Pandemia e condizioni meteorologiche estremi compongono un off-year in Turchia

Il cattivo tempo primaverile e le sfide logistiche hanno peggiorato ulteriormente quello che ci si aspettava sarebbe stato un anno difficile.
Mavras Olive Oil Company (foto di Mehmet Taki)
Dicembre 14, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Come community di Raccolta delle olive 2020 giunge al termine, la produzione turca di olio d'oliva dovrebbe raggiungere tra 180,000 e 210,000 tonnellate, secondo le stime di Juan Vilar Consulenti strategici e il Consiglio oleicolo internazionale (CIO). L'anno scorso il paese ha prodotto circa 225,000 tonnellate.

Le cocenti temperature primaverili seguite da forti piogge hanno gravemente danneggiato il raccolto di olive e ancora una volta hanno costretto i produttori a raccogliere prima del normale.

Proprio come qualsiasi altro settore, la pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto sul nostro raccolto, specialmente nei processi di produzione e di certificazione biologica.- Merve Doran, fondatore, Oleamea

I Pandemia di covid-19 complicò il raccolto per alcuni produttori, poiché furono introdotte nuove misure di allontanamento sanitario e sociale nei boschetti e nei mulini ed entrò in vigore il coprifuoco locale.

"Quest'anno è stato eccezionalmente impegnativo a causa di cambiamento climatico e la pandemia ", Ahat Caskurlu, il co-fondatore di Olio Zeytín, Ha detto Olive Oil Times. "Non solo abbiamo dovuto manovrare attorno alle misure di protezione del Covid-19 come l'aumento delle distanze sociali durante la produzione e lavorare intorno all'orario di coprifuoco locale, ma abbiamo anche avuto un forte impatto negativo dalle ondate di caldo che abbiamo affrontato lo scorso maggio ".

Caskurlu prevede di produrre 25 tonnellate di olio d'oliva quest'anno dai suoi boschetti a Canakkale, all'estremità settentrionale della penisola anatolica, e Aydin, al centro. L'anno scorso, Zeytín Oil ha prodotto più di 30 tonnellate.

"I nostri fiori di ulivo sono stati gravemente danneggiati dalle ondate di caldo e dai forti acquazzoni, quindi la nostra resa è scesa dal 20 al 30 percento ", ha affermato.

Con previsioni che suggeriscono una resa fino al 20% inferiore rispetto allo scorso anno, Ümmühan Tibet, presidente del consiglio del Consiglio nazionale delle olive e dell'olio d'oliva (UZZK) della Turchia, ha affermato che la differenza è principalmente dovuta alla maggioranza dei produttori che entrano nell'anno di chiusura del ciclo alternato di produzione dell'olivo.

Tuttavia, ha riconosciuto che il cambiamento climatico stava anche rendendo il raccolto più impegnativo.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

"Purtroppo la produzione di olio d'oliva dei paesi produttori ha iniziato a fluttuare molto di più a causa del cambiamento climatico globale negli ultimi anni ", ha detto Olive Oil Times. "Siamo stati influenzati negativamente da condizioni meteorologiche estreme, caldo e siccità durante la fioritura dell'olivo e la crescita dei frutti. "

Il Tibet si aspetta ancora che la produzione continui a crescere in Turchia come nel decennio precedente. Anche nello scenario peggiore per il raccolto di quest'anno, la produzione sarebbe solo del 10 percento inferiore alla media mobile di cinque anni. Nel migliore dei casi, supererebbe la media mobile di quasi il cinque percento.

asia-business-production-pandemia-and-weather-extreme-compound-an-off-year-in-turkey-olive-oil-times

Mehmet Taki

"A causa dell'aumento del numero di ulivi ogni anno nel nostro paese, la nostra produzione totale di olive è di solito compresa tra 1.5 milioni di tonnellate e due milioni di tonnellate ", ha detto Tibet. "Dal momento che il consumo di olive da tavola è tradizionalmente alto nel nostro paese, utilizziamo un terzo della nostra produzione di olive da tavola ".

"Poiché il frutto non ha potuto crescere a causa della siccità quest'anno, la maggior parte degli 1.35 milioni di tonnellate di frutta prodotta verrà utilizzata per la produzione di olio d'oliva ", ha aggiunto. "Quindi stimiamo quasi 200,000 tonnellate di produzione di olio d'oliva ".

La stragrande maggioranza della produzione di olio d'oliva della Turchia si svolge sull'ampia punta occidentale della penisola anatolica. Anche se quasi 400 chilometri separano le coste settentrionali e meridionali, le sfide create dal clima erano un tema costante tra i produttori.

Nel villaggio di Bozburun, all'estremità meridionale della penisola, Mustafa Birhan Hazer si è lamentato delle temperature altamente volatili che sono diventate sempre più frequente in primavera e iniziò a coincidere con la fioritura dei fiori di ulivo.

"[Quest'anno] è il doppio del raccolto dell'anno scorso", il Bozelli il fondatore ha detto Olive Oil Times. "Tuttavia, questo non è affatto eccezionale. Il cambiamento climatico si sta rivelando una vera sfida per noi ".

Birhan Hazer ha affermato che si aspettava di produrre circa sette tonnellate di olio d'oliva, il doppio rispetto all'anno scorso, ma inferiore alla resa del 2018 di circa un terzo.

