` L'UE minaccia di imporre tariffe di ritorsione agli Stati Uniti - Olive Oil Times

L'UE minaccia di imporre tariffe di ritorsione agli Stati Uniti

Giu. 12, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il commissario dell'Unione europea per il commercio ha affermato che il blocco di 27 membri potrebbe imporre tariffe di ritorsione agli Stati Uniti, in attesa di una decisione dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

"Stiamo aspettando di vedere l'esito del panel Boeing ", ha detto Phil Hogan in una conferenza stampa dopo un vertice commerciale dell'UE. "Conosceremo questo risultato all'inizio di luglio. Aspettiamo e vediamo prima di tutto il risultato perché non posso anticipare quale sarà questo risultato ".

A mio parere, le misure di ritorsione non vanno bene per nessuno. Penso che dovrebbe essere avviato un negoziato tra gli Stati Uniti e l'UE per rimuovere queste tariffe aggiuntive sull'olio d'oliva spagnolo.- Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo, Asoliva

"Certamente, in assenza di una soluzione negoziata, ci saranno forti pressioni da parte degli Stati membri per garantire che l'impatto di questo premio sarà implementato ”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti e l'UE sono stati bloccati in una disputa durata 15 anni, ciascuno accusando l'altro di fornire sussidi illegali ai rispettivi produttori di aeromobili, Boeing e Airbus.

Vedi anche: Notizie commerciali

Lo scorso ottobre, l'OMC ha stabilito che gli Stati Uniti potrebbero imporre Tariffe per un valore di $ 7.5 miliardi sulle merci importate dall'UE a seguito delle sue sovvenzioni illegali ad Airbus. Incluso in elenco finale delle tariffe statunitensi sono stati confezionati oli d'oliva spagnoli e olive da tavola provenienti sia dalla Spagna che dalla Francia.

Ad aprile, l'OMC si è pronunciata a favore dell'UE nella sua denuncia contro gli Stati Uniti che fornivano sussidi illegali alla Boeing e attende la conferma delle misure punitive che il blocco potrebbe adottare. L'UE ha pubblicato il proprio potenziale elenco di obiettivi tariffari, ma ricavato eccezioni per i prodotti che includono olive e olio d'oliva.

Mentre i quattro paesi che hanno fornito i sussidi illegali ad Airbus (Regno Unito, Germania, Francia e Spagna) sono stati tutti presi di mira dai dazi statunitensi, il settore agricolo spagnolo è stato particolarmente colpito.

Negli ultimi giorni, la pressione è in aumento nel paese per l'UE imporre tariffe di ritorsione agli Stati Uniti o negoziare la rimozione dell'olio d'oliva dall'elenco delle tariffe.

Nei sette mesi trascorsi dall'entrata in vigore dei dazi, le esportazioni di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti sono crollate.

Secondo i dati del Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti, le esportazioni sono diminuite del 93% nel primo trimestre del 2020 (l'ultimo periodo per il quale sono disponibili i dati), rispetto allo stesso periodo del 2019. Questo calo precipitoso ha comportato una perdita di entrate per il settore di $ 85 milioni solo nei primi tre mesi dell'anno.

Tuttavia, Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo dell'Associazione spagnola di esportazione, industria e commercio di olio d'oliva (Asoliva), ha affermato che preferirebbe vedere la mediazione piuttosto che la ritorsione.

"Secondo me, le misure di ritorsione non sono buone per nessuno ", ha detto Lapuente Olive Oil Times. "Penso che dovrebbe essere avviato un negoziato tra gli Stati Uniti e l'UE per rimuovere queste tariffe aggiuntive sull'olio d'oliva spagnolo, che sono discriminatorie e ingiuste ".

All'inizio dell'anno, gli Stati Uniti hanno deciso di non aumentare la tariffa del 25% attualmente in vigore negli oli d'oliva spagnoli, ma a ha avvertito l'avvocato dell'USTR che l'organizzazione riconsidererebbe se l'UE avesse imposto tariffe sui beni statunitensi.





Related News

Feedback / suggerimenti