Produzione

Esperti: l'agricoltura sostenibile svolgerà un ruolo chiave nel mondo post-pandemico

Le priorità della popolazione si sposteranno in un mondo post-coronavirus, richiedendo una produzione etica e sostenibile da parte degli agricoltori e dei distributori negli anni a venire.

Può. 7, 2020
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'acqua nei canali di Venezia scorre chiara, i delfini e le balene vengono avvistati al largo dei porti, i cervi e gli orsi vagano nelle aree urbane.

La metà della popolazione mondiale ha trascorso questa primavera rinchiusa in casa e rapporti da tutto il mondo indicano che l'inquinamento sta diminuendo in modo significativo mentre la natura ritorna tranquillamente nelle aree da cui è stata cacciata.

Tutto è collegato - ciò che facciamo al mondo torna a influenzarci.- Margherita Monti, antropologa ambientale

Il satellite Sentinel-5P dell'Agenzia spaziale europea ha rivelato un drastico calo dei livelli di biossido di azoto (NO2) nel nord Italia da quando il paese è stato bloccato il 9 marzo. Ovunque, ci sono chiari segnali di come le attività umane hanno avuto un impatto sull'ambiente, visto in forte sollievo ora che abbiamo ridotto il passo sul paesaggio.

Questi sviluppi non sono passati inosservati agli esperti, molti dei quali credono che l'agricoltura possa avere un ruolo importante da svolgere in un mondo migliore dopo la pandemia.

Agenzia spaziale europea

Guarda anche: Sostenibilità

"C'è finalmente piena consapevolezza dell'importanza dell'ambiente ”, ha dichiarato il fondatore dell'Associazione Nazionale delle Città dell'Olio di Oliva Pasquale Di Lena, che ha una lunga esperienza professionale nel settore dell'olivicoltura. "Ci siamo resi conto che troppo spesso i nostri territori sono stati violentati da un sistema che ha sfruttato le risorse come se fossero illimitate. Ma la terra ha bisogno di rispetto. "

pubblicità

Secondo l'ultimo rapporto sull'uso del suolo da parte del centro studi del Ministero dell'Ambiente italiano (Ispra), negli ultimi sei anni l'Italia ha perso aree in grado di garantire l'assorbimento di 2 milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2) e di produrre 330,000 tonnellate di prodotti agricoli e 2,200 tonnellate di prodotti in legno.

"In un nuovo sistema di successo, il primo passo è fermare l'abuso del territorio ", ha detto Di Lena. "La qualità della produzione dipende anche da come viene gestita la terra e questo pone l'agricoltura al centro di un nuovo modello di sviluppo ".

Ha chiesto limitazioni sull'agricoltura industrializzata e che i governi adottino politiche eque e sostenibili.

Altre parti interessate concordano sul fatto che la conservazione della biodiversità dipende dalla protezione dell'ambiente e dalla corretta gestione delle risorse naturali.

"Seguendo un percorso sostenibile, l'agricoltura svolgerà un ruolo di primo piano nel mondo post-pandemia ", ha affermato Maurizio Pescari, consulente di comunicazione con 25 anni di esperienza nel settore dell'olio d'oliva.

Angelo Bo

Pescari ha affermato che gli olivicoltori sono già consapevoli del ruolo che la biodiversità svolge nella raccolta e nella produzione di olio d'oliva e che l'attuale pandemia dovrebbe sottolineare quanto sia importante mantenere un ecosistema sano.

"Gli attori del settore hanno già iniziato a ridisegnare il loro ruolo, per superare non solo l'emergenza COVID-19, ma anche gli effetti di problemi specifici del settore come Xylella, " Disse Pescari. "Per eccellere, i produttori devono prima rispettare i consumatori ... possiamo già vedere come le loro scelte in un periodo di quarantena includano una rinnovata attenzione al cibo che mettono quotidianamente sul tavolo. "

Osservò che l'agricoltura era uno dei pochi settori che non si chiudeva completamente a causa della pandemia e predisse che, nonostante un mercato instabile e complesso, i coltivatori sarebbero stati in grado di vendere i loro raccolti.

Dall'inizio delle misure di blocco, la domanda di oli di oliva a denominazione di origine protetta (DOP) è aumentata, ha detto la produttrice di olio d'oliva e consulente per la cura del marchio Mariagrazia Bertaroli Olive Oil Times

"Secondo me, questa è una grande opportunità per un'operazione di re-branding ", ha detto Bertaroli. "Siamo in grado di ripristinare il settore dell'olio d'oliva, stabilire nuove relazioni, cambiare alcuni aspetti ".

