` La vendemmia di quest'anno non è così male come l'ultima, le scommesse del Consiglio

Affari

La raccolta di quest'anno non è così male come l'ultima, le scommesse del Consiglio

Settembre 9, 2015
By Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

L'International Olive Council (CIO) prevede produzione di olio d'oliva per questa stagione del raccolto sarà da qualche parte tra l'ultimo (il peggiore in quasi vent'anni) e quello precedente (il migliore di tutti i tempi).

Se sembra che l'organizzazione intergovernativa con sede a Madrid non stia esattamente esagerando nelle sue ultime previsioni, riflette l'alto livello di incertezza sul raccolto 2015/2016 che inizierà il mese prossimo e la difficoltà di prevedere cosa accadrà molte parti mobili in vaste regioni, ha affermato il Consiglio Newsletter di agosto.

Il CIO ha ancorato la produzione per il Raccolta 2015/2016 at "più di 2.5 milioni di tonnellate "o, in altre parole, non sarà il peggior raccolto in 15 anni. Il Consiglio ha rifiutato di definire un limite massimo alle sue previsioni. Il lugubre totale della produzione dell'anno scorso è stato di 2.4 milioni di tonnellate.
Guarda anche: Dati sulla produzione mondiale di olio d'oliva (PDF)
Nel fare previsioni per il prossimo raccolto, il CIO non ha menzionato l'Italia, che l'anno scorso ne aveva una peggiori stagioni registratee non era chiaro quali dati di altri importanti produttori come la Tunisia e la Grecia fossero stati presi in considerazione nelle previsioni.

Per quanto riguarda la Spagna, il più grande produttore mondiale di olio d'oliva, il quadro è tutt'altro che chiaro. Un esperto con AEMO, l'Associazione spagnola dei comuni olivicoli, José María Penco, ha affermato che un'analisi delle variabili agro-climatiche che influenzano lo sviluppo della frutta indicano una grande variazione tra le aziende agricole irrigate e non irrigate, e tutto ciò che si può dire finora è che siamo non vedo un raccolto eccezionale quest'anno.

Una misura più accurata del raccolto richiederebbe un'indagine sul campo delle aziende agricole, ma, ha spiegato Penco, un tale sistema è in atto solo nella provincia spagnola dell'Andalusia, che non ha ancora pubblicato i suoi dati.

pubblicità

Analizzando i dati climatici da solo, ha spiegato Penco al CIO, non sembra buono. A luglio, le temperature hanno raggiunto i 40 ° C (104 ° F) in più di venti giorni nel sud della Spagna, causando la scomparsa dei frutti che non avevano ancora completato la fase di indurimento delle pietre e cadevano a terra.

Da parte sua, Penco pone un limite massimo per la produzione di quest'anno in Spagna a 1.2 milioni di tonnellate, un netto miglioramento rispetto alle 825,000 tonnellate dello scorso anno, ma molto lontano dal suo record del 2013/2014 di 1.78 milioni.

Tutta questa incertezza, insieme a un calo delle scorte dello scorso anno, ha continuato a spingere i prezzi dell'olio d'oliva in tutto il mondo. I prezzi degli oli extra vergini e raffinati provenienti da Spagna, Italia, Grecia e Tunisia sono tutti a livelli quasi record.

Related News