I produttori di olio d'oliva toscani si distinguono alla competizione mondiale

I produttori del centro Italia tra i più premiati al 2021 NYIOOC. Condizioni eccellenti e metodi biologici hanno aiutato molti a vincere l'oro.
Foto: Valentina Angelici Horecki
Giu. 17, 2021
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


Dopo quello che molti produttori hanno definito il miglior raccolto degli ultimi due decenni, Toscana classificata tra le regioni olivicole più premiate al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.

Favoriti da condizioni meteorologiche generalmente buone, gli agricoltori della regione dell'Italia centrale hanno potuto far fronte alle complessità derivanti dal Pandemia di covid-19 e si è distinto come alcuni dei migliori produttori di olio d'oliva al mondo.

Posso dire che il nostro lavoro è in continua evoluzione, e ci miglioriamo un pezzo alla volta. È come ogni stagione scriviamo una pagina del grande libro della qualità.- Romina Salvadori, contitolare, Il Cavallino

"È stata una grande emozione" Valentina Angelici Horecki detto Olive Oil Times dopo ricevendo il massimo riconoscimento per il suo Toscano IGP biologico Oro di Gea.

"Devo dire che speravamo di ottenere un buon risultato visto che abbiamo avuto una stagione meravigliosa", ha aggiunto. "Monitorando il nostro boschetto, ci siamo resi conto che le piante ei frutti erano in buono stato e che potevamo ottenere un prodotto eccellente. La prima degustazione del nostro olio ha confermato la qualità che avevamo immaginato.”

A Terontola, frazione in provincia di Arezzo, Angelici e il suo compagno Ivano Mazzoleni gestiscono una proprietà di 100 ettari, la Tenuta Angelici, che comprende un'iniziativa agrituristica.

Situato su dolci colline a 500 metri di altitudine, vigneti e boschi si affiancano ad un boschetto composto da Frantoio, Leccino, Moraiolo e altre antiche varietà come la Minuta.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dall'Italia

"Questa è un'oliva molto piccola, difficile da raccogliere, ma dà una nota caratteristica alla nostra miscela ", ha detto Angelici.

Le loro 3,000 piante, di cui mille secolari, sono gestite secondo il metodo dell'agricoltura biologica.

"Di recente abbiamo piantato nuovi alberi e mantenuto un modello di impianto tradizionale con le piante disposte a cinque o sei metri l'una dall'altra", ha affermato.

Preservare e migliorare l'equilibrio ambientale del territorio è una priorità assoluta per molti agricoltori toscani. Questo obiettivo è perseguito anche da Simone Botti, il produttore dietro Le Fontacce.

concorsi-europei-i-migliori-olii-toscani-produttori-di-olio-d'oliva-risaliti-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: Simone Botti

Situato leggermente a nord di Angelici, alle pendici del monte Pratomagno, Botti produce un blend biologico medio che gli è valso un Gold Award.

"Sono molto contento di questo risultato”, ha detto dal suo allevamento di Loro Ciuffenna. "È arrivato al termine di una stagione favorevole che ci ha permesso di arrivare al frantoio con olive sanissime. L'ottenimento di questo premio ripaga di tutti gli sforzi profusi nello scorso anno, in cui, nonostante tutto quello che abbiamo vissuto, abbiamo raggiunto buoni risultati sia in termini di qualità che di quantità”.

Botti ha sottolineato che durante le operazioni di raccolta e molitura presso lo stabilimento aziendale, sono stati seguiti tutti i protocolli di sicurezza Covid-19 richiesti a tutela dei lavoratori.

"Questo ci ha permesso di completare l'attività senza alcun problema", ha affermato. "Possiamo dire che non è stato così facile, ma ce l'abbiamo fatta, è andato tutto bene ed è finita con questo riconoscimento".

Botti cura 3,000 alberi di Frantoio, Leccino e Moraiolo, tutti coltivati ​​su terreni appartenuti alla sua famiglia dai primi del 1800. Oltre agli ulivi, crescono in regime di produzione biologica anche altre colture autoctone, come i legumi e l'iris.

Nel frattempo, una valle verde e incontaminata in provincia di Firenze ospita is Fattoria di Volmiano, premiato dalla giuria internazionale del NYIOOC per il suo Laudemio.

pubblicità

"È una grande soddisfazione per noi avere ricevuto questo Gold Award”, ha detto il titolare Lapo Gondi. "Abbiamo iniziato a produrre Laudemio l'anno scorso. Siamo entrati a far parte del consorzio dei produttori ad ottobre e abbiamo subito rinnovato il nostro frantoio, adottando tecnologie di ultima generazione”.

"Abbiamo avuto una stagione davvero favorevole senza problemi da parte mosca di frutta d'oliva", Ha aggiunto. "Abbiamo avuto una giusta quantità di pioggia al momento giusto che ha evitato qualsiasi tipo di stress idrico. In breve, avevamo le condizioni ottimali per far prosperare le piante e darci frutti sani”.

concorsi-europei-i-migliori-olii-toscani-produttori-di-olio-d'oliva-risaliti-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: Fattoria di Volmiano

L'azienda si estende per circa 550 ettari sulle colline del Monte Morello, a Calenzano. Più di 20,000 piante di Leccino, Moraiolo, Frantoio e Pendolino sono distribuite su 70 ettari di uliveti circondati da boschi. La proprietà è inclusa in una Unione Europea Sito di importanza comunitaria.

"In una valle così incontaminata, che si può definire il polmone verde di Firenze, è stato naturale per noi scegliere il biologico”, ha detto Gondi. "Siamo davvero impegnati a preservare la sua ricca biodiversità”.

Un Gold Award è andato anche a Il Cavallino per il suo delicato blend Special Edition, prodotto da Romina Salvadori nella località balneare di Bibbona, in provincia di Livorno.

concorsi-europei-i-migliori-olii-toscani-produttori-di-olio-d'oliva-risaliti-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: Romina Salvadori

"Questo premio ci dà grande soddisfazione, perché dimostra la qualità del nostro lavoro”, ha detto Salvadorii Olive Oil Times. "Conferma che la direzione che abbiamo preso è quella giusta. Vale a dire, non solo gestiamo un uliveto e un frantoio e realizziamo un prodotto di eccellenza, ma soprattutto ci prendiamo cura della nostra terra con grande cura e rispetto, vivendo in armonia con la natura, in un ambiente sano”.

Salvadori gestisce un frutteto di 50 ettari composto da varietà autoctone. Circa 20,000 piante di Leccio del Corno, Leccino, Frantoio, Pendolino, Rosciolo e Lazzero danno vita a tre linee di produzione.

"La nostra qualità è il risultato di un grande lavoro di squadra”, ha detto Salvadori. È supportata dalla sua famiglia, in particolare da suo padre, Franco, che la aiuta a produrre oli pluripremiati con la sua esperienza decennale. Durante la potatura e la vendemmia, i due sono affiancati anche da un gruppo di giovani professionisti.

"Cerchiamo sempre di migliorarci, mantenendo solo le migliori innovazioni", ha affermato. "Questo significa avere un approccio rispettoso del territorio attraverso le pratiche biologiche che applichiamo nel nostro uliveto e puntando sull'aggiornamento tecnologico del nostro frantoio”.

"Ogni anno, alcuni aggiustamenti appropriati ci consentono di aumentare la qualità del nostro olio extra vergine di oliva ", ha aggiunto. "Posso dire che il nostro lavoro è in continua evoluzione, e ci miglioriamo un pezzo alla volta. È come ogni stagione scriviamo una pagina del grande libro della qualità”.

At Tenuta Capezzana, Filippo Contini Bonacossi celebra il Gold Award ottenuto per il suo blend biologico di olive Frantoio, Leccino, Moraiolo e Pendolino.

concorsi-europei-i-migliori-olii-toscani-produttori-di-olio-d'oliva-risaliti-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: Tenuta Capezzana

"Questo riconoscimento ci rende orgogliosi", ha detto. "Alcune scelte fatte lo scorso anno, che in un momento così complesso, sembravano audaci e si sono rivelate vincenti. Abbiamo apportato migliorie al nostro frantoio, scegliendone uno di ultima generazione. Abbiamo cambiato il gramola con uno nuovo ad anidride carbonica e abbiamo programmato altri aggiustamenti”.

Il frantoio, situato a Carmignano, è al centro di una tenuta fondata da un membro della famiglia Medici e produce vino e olio d'oliva dall'804 dC La proprietà comprende circa 16,000 piante di ulivo sparse nelle province di Prato, Firenze e Pistoia .

"Gestiamo i nostri frutteti con il minor impatto ambientale”, ha affermato Contini Bonacossi. "Stiamo cercando di migliorare la biodiversità e preservare questa bellissima terra, motivo per cui applichiamo buone pratiche come l'utilizzo di sovescio e fertilizzanti organici”.

"Credo che, di questi tempi, perseguire la qualità seguendo il while i principi di sostenibilità sono fondamentali", Ha aggiunto. "Abbiamo vissuto un periodo così incredibile. Abbiamo visto uno stop alle attività umane, mentre la natura non si è fermata. In effetti, ha goduto incredibilmente di questa pausa".

"Spero davvero che tutto ciò abbia contribuito a migliorare la mentalità delle persone ea far capire a tutti che con le nostre scelte quotidiane, compresi i prodotti che abbiamo scelto di consumare, possiamo cambiare le cose in meglio», ha concluso Contini Bonacossi.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti