Riforme proposte per il settore dell'olio d'oliva spagnolo incontrate con scetticismo

Il governo spagnolo ha presentato un pacchetto di 10 misure per aiutare a sostenere l'industria petrolifera in difficoltà del paese.
Giu. 11, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

È stata una settimana intensa per Luis Planas.

Il ministro spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione ha avviato negoziati con l'Unione europea sulla proposta di bilancio per il Politica agricola comune (PAC) e ha anche annunciato un pacchetto di dieci misure per sostenere il vacillante settore dell'olio d'oliva del paese.

Planas ha affermato che i negoziati sul finanziamento della PAC sono iniziati bene, ma occorre fare di più in termini di aiuti diretti per l'olio d'oliva e altri settori agricoli.

L'industria non è d'accordo con un intervento sul mercato che implica che la formazione dei prezzi non sia effettuata attraverso la domanda e l'offerta. L'industria vuole la libertà sul mercato.- Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo di Asoliva

"Sono necessarie ulteriori misure per far fronte al situazioni critiche affrontato da diversi settori agricoli, come il settore dell'olio d'oliva ", ha detto Planas nell'ultimo incontro con le sue controparti europee.

Ha sottolineato come Covid-19 con Dazi americani su alcune importazioni di olio d'oliva spagnolo stanno mettendo a dura prova il più grande produttore mondiale di olio d'oliva.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Vedi anche: L'olio d'oliva e la PAC

La pressione è aumentata anche a casa, con olio d'oliva e oliva da tavola produttori che chiedono al governo spagnolo di esercitare pressioni su Bruxelles per loro conto e vendicare contro le tariffe statunitensi.

"Si tratta di una misura politica, discriminatoria e ingiusta ", ha affermato Rafael Pico Lapuente, direttore esecutivo di Asoliva, l'Associazione spagnola per l'esportazione, l'industria e il commercio di olio d'oliva.

"Penso che di fronte alle decisioni politiche la risposta debba essere politica dall'UE e dalla Spagna, e questo può essere ottenuto solo attraverso negoziati ai massimi livelli ", ha detto Olive Oil Times.

I negoziati in corso di Planas con l'UE sono anche essenziali per diverse parti del pacchetto di misure che ha presentato, che sono state annunciate subito dopo una serie di riunioni tenutesi tra il ministro e gli attori chiave nel settore dell'olio d'oliva spagnolo.

La proposta è stata accolta con interesse e scetticismo dai produttori e dagli esportatori di olio d'oliva. Mentre le misure affrontano molte delle sfide che il settore deve affrontare, alcuni ritengono che gli obiettivi non siano abbastanza ambiziosi o almeno troppo dipendenti dai negoziati con l'UE

Inclusa nelle misure è la possibilità per i produttori e le cooperative di immagazzinare fino al 10% del loro raccolto totale di olio d'oliva durante le campagne con rese particolarmente elevate. Il ministero sostiene che ciò aiuterebbe a stabilizzare i prezzi e prevenire cali precipitosi.

Il pacchetto comprende anche disposizioni per enfatizzare la qualità, con misure per promuovere gli oli d'oliva a raccolta precoce e differenziare le etichette degli oli prodotti tradizionalmente da quelle prodotte con alta densità e altissima densità metodi.

Il pacchetto include anche misure volte ad aiutare le piccole aziende agricole tradizionali di olio d'oliva a ristrutturare la propria attività ea diventare più redditizie. Parte di come il ministero vuole farlo è attraverso una campagna che enfatizza il benefici alla salute associato ad olio extravergine di oliva di alta qualità.

Tuttavia, Lapuente ha avvertito che le misure del governo non sono andate abbastanza lontano.

"A mio avviso, è molto difficile convincere il consumatore a valutare l'olio d'oliva prodotto tradizionalmente ”, ha dichiarato Lapuente. "Credo che il consumatore continuerà a utilizzare la qualità e il prezzo del prodotto per scegliere quale olio acquistare ".

"Tuttavia, per stimolare il consumo di olio d'oliva prodotto tradizionalmente, avremmo bisogno di misure promozionali specifiche ", ha aggiunto.

Luis Planas incontra i suoi omologhi europei per discutere della PAC.

Anche Interaceituna e Asemesa, due associazioni di olive da tavola della contea, hanno espresso scetticismo sul piano. Entrambe le associazioni hanno affermato di sperare in più fondi per l'innovazione.

José Ignacio Montaño, presidente di Asemesa, ha sottolineato la necessità di investire per fornire ai coltivatori un migliore accesso all'acqua e nuovi mezzi per la raccolta meccanizzata.

"Se andiamo avanti con la raccolta manuale, dato il lavoro spagnolo e i costi sociali, entro cinque anni guadagneremo un decimo dei nostri profitti attuali ", ha detto.

Le misure proposte da Planas propongono anche nuovi mezzi per migliorare l ' tracciabilità dell'olio d'oliva e l'applicazione per il recentemente legiferato standard di qualità dell'olio d'oliva.

L'idea è di migliorare la qualità attraverso l'ispezione e il controllo del movimento degli oli d'oliva in Spagna. Le nuove misure chiedono alle aziende di separare fisicamente le diverse attività all'interno del settore - comprese raffinerie, confezionatori, altre linee di produzione di olio vegetale ed estrattori - in modo che possano essere monitorate più accuratamente.

Lapuente e altri, tuttavia, ritengono che ciò renderà i produttori di olio d'oliva spagnoli meno competitivi sul mercato globale.

"Ciò comporterà enormi investimenti economici che renderanno il settore delle esportazioni meno competitivo nei confronti di quei paesi che non sono soggetti a questo regolamento obbligatorio ", ha dichiarato Lapuente. "Il costo di produzione per gli esportatori spagnoli sarà notevolmente più alto, mentre i controlli e le ispezioni necessari potrebbero essere eseguiti senza gravare sui costi di produzione ".

Tuttavia, molti piccoli agricoltori lo credono indagini approfondite sono necessari per garantire che tutti gli operatori, compresi i principali attori del mercato, agiscano legalmente.

Al centro delle molte discussioni che hanno portato al piano ci sono persistentemente - e per alcuni illogicamente - prezzi bassi dell'olio d'oliva che affliggono il paese.

Mentre la legge spagnola afferma che i contratti di vendita devono fornire ai produttori un prezzo compatibile con le loro spese di produzione, alcuni esperti ritengono che attualmente non sia così. Questi esperti hanno affermato che in tempi difficili questo regolamento può effettivamente tradursi in olio d'oliva invenduto, in particolare per gli olivicoltori tradizionali, molti dei quali sono ulteriormente influenzati dai loro maggiori costi di produzione.

Inoltre, non tutti concordano sul fatto che le suddette misure di autoregolamentazione, intese a contribuire a stabilizzare i prezzi, rappresenterebbero la strada giusta.

"L'industria non è d'accordo con un intervento sul mercato che implica che la formazione dei prezzi non sia effettuata attraverso la domanda e l'offerta ", ha detto Lapuente. "L'industria vuole la libertà sul mercato. Tuttavia, stiamo aspettando che il ministro ci informi dei dettagli completi della proposta prima di prendere una decisione se sostenerla o rifiutarla ".

Mentre le discussioni sono in corso, molti dei passi futuri del Ministero dell'Agricoltura dipenderanno dal consenso all'interno dell'UE per le azioni e i fondi volti allo sviluppo del settore dell'olio d'oliva.





Related News

Feedback / suggerimenti