Bertaroli ha affermato che i consumatori hanno iniziato a prestare attenzione alle scelte etiche dei produttori e hanno predetto che l'etica aziendale sarebbe diventata più importante nel mercato post-COVID-19. Ha affermato che l'industria dell'olio d'oliva dovrebbe rispondere all'interesse dei consumatori per la sostenibilità e i fattori correlati creando una piattaforma per certificare e monitorare le imprese socialmente, economicamente e ambientalmente sostenibili.

I risultati di un sondaggio di aprile sulla crescita del marchio durante i periodi di crisi supportano le osservazioni di Bertaroli. L'indagine, condotta dalla società di ricerca Ipsos, conclude che, in quanto priorità dei consumatori con le avversità, è probabile che privilegino la buona cittadinanza e il consumo consapevole rispetto ad altri fattori.

"In un mondo post-pandemico in cui il contesto del consumatore potrebbe ancora cambiare di nuovo, le persone ricorderanno quale ruolo hanno avuto o non hanno avuto i marchi e le aziende nelle loro vite durante i periodi di avversità ”, hanno scritto i ricercatori nel sondaggio.

Pensando a come i produttori dovrebbero affrontare un potenziale cambiamento nelle priorità dei consumatori, l'agronomo Angelo Bo ha predetto l'istituzione di un "nuovo patto di fiducia con i consumatori ". I produttori dovrebbero impegnarsi a fornire prodotti autentici, gestendo i loro oliveti in modo migliore ed efficiente, ha affermato Bo, specializzato in olivicoltura biologica.

"Dovrebbero essere il più sostenibili possibile. Quindi dovremmo perfezionare i nostri processi produttivi, prestando attenzione all'iperc complessità dell'ecosistema olivicolo, con l'obiettivo di migliorare quella combinazione di territorio, biodiversità e tecniche agronomiche in grado di dare frutti senza pari ", ha affermato. "E questo implica un'opera di continuo adattamento. "

Bo ha affermato che il quadro dei prezzi dovrebbe riflettere il valore reale del lavoro necessario per produrre prodotti di alta qualità, compensando in modo equo tutti gli attori coinvolti e proteggendo l'ambiente nel processo. Ha osservato che i prezzi artificialmente bassi spesso comportano un'attività sottocompensata, fraudolenta o illegale o semplicemente una percezione irragionevole da parte del consumatore di ciò che costituisce una remunerazione equa.

Ma anche se tutti concordano sul fatto che il cibo debba essere prodotto in modo sostenibile, una popolazione in crescita esercita pressioni sui canali di approvvigionamento alimentare. Le proiezioni demografiche per il 2050 superano i 9 miliardi di persone. In che modo il mondo produrrà cibo a sufficienza per sfamare tutti cercando anche di ridurre l'impatto sul pianeta?

L'antropologa ambientale e specialista del patrimonio mondiale Margherita Monti ha dichiarato: "Non esiste un'unica soluzione di gestione applicabile a livello globale perché le pratiche agricole dipendono da variabili specifiche del sito, quali clima, ecologia, geografia, demografia, benessere e regolamentazione. Tuttavia, i principi di sostenibilità possono essere applicati a diversi sistemi di gestione. "

Monti ha affermato che viviamo in una nuova era, soprannominata era antropocenica, caratterizzata dalla forte influenza dell'umanità sui sistemi naturali della Terra. Sebbene la salute media dei cittadini globali sia migliorata nell'ultimo secolo, la salute del nostro pianeta è fortemente diminuita: una storia raccontata dai cambiamenti climatici, dalla diminuzione della biodiversità, dalla carenza di seminativi e dall'inquinamento delle acque dolci. I danni al nostro ambiente mettono a rischio i recenti e fragili guadagni della salute pubblica.

"Abbiamo notevolmente influenzato il nostro sistema di produzione alimentare globale, la qualità dell'aria che respiriamo e dell'acqua che beviamo, l'abitabilità dei luoghi in cui viviamo e la nostra esposizione alle malattie infettive. Tutto è collegato - ciò che facciamo al mondo torna a influenzarci ", ha affermato Monti. "Comprendere e agire su queste sfide richiede una massiccia collaborazione oltre i confini disciplinari e nazionali per salvaguardare la nostra salute ".



Related News