L'Uruguay anticipa una cattiva raccolta in mezzo alla pandemia

I produttori uruguaiani di olio d'oliva si aspettano un calo della produzione del 60% nel 2020, dopo un raccolto record nel 2019. Il bilancio del coronavirus su turismo, esportazioni e costi di produzione sta danneggiando la loro redditività.

Aprile 17, 2020
Di Jorge Enrique Pereira Benitez

Notizie recenti

Dopo un raccolto da record nel 2019, in cui l'Uruguay ha prodotto quasi 2,800 tonnellate di olio d'oliva, nel 2020 è previsto un raccolto significativamente inferiore.

Effetti climatici, comprese le basse temperature e il gelo al momento della fioritura, nonché la carenza d'acqua in estate durante il riempimento del frutto, combinati con molti produttori che entrano in un periodo di riposo per abbassare significativamente la resa prevista.

Le aspettative più ottimistiche di produttori e analisti hanno fissato il totale della produzione di quest'anno a non più di 700 tonnellate.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Insieme al resto dei produttori dell'emisfero meridionale, anche gli uruguaiani hanno dovuto intraprendere la raccolta delle olive durante il pandemia di coronavirus.

Sebbene il piccolo paese sudamericano abbia finora evitato le grandi epidemie subite in molti altri paesi in tutto il mondo, il governo ha ancora implementato una quarantena semi-forzata che ha un impatto sui produttori e sulla loro redditività.

Circa il 75 percento dell'olivicoltura uruguaiana (circa 25,000 acri) è concentrato tra una dozzina di produttori diversi. Il resto della produzione del paese è per lo più operazioni su piccola scala, di dimensioni comprese tra 25 e 60 acri.

A seconda delle dimensioni e della posizione, la pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto sul modo in cui le diverse operazioni stanno andando sul raccolto e facendo piani per il futuro.

Gonzalo Aguirre è il regista e co-proprietario di Olivares de Santa Laura, un produttore di medie dimensioni situato nel nord-est del paese, vicino al confine brasiliano. Aguirre coltiva olive su circa 250 acri di terreno ed è diventato uno dei produttori di maggior successo del paese, vendendo i suoi oli sia in Uruguay che esportandoli all'estero.

Nel suo caso, la situazione eccezionale non ha influito sul funzionamento della sua azienda, principalmente a causa del basso volume di produzione che ha avuto luogo nel 2020 rispetto all'anno precedente.

La raccolta delle olive e la produzione di olio veniva effettuata dai suoi dipendenti a tempo indeterminato e dai membri della sua famiglia. Aguirre ha adottato le misure precauzionali raccomandate dalle autorità federali per la salute e il lavoro, tra cui l'allontanamento sociale di 10 metri (32.8 piedi) tra i lavoratori e l'uso di dispositivi di protezione individuale per le mani e il viso.

La quantità minima di lavoro è stata utilizzata nel frantoio. Aguirre ha affermato che il personale si è adattato positivamente alle nuove condizioni di lavoro e non ha avuto incidenti sul lavoro.

La raccolta delle olive è iniziata a marzo, poco dopo la conferma dei primi casi di coronavirus in Uruguay.

Luis Repetto è un piccolo olivicoltore e direttore di Olivar del Bhúo. In un'azienda agricola di 27 acri nella provincia di Canelones, a pochi chilometri dal capoluogo, Repetto destina metà della sua terra alla coltivazione di tre varietà di olive e possiede un proprio frantoio.

Olivar del Bhúo ha adottato protocolli sanitari più severi rispetto alla maggior parte dei produttori. Oltre a seguire le misure di allontanamento sociale raccomandate e utilizzare dispositivi di protezione individuale, il piccolo produttore disinfetta regolarmente anche le attrezzature di raccolta e molitura.

Nonostante abbia già adottato tutte queste misure, Repetto ha affermato che avrebbe voluto che il governo federale e Asolur, l'associazione uruguaiana dell'olio d'oliva, inviassero linee guida specifiche per i produttori.

A seguito della pandemia, Repetto non ha assunto ulteriori operai per la raccolta e ha seguito e partecipato personalmente a tutte le attività di raccolta.

A suo avviso, è stato molto importante sensibilizzare i lavoratori che hanno partecipato al raccolto, poiché molti provengono da aree rurali e potrebbero non comprendere la scienza alla base della diffusione del virus.

Nonostante le battute d'arresto, Repetto riesce a completare in pochi giorni l'attività di raccolta e lavorazione.

Nel complesso, ha prodotto il 50% in meno di olio d'oliva quest'anno rispetto a quello che ha fatto nel 2019. Tuttavia, il suo consulente agronomico ha affermato che Repetto ha ottenuto una delle rese di altissima qualità che abbia mai visto quest'anno.

Mentre alcuni produttori sono stati minimamente influenzati dalle interruzioni causate dal Covid-19, altri hanno avuto tempi più difficili nella gestione della logistica delle loro operazioni.

Sergio Gómez è il proprietario e direttore di Onoser (Olivo Noble), uno dei maggiori operatori logistici del Paese. Con la sua flotta di macchine da raccolta, Gómez serve circa 30 diversi produttori nelle regioni centrali e orientali del paese.

La sua principale difficoltà è stata il trasferimento di personale tra i diversi siti in cui ha fornito i suoi servizi. Per questo, ha dovuto fornire a ciascun membro del suo team il proprio veicolo.

Sebbene Gómez assista solo nella raccolta meccanica e nel trasporto della frutta al mulino, seguire le linee guida necessarie per il distanziamento sociale ha rallentato la produttività della sua squadra.

Tuttavia, il forte calo della produzione in tutto il paese quest'anno ha significato che non è in ritardo sui tempi. Gómez prevede di terminare la raccolta ad aprile, prima che le temperature scendano e arrivi la pioggia.

Nel frattempo, la principale azienda agricola olivicola dell'Uruguay, Agroland SA, che costituisce il 60 percento degli uliveti del paese, ha iniziato la raccolta pochi giorni dopo che il coronavirus è stato rilevato per la prima volta, il 13 marzo.

L'azienda sta ancora raccogliendo e spremendo le proprie olive, ma prevede di avere una resa notevolmente inferiore rispetto agli anni precedenti.

Questa azienda, dotata di un'infrastruttura tecnica e di manodopera altamente sviluppate, ha tre piantagioni nell'est del paese ed è un'importante attrazione turistica insieme alle cantine limitrofe.

La settimana che precede la domenica di Pasqua (nota come Settimana del turismo) è uno dei periodi più popolari per viaggiare in Uruguay. Tuttavia, quest'anno, nessun turista si è riversato sulla costa orientale del paese a causa del divieto del governo di aprire le attrazioni turistiche.

Sebbene ciò comporterà una significativa diminuzione del reddito dell'azienda, si prevede che semplificherà il lavoro di raccolta e produzione di olio della tenuta, poiché non ci saranno membri del pubblico che visiteranno i boschi e i mulini.

La maggior parte dei produttori in Uruguay prevede un totale di produzione molto inferiore nel 2020 rispetto al 2019. Alcuni non produrranno affatto olio d'oliva.

Da un punto di vista commerciale, le prospettive per il futuro in Uruguay sono difficili. Le vendite sono praticamente paralizzate dall'inattività del settore turistico, che è una delle principali fonti di reddito per i produttori uruguaiani.

Allo stesso modo, la grande produzione del 2019 ha portato a un volume vicino a 600 tonnellate di petrolio in eccesso, alcune delle quali aiuteranno a soddisfare la domanda interna ma il resto viene solitamente esportato nel vicino Brasile.

Del mondo terzo importatore di olio d'oliva è attualmente paralizzato da un tasso di infezione da Covid-19 in rapido aumento e, di conseguenza, il commercio di olio d'oliva nel paese è stato paralizzato, senza una tempistica chiara su quando riprenderà.

Un numero significativo di produttori quest'anno ha registrato un raccolto molto piccolo o inesistente. Dovranno affrontare costi di manutenzione, occupazione e obblighi fiscali quasi senza reddito nel 2020.

Dopo un anno di bassa produzione, la stagione successiva vede generalmente un rimbalzo significativo, che potrebbe fornire un'ancora di salvezza ai produttori che hanno lottato nel 2020.

I lavori per la vendemmia 2021 inizieranno a luglio, all'inizio dell'inverno, con potature e concimazioni. Ciò richiederà un notevole sforzo economico e non vi è certezza che tutti i produttori saranno in grado di svolgere in modo efficiente questi compiti al fine di raccogliere i frutti di un raccolto in ripresa nel 2021.


Related News

Feedback / suggerimenti