`Nutrienti in MedDiet collegati alla prevenzione o al ritardo della malattia degenerativa dell'occhio - Olive Oil Times

Nutrienti in MedDiet collegati alla prevenzione o al ritardo della malattia degenerativa dell'occhio

Agosto 11, 2021
Jasmina Nevada

Notizie recenti

Seguire una dieta di tipo mediterraneo può impedire lo sviluppo di degenerazione maculare legata all'età (AMD), secondo la risultati di un team di ricercatori francesi.

Nel recente studio epidemiologico Alienor, i ricercatori dell'Inserm e dell'Università di Bordeaux hanno studiato le correlazioni tra l'AMD, la principale causa di perdita della vista nei paesi industrializzati e l'alimentazione.

Gli acidi grassi Omega-3 all'interno della macula hanno azioni e proprietà neuroprotettive che impediscono la crescita anormale dei vasi sanguigni, quindi aiutano a prevenire le malattie degenerative della retina come l'AMD.- Bénédicte Merle, ricercatrice, Inserm

"La dieta più vantaggiosa per prevenire l'AMD è a Dieta mediterranea ricco di frutta e verdura e abbastanza omega-3 dal pesce azzurro", ha affermato Bénédicte Merle, ricercatrice di Inserm e autrice principale dello studio.

I ricercatori hanno scoperto che seguire una dieta ricca di antiossidanti, acidi grassi polinsaturi omega-3, vitamina C e zinco aiuta a proteggere la macula, che fa parte della retina dell'occhio.

Vedi anche: Health News

L'adesione alla dieta mediterranea, che consiste in abbondanza di frutta, olio d'oliva, pesce azzurro, verdure e cereali integrali, ha dimostrato di prevenire o ritardare l'insorgenza della malattia, che non ha cura.

pubblicità

"Il follow-up dei 1,000 partecipanti alla coorte Alienor per più di otto anni ci ha permesso di evidenziare le forti relazioni tra fattori nutrizionali e AMD: acidi grassi omega-3, vitamine, dieta mediterranea e recentemente luteina plasmatica", ha detto Merle Olive Oil Times.

"Questo lavoro mette in evidenza l'importante ruolo della nutrizione nell'AMD e sottolinea che la prevenzione nutrizionale in questa malattia è una delle chiavi per ritardarne l'insorgenza", ha aggiunto.

La scoperta è significativa in quanto capovolge i risultati di a 2017 recensione della letteratura scientifica esistente, che ha concluso che l'evidenza secondo cui le persone che seguono una dieta ricca di antiossidanti, vitamine e minerali avevano meno probabilità di sviluppare AMD era inconcludente.

"L'assunzione di integratori di vitamina E o beta-carotene non preverrà né ritarderà l'insorgenza dell'AMD", hanno scritto i ricercatori. "Lo stesso vale probabilmente per la vitamina C e il multivitaminico (Centrum Silver) indagato nell'unico studio finora riportato. Non ci sono prove riguardo ad altri integratori antiossidanti, come la luteina e la zeaxantina”.

Tuttavia, i ricercatori coinvolti nello studio Alienor hanno seguito un gruppo di 963 residenti di Bordeaux di età pari o superiore a 73 anni. Alla fine, i ricercatori hanno ottenuto dati oftalmologici e sui carotenoidi plasmatici completi per 609 partecipanti.

Durante lo studio, i ricercatori hanno osservato da vicino il legame tra la presenza di luteina e zeaxantina nel plasma e lo sviluppo della malattia.

Un primo esame del sangue ha registrato i livelli di luteina e zeaxantina nei pazienti con misurazioni di follow-up effettuate ogni due anni. Nel corso dello studio, 54 pazienti hanno sviluppato AMD.

Entrambe le sostanze sono carotenoidi e sono abbondanti nelle verdure a foglia verde come spinaci, cavoli e bietole. Questi pigmenti sono altamente concentrati nella macula e svolgono un ruolo specifico nel funzionamento degli occhi. Nessuno dei due composti può essere sintetizzato dall'organismo e può essere ottenuto solo attraverso la dieta.

A differenza delle precedenti indagini, che esaminavano esclusivamente le informazioni dietetiche dei partecipanti, lo studio Alienor ha analizzato i loro campioni di sangue per dimostrare un legame definitivo tra i livelli di luteina e zeaxantina e un ridotto rischio di contrarre AMD.

"La macula, la parte centrale della retina, è molto ricca di acidi grassi polinsaturi omega-3, che provengono dai pesci grassi, così come luteina e zeaxantina", ha detto Merle.

"Gli acidi grassi Omega-3 all'interno della macula hanno azioni e proprietà neuroprotettive che impediscono la crescita anormale dei vasi sanguigni, quindi aiutano a prevenire le malattie degenerative della retina come l'AMD", ha aggiunto. "Luteina e zeaxantina svolgono un ruolo importante filtrando la luce blu che è tossica per la retina”.

I ricercatori hanno scoperto che livelli più elevati di carotenoidi nel sangue riducono il rischio di sviluppare AMD avanzata del 37 percento.

I risultati di questo studio aprono la strada a ulteriori ricerche sul ruolo della dieta nello sviluppo dell'AMD e di altre malattie oculari.

"Ora conosciamo i benefici di molti nutrienti sull'insorgenza dell'AMD, il prossimo passo sembra essere una sperimentazione clinica per convalidare il lavoro osservazionale", ha concluso Merle.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti