Persistono problemi per l'olio d'oliva tunisino, poiché i funzionari sperano di svoltare un angolo

Ostacoli burocratici e tecnologici, calo dei prezzi dell'olio d'oliva e difficoltà politiche possono ostacolare piani ambiziosi per espandere il settore dell'olio d'oliva tunisino.

Caino Bardeau per Olive Oil Times
Febbraio 3, 2020
Di Paolo DeAndreis
Caino Bardeau per Olive Oil Times

Il più grande produttore di olio d'oliva al di fuori dell'Unione Europea è alla ricerca di un nuovo inizio. Una rinnovata attenzione per la comunicazione, la cultura e le esportazioni alimenterà nuove iniziative in Tunisia, affermano i funzionari.

L'obiettivo è spingere alcuni dei marchi di olio d'oliva del paese verso nuovi mercati internazionali. Il cuore del progetto è quello di dare al mondo una nuova immagine dell'olio d'oliva tunisino e delle sue pratiche di produzione.

Qualche mese fa potevamo contare sull'impegno delle grandi aziende, ora è tutto finito ... Loro (il governo) ci dicono che andrà meglio con le nuove iniziative, quindi speriamo per il meglio.- Mohammed Mahgub

Dato il crollo di prezzi dell'olio d'oliva e la riduzione della redditività della produzione di oli per i coltivatori, potrebbe essere una dura battaglia.

Aggiungi il tumulto politico che sta scuotendo il paese e tariffee la sfida sembra ancora più scoraggiante. Tuttavia, i funzionari tunisini sono ottimisti sul futuro.

Vedi anche: I migliori oli dalla Tunisia

"Renderemo le società nazionali in grado di posizionarsi nei mercati internazionali più rilevanti per il petrolio confezionato e di competere efficacemente in nuovi mercati ", ha affermato Youseff Neji, presidente del Centro di promozione delle esportazioni della Tunisia (Cepex).

pubblicità

Cina, Giappone, Russia, Finlandia, Svezia, Arabia Saudita e Brasile sono i principali mercati ai quali puntano i funzionari di Cepex.

In una conferenza stampa, Neji ha spiegato che le esportazioni attualmente affrontano diversi ostacoli che possono essere facilmente rimossi. Ha citato il processo burocratico che le società tunisine devono subire per essere elencate come esportatori registrati come uno dei principali ostacoli.

Tuttavia, con il nuovo piano in atto, gli esportatori potranno registrarsi presso l'autorità doganale in modo più rapido e semplice.

tunisino produzione di olive nel 2019 è stato abbastanza buono, con una resa di 300,000 tonnellate, secondo il Consiglio oleicolo internazionale, il terzo più alto rendimento del paese. Complessivamente, il settore dell'olio d'oliva rappresenta una grande quota della produzione agricola totale del paese.

"Il settore oleicolo tunisino è di grande importanza nella rivitalizzazione dell'economia nazionale poiché rappresenta una vera fonte di reddito in valuta estera per il paese ", ha affermato Neji.

Tuttavia, i prezzi dell'olio d'oliva sono crollati anche in Tunisia altrove nel Mediterraneo e non mostrano alcun segno di recupero.

La coltivazione delle olive in alcune aree del paese sta diventando sempre più difficile. In quelle aree, molte delle quali funzionano usando agricoltura e raccolta tradizionali metodi, i bassi prezzi dell'olio d'oliva stanno lasciando agli agricoltori e ai produttori scarsi profitti.

"Gran parte della nostra produzione quest'anno andrà sprecata ", ha detto Mohammed Mahgub, della regione tunisina orientale di Mahdia Olive Oil Times. "Qualche mese fa potevamo contare sull'impegno delle grandi aziende, ora è tutto finito. ”

I prezzi dell'olio d'oliva sono così bassi nell'area che alcune aziende hanno ritirato i loro impegni precedenti e non investiranno nella raccolta delle olive.

"A Mahdia, i prezzi dell'olio d'oliva sono ora fissati a tre dinari ($ 1.07) per chilogrammo ", ha detto Mahgub.

Una nuova narrativa da sola non basterà a portare l'olio d'oliva tunisino su nuovi mercati internazionali, ma i funzionari del Cepex credono che l'ottimismo e una nuova visione segnino l'inizio di un impulso per attirare investitori, tecnologia e dinamismo tanto necessari.

"Ci dicono che andrà meglio con le nuove iniziative, quindi speriamo per il meglio ", ha detto Mahgub.





Related News