"Quest'anno, ancora una volta, abbiamo avuto un caldo estremo oltre i 40 ºC a maggio per due settimane durante la fioritura ", ha detto. "E improvvisamente è passato a temperature gelide per due notti. Questo ovviamente ha avuto un impatto negativo sul nostro raccolto ".

Mentre il Tibet, dell'UZZK, ha attribuito il portamento alternato degli ulivi per la maggior parte della diminuzione della produzione di quest'anno, da nessuna parte gli impatti del cambiamento climatico sono stati dimostrati meglio che nei boschetti di Nova Vera.

Siamo stati influenzati negativamente da condizioni meteorologiche estreme, caldo e siccità durante la fioritura dell'olivo e la crescita dei frutti.- Ümmühan Tibe, presidente, Consiglio nazionale turco delle olive e dell'olio d'oliva

"Abbiamo due cultivar principali nei nostri boschetti, Ayvalık e Trilye ", Bahar Allan, il proprietario di Nova Vera, Ha detto Olive Oil Times. "Per la cultivar Ayvalık coltivata convenzionalmente, la periodicità [alternanza] è efficace e, per questo motivo, abbiamo avuto un aumento della produzione di quasi il 50% rispetto all'anno precedente ".

"Tuttavia la maggior parte della nostra produzione proviene dal ns alta densità abbiamo piantato la cultivar Trilye e quest'anno abbiamo avuto il 30 percento di olive in meno ", ha aggiunto. "Il motivo non era la periodicità: erano principalmente i cambiamenti climatici a causare forti piogge durante il periodo di fioritura e la siccità ".

Nonostante le battute d'arresto climatiche, Allan ha affermato di aspettarsi di produrre 90 tonnellate di olio d'oliva quest'anno, rispetto alle 70 tonnellate prodotte da Nova Vera l'anno scorso.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Turchia

Mentre il clima della penisola anatolica dovrebbe gradualmente diventare più caldo e più secco, gli impatti della pandemia di Covid-19 sono stati più immediati.

I produttori hanno detto Olive Oil Times che la pandemia ha cambiato in modo significativo il modo in cui stanno facendo affari. Questi cambiamenti andavano dal complicare il processo logistico del raccolto a un piccolo boom delle vendite online.

"Proprio come qualsiasi altro settore, la pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto sul nostro raccolto, in particolare nei processi di produzione e certificazione biologica ", Merve Doran, fondatore e comproprietario di oleamea, Ha detto Olive Oil Times.

"Abbiamo avuto un caso in cui uno dei membri della famiglia del nostro meccanico è risultato positivo, quindi abbiamo dovuto lavorare con un meccanico per più di due settimane ", ha aggiunto. "Inoltre, abbiamo dovuto posticipare l'ispezione in fabbrica, che fa parte del processo di certificazione biologica, due volte a causa di casi positivi all'interno dell'azienda che esegue l'ispezione. Ciò ha posticipato la data di consegna del certificato biologico. "

Doran prevede di produrre tra le 90 e le 100 tonnellate di olio d'oliva quest'anno, che è più della società prodotta l'anno scorso. Ha attribuito tale aumento ai nuovi contratti di esportazione di Oleamea e alla crescente domanda di olio d'oliva negli Stati Uniti.

asia-business-production-pandemia-and-weather-extreme-compound-an-off-year-in-turkey-olive-oil-times

Allan, di Nova Vera, ha aggiunto che la pandemia ha aumentato i suoi costi di produzione, ma ha anche aumentato le vendite online.

"Abbiamo avuto molte difficoltà a stabilire le nostre squadre di raccolta e anche per i loro trasferimenti da e verso i boschi ", ha detto. "I nostri costi per ora di lavoro sono aumentati di quasi il 20% ".

"Inoltre, bar e ristoranti sono uno dei nostri principali canali di vendita e il loro consumo di olio d'oliva è diminuito di quasi il 50%, principalmente a causa di limitazioni e blocchi ", ha aggiunto. "Tuttavia, le nostre vendite dirette via Internet sono notevolmente aumentate e hanno compensato questo impatto negativo ".

Le fiorenti vendite online sono state un tema costante tra i produttori che discutevano degli impatti del coronavirus. Il Tibet, dell'UZZK, ha detto che la pandemia stava cambiando le abitudini alimentari delle persone.

"Il coprifuoco e la quarantena imposti a causa della pandemia hanno cambiato il modo di vivere di molti di noi, influenzato le nostre abitudini alimentari e la nostra abitudine di mangiare fuori è stata sostituita dal mangiare a casa ", ha detto. "I turchi hanno iniziato a consumare più olive da tavola e il consumo di olio d'oliva è aumentato del 25% nel nostro paese durante questo periodo ".

Negli ultimi dieci anni, il consumo di olio d'oliva in Turchia è cresciuto costantemente. Anche se il settore dell'ospitalità e della ristorazione ha sofferto a causa della pandemia, i produttori sperano che il consumo interno possa colmare il divario e alimentare ulteriori aumenti.

"Il raccolto di quest'anno è uno degli anni migliori ", ha affermato Mehmet Taki, il co-proprietario di Bata Tarim ve Gida Urunleri, che ha prodotto circa 26 tonnellate di olio d'oliva nonostante l'estate e l'autunno asciutti e i ritardi causati dalla pandemia.

"Le nostre vendite ad hotel e ristoranti sono diminuite di quasi il 70% ", ha affermato. "D'altra parte, le nostre vendite dirette ai consumatori sono quasi raddoppiate ".

"In media ", ha concluso, "Non posso lamentarmi. "


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti