Produttori perplessi dal divieto turco alle esportazioni di olio d'oliva sfuso

In una stagione in cui sono state prodotte 220,000 tonnellate, la Turchia ha interrotto le esportazioni di olio d'oliva sfuso fino alla fine del prossimo ottobre.
Aprile 22, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Le esportazioni di olio d'oliva sfuso sono state sospese in Turchia.

Dopo una richiesta del ministero dell'Agricoltura e delle foreste del paese, il ministero del Commercio ha imposto un divieto esportazioni di olio d'oliva in massa con effetto fino al 31 ottobre 2021, sulla base dell'incertezza causata dal Pandemia di covid-19 e timori di inflazione nell'economia del paese.

Circa il 55% delle nostre esportazioni avviene in grandi quantità. In queste condizioni, non vediamo il divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso come la mossa giusta.- Associazione degli esportatori di olio d'oliva dell'Egeo, 

Tuttavia, l'olio d'oliva confezionato in bottiglie o barili può essere esportato come al solito. Inoltre, le tasse imposte su girasole, colza e olio di cartamo importati sono state revocate nel paese fino al 1 ° luglio.

"Al momento, tutti si lamentano dell'incertezza ", ha affermato Harun Seçkin, capo del dipartimento per l'alimentazione e il controllo del ministero dell'Agricoltura e delle foreste della Turchia. "Non sappiamo cosa succederà domani. Alcuni paesi, soprattutto in termini di petrolio, acquistano più del loro fabbisogno ".

Vedi anche: Notizie commerciali

"In questo quadro, abbiamo pensato che sarebbe stata appropriata una restrizione all'esportazione del nostro olio d'oliva sfuso ", ha aggiunto. "Non ci sono problemi nell'esportazione [olio d'oliva] confezionato e imbottigliato. Non è giusto per noi esportare il petrolio che abbiamo alla rinfusa in questo ambiente incerto ".

Seçkin ha anche detto che il prezzo dell'olio di girasole è quasi uguale a prezzo dell'olio d'oliva. Ha inoltre affermato che il divieto di esportazione mira a prevenire la carenza di prodotti e garantire prezzi ragionevoli per i consumatori domestici.

"È anche una decisione a favore del consumatore ", ha detto. "Protegge il consumatore sia in termini di prezzo che di disponibilità del prodotto ".

La Turchia ha imposto un divieto simile nel dicembre 2001, che aveva limitato le esportazioni di olio d'oliva sfuso fino alla fine di ottobre 2002 e aveva causato polemiche nel settore.

Il freno alle esportazioni turche di olio d'oliva sfuso è arrivato in una stagione in cui la produzione di olio d'oliva è dovrebbe raggiungere le 220,000 tonnellate, secondo i dati diffusi dal Commissione europea marzo.

L'Associazione degli esportatori di olio d'oliva dell'Egeo (EZZIB) della Turchia ha respinto il divieto di esportazione e ha affermato che esiste una quantità adeguata di olio d'oliva turco da esportare.

"Le esportazioni [di olio d'oliva] sono a livelli bassi rispetto alle stagioni passate ", si legge in una dichiarazione scritta dell'associazione. "Il consumo interno annuo della Turchia è di 140,000 tonnellate e abbiamo da 60,000 a 70,000 tonnellate che possono essere esportate ".

"Circa il 55 percento delle nostre esportazioni avviene alla rinfusa ", ha aggiunto EZZIB. "In queste condizioni, non vediamo il divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso come la mossa giusta ".

Vedi anche: I prezzi dell'olio d'oliva hanno raggiunto il massimo di due anni in Spagna

Nelle ultime due stagioni di raccolta, più della metà delle esportazioni di olio d'oliva turco sono state sfuse. Nell'attuale stagione 2020/21, 16,653 tonnellate di olio d'oliva sono state esportate dal 1 novembre al 28 febbraio, di cui il 47 percento è stato spedito all'estero alla rinfusa, il quattro percento in barili e il restante 49 percento come olio d'oliva in bottiglia.

Gli esportatori hanno anche affermato che il divieto a metà stagione potrebbe causare danni economici significativi ai produttori e agli esportatori turchi di olio d'oliva.

"Ci aspettiamo una formula dai due ministeri in modo che il divieto di esportazione di olio d'oliva sfuso non danneggi il produttore e l'esportatore ", ha affermato Davut Er, presidente di EZZIB. "Il divieto delle esportazioni all'ingrosso di olio d'oliva della Turchia anticipa il danno a centinaia di milioni di dollari ".

Gli esportatori hanno respinto la giustificazione ricevuta dal governo "i prezzi dell'olio d'oliva aumenteranno l'inflazione alimentare ”e ha accusato le catene di mercato del paese di convincere il governo a imporre il divieto di aumentare le quantità disponibili di olio d'oliva e vendere a prezzi inferiori.

"A mio parere, questa decisione ha influenzato le strategie di esportatori e produttori ", Suzan Kantarci, an NYIOOC World Olive Oil Competition membro del panel dalla Turchia, ha detto Olive Oil Times.

Ha affermato che il divieto potrebbe indurre i produttori a concentrarsi maggiormente sulla qualità e indurli a partecipare a più concorsi nel tentativo di far risaltare i loro prodotti confezionati individualmente.

"Possono pianificare di entrare nel mercato americano con NYIOOC medaglie da competizione sui loro pacchetti confezionati ", ha aggiunto Kantarci.

Per il 2021 NYIOOC ci sono 87 iscrizioni dalla Turchia, più del doppio delle iscrizioni dal paese lo scorso anno, secondo gli organizzatori del concorso.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Turchia

La restrizione alle esportazioni ha anche sconcertato i produttori di olio d'oliva nel paese, che hanno cercato di collegare i punti e spiegare il divieto.

"Penso che si possa solo speculare sulle ragioni ", ha detto un produttore Olive Oil Times. "La raccolta delle olive in Turchia è stata normale e nemmeno i prezzi erano alti. Una possibile ragione potrebbe essere l'aumento dell'inflazione in Turchia ".

"Il governo potrebbe cercare di combattere l'inflazione mantenendo il cibo nel paese ", ha aggiunto il produttore. "Ciò è supportato anche dal fatto che non solo l'olio d'oliva ma molti altri oli commestibili sono interessati da questo divieto di esportazione ".





Related News

Feedback / suggerimenti