitarie del governo degli Stati Uniti informano le percezioni dei consumatori sul benefici alla salute di determinati alimenti.

Tuttavia, il gruppo afferma che il file attuali norme sull'olio d'oliva confondere gli americani e impedire loro di consumare più olio d'oliva.

La NAOOA ha affermato di poter sostenere queste affermazioni con le risposte di un sondaggio rappresentativo dei consumatori su 1,500 adulti americani, che è stato somministrato dall'associazione all'inizio di quest'anno.

"Abbiamo riscontrato una notevole confusione intorno all'olio d'oliva, in particolare per quanto riguarda l'etichettatura e la terminologia ", ha affermato Profaci. "Ad esempio, quasi un americano su tre non crede o non è sicuro che l'olio d'oliva provenga dalle olive ".

Inoltre, secondo i risultati, il 60 percento degli intervistati ha dichiarato di non conoscere i termini vergine ed raffinato riferito in relazione agli oli da cucina. Inoltre, il 64% degli intervistati non credeva alla parola "extra "sull'etichetta aveva un significato diverso da come uno stratagemma di marketing.

Profaci e il NAOOA sostengono che la mancanza di conoscenza del consumatore ha un impatto diretto sulle vendite di olio d'oliva.

"Nella misura in cui uno standard di identità creerà uno standard unico uniforme che definisce l'olio d'oliva e gli oli di sansa di oliva, ciò allevierà la confusione sui tipi e sulla qualità e darà più fiducia ai consumatori nel fare scelte per la loro salute tra i vari prodotti a base di olio d'oliva ", Ha scritto Profaci nella petizione.

Il NAOOA sostiene inoltre che uno standard uniforme faciliterà sia le organizzazioni private che i governi rilevare frodi e cattura quelli che lo commettono.

Attualmente, ogni stato negli Stati Uniti è responsabile della definizione e dell'applicazione degli standard dell'olio d'oliva. Di conseguenza, tenere conto dei cattivi attori è quasi impossibile negli stati senza standard.

"Uno standard nazionale applicabile fornirà all'industria gli strumenti di cui ha bisogno per rafforzare l'auto-applicazione per proteggere i consumatori dalla vittimizzazione ", ha scritto Profaci.

La NAOOA ha chiesto alla FDA di basare le norme sull'olio d'oliva su quelle stabilite dalla Codex Alimentarius, l'ente internazionale per la sicurezza alimentare e le norme, con alcune modifiche apportate a varie sezioni del codice.

Incluso nelle deviazioni sarebbe la demolizione dell'attuale sistema di categorie e la sua sostituzione con una semplificata.

Il Codice attualmente elenca tre categorie per l'olio d'oliva: olio d'oliva, olio d'oliva vergine e olio di sansa di oliva. Il NAOOA propone di eliminare uno dei tipi di olio d'oliva per evitare confusione e pratiche di etichettatura fuorvianti.

"Riteniamo che sia fonte di confusione avere un tipo di olio d'oliva chiamato olio d'oliva, cioè olio d'oliva di grado olio d'oliva ", ha detto Profaci. "In effetti, poiché si trattava di un grado definito, i produttori non avevano bisogno di rivelare gli ingredienti, ovvero oli di oliva raffinati e vergini, e questo è importante a causa delle differenze nei benefici per la salute dei due gradi. "

Invece, il NAOOA propone di stabilire due categorie: l'olio di oliva, che viene estratto meccanicamente, e l'olio di sansa di oliva, che viene estratto da solventi.

"All'interno della categoria dell'olio d'oliva, il NAOOA propone solo quattro gradi: extra vergine, vergine, lampante e raffinato - eliminando il separato 'olio d'oliva "e 'voti ordinari vergini nel Codice ”, ha detto Profaci.

"Si possono ancora chiamare prodotti che sono miscele di olio d'oliva raffinato e olio d'oliva vergine 'olio d'oliva "- perché sono entrambi oli d'oliva - ma richiederemo che i gradi specifici (ingredienti) siano divulgati, nel nome stesso o in una dichiarazione degli ingredienti", ha aggiunto.

Inoltre, il gruppo commerciale ha proposto un'impostazione più rigorosa organolettica e standard chimici per ciascuna delle suddette sottocategorie di quelle attualmente esistenti nel Codice.

I nuovi standard sarebbero molto più vicini alle regole Attualmente impiegato dal Consiglio oleicolo internazionale, che sono stati aggiornati l'ultima volta nel 2019 (gli standard Codex sono stati aggiornati l'ultima volta nel 2017).

Tra le varie altre modifiche tecniche che la NAOOA ha chiesto alla FDA di prendere in considerazione ci sono le regole più severe sulla provenienza e l'etichettatura dell'olio d'oliva. L'associazione sostiene che ciò impedirebbe ai produttori di fuorviare i consumatori sulle origini dell'olio d'oliva e impedirebbe l'uso di termini ambigui, tra cui "luce "e "puro "sulle etichette.

La NAOOA ha presentato la petizione alla FDA durante il fine settimana del Memorial Day. Profaci ha detto che si aspetta che il processo di approvazione della proposta procederà, ma non molto rapidamente.

"Siamo in contatto con la FDA per quasi un anno su questo punto e ci aspettiamo che il processo proceda. Ma il tempismo non è possibile prevedere ", ha detto Profaci. "In circostanze normali, è un lungo processo che prevede la pubblicazione nel Registro Federale con l'opportunità di commenti da parte del pubblico e forse anche di un'udienza. "

"E naturalmente, la pandemia non semplifica le cose ", ha aggiunto.

"Ma speriamo che i significativi potenziali benefici per la salute che si realizzerebbero attraverso l'adozione di una SOI di olio d'oliva contribuiranno a far avanzare il processo. "


Related News

Feedback / suggerimenti