`I ricercatori utilizzano la spettroscopia ottica per classificare gli oli d'oliva - Olive Oil Times

I ricercatori usano la spettroscopia ottica per classificare gli oli d'oliva

Dicembre 4, 2015
Erin Ridley

Notizie recenti

Andalucia di Centro tecnologico AINIA ha creato un nuovo metodo per la classificazione istantanea e non invasiva degli oli di oliva. Utilizzando la spettroscopia ottica, o VIS / NIR, può identificare se un olio è extravergine, vergine o lampante.

Lo fa tramite un test, che viene completato in pochi secondi, in grado di fornire un'impronta spettrale completa dell'olio, producendo dati su vari indicatori di qualità, come acidità totale, indice di perossido, polifenoli, stabilità ossidativa e altro.

Lorenzo Cervera, del Dipartimento di strumentazione e automazione dell'AINIA, ha spiegato a Olive Oil Times, "Analizza l'impronta digitale spettrale dell'olio d'oliva nel visibile e nel vicino infrarosso (porzione dello spettro elettromagnetico) poiché l'olio assorbe la luce infrarossa in un modo diverso in base alla sua composizione e qualità. "

Tali test possono essere completati in vari punti di controllo, consentendo di conservare l'olio di oliva in base alle sue diverse caratteristiche, mantenendo così la qualità, l'identità e la tracciabilità dell'olio. In definitiva, ciò consentirà ai produttori e ai laboratori di massimizzare la produzione e lasciare meno spazio agli errori e alle perdite economiche.

Per quanto riguarda quando il metodo di prova sarà disponibile per l'uso, ha affermato Cervera, "Non è ancora pronto come prodotto commerciale, ma stiamo adottando le misure necessarie affinché possa raggiungere il mercato ".

Il metodo di test è stato concepito da AINIA come parte del progetto Recupera 2020 del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CSIC). AINIA sta collaborando con quasi 40 altri gruppi investigativi per sviluppare tecnologia e innovazione a beneficio del settore agricolo dell'Andalusia.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti